Sanità internazionale 20 Novembre 2018 14:39

USA, i medici contro la NRA: sui social le foto dei camici insanguinati dopo interventi su feriti da armi da fuoco

Negli Stati Uniti è in corso uno scontro tra medici e la National Rifle Association, l’organizzazione a favore dei detentori di armi da fuoco. Dopo la pubblicazione di una serie di studi sulle ferite e le morti da armi da fuoco sulla rivista Annals of Internal Medicine, la NRA ha chiesto ai medici in un […]

USA, i medici contro la NRA: sui social le foto dei camici insanguinati dopo interventi su feriti da armi da fuoco

Negli Stati Uniti è in corso uno scontro tra medici e la National Rifle Association, l’organizzazione a favore dei detentori di armi da fuoco. Dopo la pubblicazione di una serie di studi sulle ferite e le morti da armi da fuoco sulla rivista Annals of Internal Medicine, la NRA ha chiesto ai medici in un tweet per «restare al proprio posto». Il social network è stato quindi sommerso di foto pubblicate dai medici che mostrano camici insanguinati e sale operatorie coperte di sangue, effetto degli interventi su feriti da armi da fuoco. Tutti corredati dall’hashtag #ThisIsMyLane (Questo è il mio posto).

Il problema delle stragi e della detenzione delle armi negli Stati Uniti è noto a tutti. Ed è proprio di poche ore fa la notizia dell’ennesima sparatoria, questa volta proprio in un ospedale di Chicago, costata la vita ad una dottoressa, un’infermiera, un poliziotto ed il killer, ucciso dalla polizia intervenuta sulla scena. Il personale sanitario ha cercato di rispondere alla crisi chiudendo i pazienti nei reparti, ma molti hanno cercato di scappare, compresi, secondo i media locali, alcuni malati con le sedie a rotelle. 

Ma oltre alla protesta social contro la NRA, si è mobilitato anche l’Annals of Internal Medicine, con un editoriale a firma della presidente dell’American College of Physicians’ Health and Policy Committee Sue Bornstein, la direttrice della rivista Christine Laine e l’editore Darren Taichman. Oltre ad evidenziare nuovamente le gravi conseguenze per la salute delle ferite da armi da fuoco, l’editoriale sottolinea anche la necessità di implementare la ricerca sull’argomento: «Ad oggi – si legge – lo studio di tematiche importanti che potrebbero aiutare a ridurre le conseguenze delle ferite da armi da fuoco sono ostacolate dall’assenza di finanziamenti e dalla paura dei ricercatori che lo studio di qualunque cosa legata alle armi possa bloccare le loro carriere».

LEGGI ANCHE: IL 10% DELLE DOTTORESSE AMERICANE HA SUBITO MOLESTIE SESSUALI

Articoli correlati
Negli Usa oltre 2500 decessi al giorno per Covid. Un medico italiano: «Politica scellerata, unica salvezza il vaccino per tutti»
Francesca Polverino, pneumologa in Arizona: «Vorrei che gli italiani fossero più responsabili, noi in Usa siamo l’esempio di cosa può accadere se il lockdown non viene fatto o rispettato»
di Federica Bosco
Elezioni Usa, cosa pensano Biden e Trump della sanità?
Poco più di venti giorni all’election day: come cambierà il sistema sanitario USA fra una presidenza democratica o repubblicana
di Tommaso Caldarelli
Covid negli Usa, cosa non ha funzionato nelle scelte di Trump
Una dottoressa italiana in Arizona: «È stato fatto tutto molto male. Folle lasciare libero arbitrio alla popolazione»
di Federica Bosco
Origine coronavirus, pesanti accuse tra USA e Cina. Trump: «Prove di errori e ritardi». Pechino: «Falsità»
E così quelle che erano nate come teorie complottiste sull’origine del virus arrivano ad occupare la scena della geopolitica internazionale. Maggio si è infatti aperto con un duro scambio di accuse tra l’amministrazione statunitense ed il colosso cinese, all’ombra di una guerra commerciale che sembrava essersi sopita e di una campagna presidenziale che entra sempre […]
Coronavirus negli Usa, un medico italiano in Arizona: «Pochi tamponi, si sottovaluta il rischio»
Francesca Polverino, pneumologa alla guida di un gruppo di ricerca sull’enfisema: «Il governo della mia regione invita a rimanere a casa solo in presenza di sintomi. Non ci sono strategie, il danno sarà più ingente dell’Italia»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...