Mondo 7 Dicembre 2018

Violenza in corsia, parla AMA la ‘FNOMCeO’ americana: «In 14 anni, nei nostri ospedali 200 sparatorie e 275 vittime»

L’American Medical Association a Sanità Informazione: «Le istituzioni federali devono agire per proteggere gli operatori sanitari, gli ospedali devono adottare piani di prevenzione e i medici devono seguire corsi di formazione per imparare a reagire nel modo corretto alle aggressioni»

Immagine articolo

In Italia si registra l’ennesimo caso di violenza in un ospedale, ma quello delle aggressioni al personale sanitario è un fenomeno drammaticamente presente in tanti altri Paesi del mondo. A partire dagli Stati Uniti, dove le statistiche vengono redatte tenendo in considerazione solo i casi di sparatorie, tanto è grave la situazione. Per capirne di più, abbiamo contattato l’American Medical Association, una sorta di FNOMCeO Oltreoceano, che ha evidenziato la gravità del problema e i rischi di violenza corsi da chi lavora in corsia.

«Tra il 2000 ed il 2011 – ci ha scritto l’AMA – sono state registrate 154 sparatorie che hanno coinvolto 148 ospedali e causato 235 vittime. Il 59% di queste sono avvenute all’interno delle strutture, soprattutto nei pronto soccorso e nelle stanze dei pazienti, mentre il 41% sul territorio circostante gli ospedali. Nel 91% dei casi, a sparare sono stati uomini. Tra i motivi principali che hanno scatenato le aggressioni, vendetta e risentimento, ma le vittime spesso sono i pazienti stessi che decidono di suicidarsi (21% degli episodi) o che chiedono ai familiari di porre fine alla loro vita (14%)».

LEGGI ANCHE: VIOLENZA IN CORSIA, NASCE IL ‘TELEFONO ROSSO’ PER I MEDICI AGGREDITI

«Nel periodo 2011-2013, poi – prosegue l’AMA – si sono registrate altre 47 sparatorie, che hanno provocato 39 morti e 19 feriti. Il 60% di queste sono avvenute negli ospedali con un Centro Traumi e, nel 78% dei casi, chi ha sparato voleva colpire un obiettivo specifico».

Un vero bollettino di guerra, che ben esemplifica le ragioni di un dibattito, quello sulle armi, che da decenni divide gli Stati Uniti. Ma per prevenire la violenza, che include aggressioni fisiche e verbali, «si può fare molto di più», spiega l’AMA, che chiede a tutte le parti coinvolte di «attivarsi per aumentare la sicurezza degli operatori della sanità».

LEGGI ANCHE: USA, I MEDICI CONTRO LA NRA: SUI SOCIAL LE FOTO DEI CAMICI INSANGUINATI DOPO INTERVENTI SU FERITI DA ARMI DA FUOCO

In particolare, l’American Medical Association chiede alla Occupational Safety and Health Administration (l’agenzia governativa che deve garantire la sicurezza sul lavoro – OSHA) di sviluppare e implementare una nuova strategia di prevenzione della violenza nei contesti sanitari; chiede al Congresso di prevedere ulteriori finanziamenti per il National Institute for Occupational Safety and Health, cosicché possa valutare nuovi programmi e politiche di prevenzione della violenza contro gli operatori sanitari e aggiornare i corsi di formazione on line destinati a medici e infermieri; sollecita inoltre le strutture sanitarie ad adottare politiche che riducano il rischio di violenza e strumenti di denuncia che gli operatori possano facilmente trovare e compilare, oltre ad organizzare corsi di formazione sulla prevenzione e includere i medici nelle commissioni che si occupano di salute e sicurezza nel luogo di lavoro; infine, l’AMA incoraggia i medici a partecipare ai corsi di formazione per prevenire e rispondere alle minacce di violenza, a denunciare tutti gli episodi di aggressione e a promuovere una cultura di sicurezza sul luogo di lavoro.

«Gli operatori della sanità rappresentano una porzione significativa delle vittime della violenza sul lavoro – prosegue l’AMA -. La OSHA ha adottato dei piani di prevenzione per proteggere medici e infermieri dagli atti di violenza ma, considerati i rischi che corrono, non sono sufficienti. Sono necessari studi ulteriori per migliorarne l’efficacia nelle strutture sanitarie. In alcuni stati, poi, i piani di prevenzione sono obbligatori, in altri no. Una strategia omogenea per tutti gli Stati Uniti adottata dal governo federale – conclude l’American Medical Association – contribuirebbe a preparare meglio gli operatori sanitari di tutto il territorio ad affrontare le aggressioni negli ospedali».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLE AGGRESSIONI AI MEDICI

Articoli correlati
Da 500 a 5 mila euro di multa per chi offende o molesta il personale sanitario: la Camera approva
Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta dal centrodestra
Violenza medici, trend in aumento: il 55% degli operatori vittima di aggressioni. L’indagine Anaao Assomed
Gli psichiatri i camici bianchi più colpiti, seguiti dai colleghi del pronto soccorso. Ma l'80% delle aggressioni non viene denunciato
Origine coronavirus, pesanti accuse tra USA e Cina. Trump: «Prove di errori e ritardi». Pechino: «Falsità»
E così quelle che erano nate come teorie complottiste sull’origine del virus arrivano ad occupare la scena della geopolitica internazionale. Maggio si è infatti aperto con un duro scambio di accuse tra l’amministrazione statunitense ed il colosso cinese, all’ombra di una guerra commerciale che sembrava essersi sopita e di una campagna presidenziale che entra sempre […]
Ansia, depressione e ossessioni da coronavirus. Conte (Ordine psicologi Lazio): «Così rispondiamo alle esigenze dei cittadini»
Il nuovo servizio di consulenze psicologiche a distanza dell’Ordine degli psicologi del Lazio ha ottenuto un boom di consensi tra i cittadini. Disturbi dell'umore, solitudine, paura rispetto al futuro e incertezza: ecco le richieste più frequenti
Coronavirus negli Usa, un medico italiano in Arizona: «Pochi tamponi, si sottovaluta il rischio»
Francesca Polverino, pneumologa alla guida di un gruppo di ricerca sull’enfisema: «Il governo della mia regione invita a rimanere a casa solo in presenza di sintomi. Non ci sono strategie, il danno sarà più ingente dell’Italia»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...