Mondo 14 Marzo 2022 08:51

Un’abitazione e un lavoro, Fondazione Falco cerca di ricostruire il futuro per i profughi ucraini

Il progetto si chiama Friend For Refugees ideato da Fabrizio Protti presidente dello Sportello Amianto Nazionale e direttore della Fondazione Emilio Falco. L’iniziativa condivisa con istituzioni ed enti locali permetterà a 800 persone di trovare una occupazione nelle aziende del territorio

Cartoni animati e giocattoli cercano di regalare un sorriso a tanti bambini ucraini e far dimenticare loro l’incubo delle guerra. Al centro profughi di Radauti in Moldavia hanno trovato riparo donne e bambini grazie alla generosità di tante associazioni ed enti, tra cui Fondazione Emilio Falco diretta da Fabrizio Protti, filantropo italiano, presidente dello Sportello Amianto Nazionale e consulente di diverse aziende locali.

«Stiamo costruendo con il governo rumeno un progetto per l’inserimento sociale dei profughi che vorranno fermarsi in Romania – racconta -. Ieri mattina ho avuto un incontro con il senatore Soptica Costel, presidente delle PNL e con il prefetto Sorin Cornil per la regione di Botosani, a nord del paese dove si svilupperà l’iniziativa. Nel frattempo, abbiamo predisposto l’accoglienza per i profughi in appartamenti in grado di proteggerli dalle temperature molto rigide del momento».

Primo impegno: una casa per 20 famiglie

Per donne e bambini oggi in fuga la salvezza potrebbe essere a due passi dal confine: in Romania, dove Fondazione Emilio Falco, grazie alle relazioni internazionali e alle istituzioni, ha creato un progetto che permetterà ai profughi di lavorare nelle aziende del territorio. «Ho voluto intitolare la Fondazione a un imprenditore italiano del settore tessile tra i più lungimiranti, morto nel 2017, ma ancora presente sul territorio con una decina di aziende gestite dagli eredi che si sono messe a disposizione, insieme ad altre, per accogliere 800 lavoratori e un migliaio di alloggi. Oggi è il primo giorno di attività sul territorio e accaseremo le prime venti famiglie in appartamenti messi a disposizione dalle istituzioni».

Situazione drammatica: primi focolai di Covid nei campi profughi

Il numero dei profughi che chiedono aiuto è in aumento come sottolinea Fabrizio Protti: «La situazione è drammatica, è faticoso mantenere un equilibrio perché sono categorie fragili e si legge negli occhi dei bambini lo smarrimento». Di Covid non si parla più, in Romania come in molti paesi dell’est mascherine e tamponi non sono la consuetudine e l’emergenza sanitaria legata al virus sembra dimenticata, anche se non è risolta. «Spesso arrivano persone positive e abbiamo notizie di focolai che si stanno sviluppando in alcuni centri di accoglienza dove donne e bambini in apparenza senza problemi di salute, dopo poche ore hanno crolli fisici».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...