Sanità internazionale 18 Giugno 2018

Il 10% delle dottoresse americane ha subito molestie sessuali

Anche i medici di Oltreoceano devono fare i conti con il fenomeno delle aggressioni. Soprattutto se donne. E proprio dove è nato il movimento #metoo, neanche le dottoresse sono libere dall’incubo delle molestie sessuali. Secondo uno studio di Medscape, una dottoressa su 10 e il 15% delle specializzande hanno avuto un’esperienza di molestie sessuali sul […]

Immagine articolo

Anche i medici di Oltreoceano devono fare i conti con il fenomeno delle aggressioni. Soprattutto se donne. E proprio dove è nato il movimento #metoo, neanche le dottoresse sono libere dall’incubo delle molestie sessuali. Secondo uno studio di Medscape, una dottoressa su 10 e il 15% delle specializzande hanno avuto un’esperienza di molestie sessuali sul lavoro negli ultimi tre anni. In generale, poi, riferisce di averle subite il 7% dei medici (12% donne, 4% uomini) e il 9% degli specializzandi (16% contro 4%). Le percentuali mostrano quindi come il problema sia principalmente (ma non esclusivamente) femminile.

LEGGI ANCHE: SANITÀ, I DATI CHOC DEL SONDAGGIO ANAAO: DUE MEDICI SU TRE DENUNCIANO AGGRESSIONI

Lo studio ha coinvolto oltre 3.700 professionisti. Il 47% dei medici (uomini e donne) vittima di una molestia sessuale riferisce di essere stato insidiato da un collega. Negli altri casi si è trattato di amministrativi, personale non medico o pazienti, ma anche infermieri e studenti. Nel caso delle dottoresse, il 97% ha indicato un uomo come aggressore, mentre i medici sono stati molestati da una donna nel 77% dei casi. La maggioranza delle vittime di molestie sessuali aveva fra 35 e 44 anni. Da evidenziare, inoltre, che solo un quarto di tutti gli ‘incidenti’ segnalati ha portato ad un’indagine e si è intervenuti nel 38% dei casi.

Apprezzamenti pesanti sul proprio fisico, palpeggiamenti, abbracci e altri contatti fisici indesiderati o esplicite allusioni sessuali sono fra le molestie più comuni descritte dalle dottoresse. Ma non sono mancate le ripetute richieste di appuntamenti, proposte esplicite o ‘pseudo-corteggiamenti’ con messaggini ed e-mail indesiderati. Più rare le aggressioni sessuali, gli stupri o i ricatti, con la proposta di una promozione in cambio di prestazioni sessuali.

LEGGI ANCHE: «SI RISCHIA AD OGNI TURNO LA VITA, MA VOGLIO TORNARE LO STESSO A FARE IL MEDICO». PARLA LA DOTTORESSA VITTIMA DI VIOLENZA

«Il report sottolinea la necessità di intervenire sul tema delle molestie nella comunità medica e di assicurare che le vittime siano ascoltate», afferma Hansa Bhargava, direttore di Medscape Medical. «È il momento di renderci conto della realtà del problema: le molestie possono verificarsi anche nel mondo sanitario e molte vittime sentono che le proprie denunce non saranno prese sul serio». Anche perché a spaventare le vittime è anche di veder macchiata la propria reputazione. Così molte tacciono. Insomma, occorre un cambio di passo, magari sfruttando l’onda lunga del #metoo.

Articoli correlati
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Ddl aggressioni, Cifaldi: «Occasione persa assenza obbligo aziende di costituirsi parte civile»
Alla Camera dei Deputati è saltato l’obbligo da parte delle Asl e delle aziende ospedaliere di procedere d’ufficio costituendosi parte civile nei processi che coinvolgono i medici e gli altri operatori sanitari vittime d’aggressione. LEGGI ANCHE: DDL AGGRESSIONI, VIA LIBERA DALLA CAMERA: PENE PIU SEVERE E MULTE FINO A 5MILA EURO. SALTA OBBLIGO DI COSTITUZIONE PARTE […]
di Luciano Cifaldi, oncologo, Segretario Cisl Medici Lazio
Da 500 a 5 mila euro di multa per chi offende o molesta il personale sanitario: la Camera approva
Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta dal centrodestra
Violenza medici, trend in aumento: il 55% degli operatori vittima di aggressioni. L’indagine Anaao Assomed
Gli psichiatri i camici bianchi più colpiti, seguiti dai colleghi del pronto soccorso. Ma l'80% delle aggressioni non viene denunciato
Covid-19, caos tamponi. Dai 12 della Campania ai 130 della Valle d’Aosta, ogni Regione fa da sé. Il Report Gimbe
Gimbe: «Estendere il numero dei tamponi e fissare una soglia minima giornaliera di 250 test per 100.000 abitanti per evitare comportamenti opportunistici delle Regioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco