Mondo 7 dicembre 2018

Violenza in corsia, parla AMA la ‘FNOMCeO’ americana: «In 14 anni, nei nostri ospedali 200 sparatorie e 275 vittime»

L’American Medical Association a Sanità Informazione: «Le istituzioni federali devono agire per proteggere gli operatori sanitari, gli ospedali devono adottare piani di prevenzione e i medici devono seguire corsi di formazione per imparare a reagire nel modo corretto alle aggressioni»

Immagine articolo

In Italia si registra l’ennesimo caso di violenza in un ospedale, ma quello delle aggressioni al personale sanitario è un fenomeno drammaticamente presente in tanti altri Paesi del mondo. A partire dagli Stati Uniti, dove le statistiche vengono redatte tenendo in considerazione solo i casi di sparatorie, tanto è grave la situazione. Per capirne di più, abbiamo contattato l’American Medical Association, una sorta di FNOMCeO Oltreoceano, che ha evidenziato la gravità del problema e i rischi di violenza corsi da chi lavora in corsia.

«Tra il 2000 ed il 2011 – ci ha scritto l’AMA – sono state registrate 154 sparatorie che hanno coinvolto 148 ospedali e causato 235 vittime. Il 59% di queste sono avvenute all’interno delle strutture, soprattutto nei pronto soccorso e nelle stanze dei pazienti, mentre il 41% sul territorio circostante gli ospedali. Nel 91% dei casi, a sparare sono stati uomini. Tra i motivi principali che hanno scatenato le aggressioni, vendetta e risentimento, ma le vittime spesso sono i pazienti stessi che decidono di suicidarsi (21% degli episodi) o che chiedono ai familiari di porre fine alla loro vita (14%)».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA IN CORSIA, NASCE IL ‘TELEFONO ROSSO’ PER I MEDICI AGGREDITI

«Nel periodo 2011-2013, poi – prosegue l’AMA – si sono registrate altre 47 sparatorie, che hanno provocato 39 morti e 19 feriti. Il 60% di queste sono avvenute negli ospedali con un Centro Traumi e, nel 78% dei casi, chi ha sparato voleva colpire un obiettivo specifico».

Un vero bollettino di guerra, che ben esemplifica le ragioni di un dibattito, quello sulle armi, che da decenni divide gli Stati Uniti. Ma per prevenire la violenza, che include aggressioni fisiche e verbali, «si può fare molto di più», spiega l’AMA, che chiede a tutte le parti coinvolte di «attivarsi per aumentare la sicurezza degli operatori della sanità».

LEGGI ANCHE: USA, I MEDICI CONTRO LA NRA: SUI SOCIAL LE FOTO DEI CAMICI INSANGUINATI DOPO INTERVENTI SU FERITI DA ARMI DA FUOCO

In particolare, l’American Medical Association chiede alla Occupational Safety and Health Administration (l’agenzia governativa che deve garantire la sicurezza sul lavoro – OSHA) di sviluppare e implementare una nuova strategia di prevenzione della violenza nei contesti sanitari; chiede al Congresso di prevedere ulteriori finanziamenti per il National Institute for Occupational Safety and Health, cosicché possa valutare nuovi programmi e politiche di prevenzione della violenza contro gli operatori sanitari e aggiornare i corsi di formazione on line destinati a medici e infermieri; sollecita inoltre le strutture sanitarie ad adottare politiche che riducano il rischio di violenza e strumenti di denuncia che gli operatori possano facilmente trovare e compilare, oltre ad organizzare corsi di formazione sulla prevenzione e includere i medici nelle commissioni che si occupano di salute e sicurezza nel luogo di lavoro; infine, l’AMA incoraggia i medici a partecipare ai corsi di formazione per prevenire e rispondere alle minacce di violenza, a denunciare tutti gli episodi di aggressione e a promuovere una cultura di sicurezza sul luogo di lavoro.

«Gli operatori della sanità rappresentano una porzione significativa delle vittime della violenza sul lavoro – prosegue l’AMA -. La OSHA ha adottato dei piani di prevenzione per proteggere medici e infermieri dagli atti di violenza ma, considerati i rischi che corrono, non sono sufficienti. Sono necessari studi ulteriori per migliorarne l’efficacia nelle strutture sanitarie. In alcuni stati, poi, i piani di prevenzione sono obbligatori, in altri no. Una strategia omogenea per tutti gli Stati Uniti adottata dal governo federale – conclude l’American Medical Association – contribuirebbe a preparare meglio gli operatori sanitari di tutto il territorio ad affrontare le aggressioni negli ospedali».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE AGGRESSIONI AI MEDICI

Articoli correlati
Aggressioni, l’87% medici continuità assistenziale si sente in pericolo. Maio (FIMMG): «Necessaria procedibilità d’ufficio»
Il segretario nazionale per la continuità assistenziale della FIMMG: «Molto spesso i medici vengono minacciati rispetto ad un’eventuale denuncia dell’aggressione subita. Così il fenomeno rimane sommerso»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Libia, Foad Aodi (Amsi): «Basta morti nel mare, è finita la pacchia sulla pelle dei migranti»
Ancora tragedie del mare. 117 migranti, tra cui donne e bambini, sono morti lo scorso weekend a causa dell’affondamento di un gommone a largo della Libia. L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e l’Unione medica euro mediterranea (Umem) insieme alle associazioni aderenti al movimento Internazionale “Uniti […]
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l’immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Firenze, panchine rosse nei giardini per il no alla violenza sulle donne
Anche a Firenze, sono arrivate le panchine rosse nei giardini pubblici come simbolo della violenza contro le donne. Parchi, università, luoghi di lavoro di tante altre città d’Italia hanno aderito all’iniziativa per sensibilizzare la popolazione ad una tematica così importante, delicata e di dolorosa attualità. Le panchine rosse sono state donate al Comune e posizionate nei cinque […]
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...