Mondo 7 dicembre 2018

Violenza in corsia, parla AMA la ‘FNOMCeO’ americana: «In 14 anni, nei nostri ospedali 200 sparatorie e 275 vittime»

L’American Medical Association a Sanità Informazione: «Le istituzioni federali devono agire per proteggere gli operatori sanitari, gli ospedali devono adottare piani di prevenzione e i medici devono seguire corsi di formazione per imparare a reagire nel modo corretto alle aggressioni»

Immagine articolo

In Italia si registra l’ennesimo caso di violenza in un ospedale, ma quello delle aggressioni al personale sanitario è un fenomeno drammaticamente presente in tanti altri Paesi del mondo. A partire dagli Stati Uniti, dove le statistiche vengono redatte tenendo in considerazione solo i casi di sparatorie, tanto è grave la situazione. Per capirne di più, abbiamo contattato l’American Medical Association, una sorta di FNOMCeO Oltreoceano, che ha evidenziato la gravità del problema e i rischi di violenza corsi da chi lavora in corsia.

«Tra il 2000 ed il 2011 – ci ha scritto l’AMA – sono state registrate 154 sparatorie che hanno coinvolto 148 ospedali e causato 235 vittime. Il 59% di queste sono avvenute all’interno delle strutture, soprattutto nei pronto soccorso e nelle stanze dei pazienti, mentre il 41% sul territorio circostante gli ospedali. Nel 91% dei casi, a sparare sono stati uomini. Tra i motivi principali che hanno scatenato le aggressioni, vendetta e risentimento, ma le vittime spesso sono i pazienti stessi che decidono di suicidarsi (21% degli episodi) o che chiedono ai familiari di porre fine alla loro vita (14%)».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA IN CORSIA, NASCE IL ‘TELEFONO ROSSO’ PER I MEDICI AGGREDITI

«Nel periodo 2011-2013, poi – prosegue l’AMA – si sono registrate altre 47 sparatorie, che hanno provocato 39 morti e 19 feriti. Il 60% di queste sono avvenute negli ospedali con un Centro Traumi e, nel 78% dei casi, chi ha sparato voleva colpire un obiettivo specifico».

Un vero bollettino di guerra, che ben esemplifica le ragioni di un dibattito, quello sulle armi, che da decenni divide gli Stati Uniti. Ma per prevenire la violenza, che include aggressioni fisiche e verbali, «si può fare molto di più», spiega l’AMA, che chiede a tutte le parti coinvolte di «attivarsi per aumentare la sicurezza degli operatori della sanità».

LEGGI ANCHE: USA, I MEDICI CONTRO LA NRA: SUI SOCIAL LE FOTO DEI CAMICI INSANGUINATI DOPO INTERVENTI SU FERITI DA ARMI DA FUOCO

In particolare, l’American Medical Association chiede alla Occupational Safety and Health Administration (l’agenzia governativa che deve garantire la sicurezza sul lavoro – OSHA) di sviluppare e implementare una nuova strategia di prevenzione della violenza nei contesti sanitari; chiede al Congresso di prevedere ulteriori finanziamenti per il National Institute for Occupational Safety and Health, cosicché possa valutare nuovi programmi e politiche di prevenzione della violenza contro gli operatori sanitari e aggiornare i corsi di formazione on line destinati a medici e infermieri; sollecita inoltre le strutture sanitarie ad adottare politiche che riducano il rischio di violenza e strumenti di denuncia che gli operatori possano facilmente trovare e compilare, oltre ad organizzare corsi di formazione sulla prevenzione e includere i medici nelle commissioni che si occupano di salute e sicurezza nel luogo di lavoro; infine, l’AMA incoraggia i medici a partecipare ai corsi di formazione per prevenire e rispondere alle minacce di violenza, a denunciare tutti gli episodi di aggressione e a promuovere una cultura di sicurezza sul luogo di lavoro.

«Gli operatori della sanità rappresentano una porzione significativa delle vittime della violenza sul lavoro – prosegue l’AMA -. La OSHA ha adottato dei piani di prevenzione per proteggere medici e infermieri dagli atti di violenza ma, considerati i rischi che corrono, non sono sufficienti. Sono necessari studi ulteriori per migliorarne l’efficacia nelle strutture sanitarie. In alcuni stati, poi, i piani di prevenzione sono obbligatori, in altri no. Una strategia omogenea per tutti gli Stati Uniti adottata dal governo federale – conclude l’American Medical Association – contribuirebbe a preparare meglio gli operatori sanitari di tutto il territorio ad affrontare le aggressioni negli ospedali».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE AGGRESSIONI AI MEDICI

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
Violenza in corsia, nasce il “Telefono Rosso” per i medici aggrediti
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Il caso della dottoressa di Crotone è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze fisiche, verbali e anche sui social network. Con il nuovo servizio supporto umano e legale alle vittime: prossimo passo il Tribunale del Medico da affiancare a quello del Malato»
Violenza sulle donne, il ruolo del dentista “sentinella”. Santaniello (ANDI): «Se formato può intercettare segni di maltrattamenti»
«Se sa riconoscere la violenza attraverso dei segnali come una ferita, un dente fratturato o un’ecchimosi, il dentista può indirizzare la vittima verso strutture assistenziali di competenza». Così la presidente Andi Sabrina Santaniello
In Italia aggredito 1 medico su 2, il 70% vittime è donna e la responsabilità può ricadere anche sulle strutture sanitarie
Consulcesi & Partners, il network legale nato sulla scia delle ventennali vittorie di Consulcesi nei tribunali di tutta Italia al fianco dei medici, spiega come ci sia una responsabilità concreta del datore di lavoro pubblico o privato che non tuteli adeguatamente i camici bianchi
Violenza donne, OMCeO Roma celebra giornata contro il femminicidio. Scalise: «Riconoscere comportamento a rischio all’interno della coppia»
Tra gli ospiti del workshop il Magistrato del Tribunale di Roma Antonio Calaresu: «La violenza di genere è frutto del pregiudizio di genere; ha radici educative gravi e profonde. Ricordiamoci, noi genitori, di non fare distinzioni “di genere” nell'educazione dei figli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...