Sanità internazionale 20 Novembre 2018

USA, i medici contro la NRA: sui social le foto dei camici insanguinati dopo interventi su feriti da armi da fuoco

Negli Stati Uniti è in corso uno scontro tra medici e la National Rifle Association, l’organizzazione a favore dei detentori di armi da fuoco. Dopo la pubblicazione di una serie di studi sulle ferite e le morti da armi da fuoco sulla rivista Annals of Internal Medicine, la NRA ha chiesto ai medici in un […]

Immagine articolo

Negli Stati Uniti è in corso uno scontro tra medici e la National Rifle Association, l’organizzazione a favore dei detentori di armi da fuoco. Dopo la pubblicazione di una serie di studi sulle ferite e le morti da armi da fuoco sulla rivista Annals of Internal Medicine, la NRA ha chiesto ai medici in un tweet per «restare al proprio posto». Il social network è stato quindi sommerso di foto pubblicate dai medici che mostrano camici insanguinati e sale operatorie coperte di sangue, effetto degli interventi su feriti da armi da fuoco. Tutti corredati dall’hashtag #ThisIsMyLane (Questo è il mio posto).

Il problema delle stragi e della detenzione delle armi negli Stati Uniti è noto a tutti. Ed è proprio di poche ore fa la notizia dell’ennesima sparatoria, questa volta proprio in un ospedale di Chicago, costata la vita ad una dottoressa, un’infermiera, un poliziotto ed il killer, ucciso dalla polizia intervenuta sulla scena. Il personale sanitario ha cercato di rispondere alla crisi chiudendo i pazienti nei reparti, ma molti hanno cercato di scappare, compresi, secondo i media locali, alcuni malati con le sedie a rotelle. 

Ma oltre alla protesta social contro la NRA, si è mobilitato anche l’Annals of Internal Medicine, con un editoriale a firma della presidente dell’American College of Physicians’ Health and Policy Committee Sue Bornstein, la direttrice della rivista Christine Laine e l’editore Darren Taichman. Oltre ad evidenziare nuovamente le gravi conseguenze per la salute delle ferite da armi da fuoco, l’editoriale sottolinea anche la necessità di implementare la ricerca sull’argomento: «Ad oggi – si legge – lo studio di tematiche importanti che potrebbero aiutare a ridurre le conseguenze delle ferite da armi da fuoco sono ostacolate dall’assenza di finanziamenti e dalla paura dei ricercatori che lo studio di qualunque cosa legata alle armi possa bloccare le loro carriere».

LEGGI ANCHE: IL 10% DELLE DOTTORESSE AMERICANE HA SUBITO MOLESTIE SESSUALI

Articoli correlati
Alzheimer, sbarca negli Stati Uniti il primo kit per la diagnosi precoce
Ogni anno 9,9 milioni di nuovi casi della malattia. Nel mese dedicato dall’Organizzazione mondiale della sanità all’auto-cura, via al programma che permette di diagnosticare la presenza di fattori di rischio della malattia tra cui il Rame Libero
di Federica Bosco
Allarme morbillo a New York, 285 i casi in città. Dichiarato lo stato d’emergenza sanitaria
Il timore è che l'epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. Il sindaco De Blasio ha scelto la linea dura. «Il vaccino contro il morbillo funziona - l'appello del sindaco - è sicuro, è efficace e salva la vita»
Gli americani prendono in prestito 88 miliardi di dollari l’anno per pagarsi le cure
Un americano su otto, lo scorso anno, è ricorso ad un prestito per permettersi di pagare le cure. 88 miliardi di dollari la cifra totale che è stata richiesta, 65 milioni gli adulti che hanno rinunciato a curarsi a causa dei costi della sanità. Un quarto della popolazione ha dovuto prestare attenzione alle spese per pagare assistenza […]
Violenza in corsia, parla AMA la ‘FNOMCeO’ americana: «In 14 anni, nei nostri ospedali 200 sparatorie e 275 vittime»
L’American Medical Association a Sanità Informazione: «Le istituzioni federali devono agire per proteggere gli operatori sanitari, gli ospedali devono adottare piani di prevenzione e i medici devono seguire corsi di formazione per imparare a reagire nel modo corretto alle aggressioni»
Perché gli USA hanno minacciato i Paesi favorevoli ad una risoluzione OMS sull’allattamento al seno
Gli Stati Uniti avrebbero provato a boicottare la risoluzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che incoraggia l‘allattamento al seno e limita il latte artificiale. A denunciare la vicenda è stato il New York Times, secondo il quale l’amministrazione USA avrebbe tentato di difendere gli interessi di aziende americane produttrici di latte artificiale, nonostante numerose ricerche abbiano […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone