Mondo 3 Marzo 2022 09:58

«Chi fugge dalla guerra in Ucraina e chi organizza la resistenza». Il video-racconto di Degani (Uneba), in missione

«Siamo arrivati a Siret, in Romania, al confine con l’Ucraina dove abbiamo allestito un campo di primo soccorso per produzione e distribuzione del cibo. Dinnanzi a noi giovani universitari indiani che cercano di rientrare in patria, donne e bambini che fuggono dalla guerra, ma anche civili che stanno organizzando un esercito per la resistenza. Il Covid? Non fa più paura»

Sono partiti lunedì mattina da Milano con cinque furgoni attrezzati con una cucina mobile, cibo, beni di prima necessità, tende, sacchi a pelo, abiti e prodotti per l’igiene per raggiungere il confine con l’Ucraina. Sono i volontari di Fondazione Arca che dopo 30 ore di viaggio sono arrivati a Siret dove si sono attivati subito per allestire un campo di primo soccorso. Tra loro anche Luca Degani presidente di Uneba Lombardia che abbiamo raggiunto con una videochiamata.

In fuga i giovani indiani a Kiev per l’Erasmus

«Siamo in Romania, al confine tra Moldavia e Ucraina in una palestra che ospita 600 giovani indiani. Sono i ragazzi dell’Università di Nuova Dehli che stavano facendo l’Erasmus a Kiev e sono fuggiti allo scoppiare della guerra. Ora sono in attesa di prendere un volo per rientrare in patria, ma a causa del blocco aereo sono costretti a restare in questo luogo e sui loro volti si legge incredulità e spavento».  Sguardi di speranza di tanti giovani indiani che si incrociano con quelli dei volontari e di chi invece non ha un luogo dove andare. Sono le mamme e i bambini dell’Ucraina tenuti in una zona confinata, in attesa di un passaggio lontano dalla guerra. «Vengono fatti passare a piccoli numeri – spiega il Presidente di Uneba Lombardia – una buona parte riescono a partire con i trasporti gratuiti messi a disposizione dalle Ong o organizzati dalla pubblica amministrazione, con costi minimi».

Il rischio di cadere nella trappola della criminalità organizzata

Per i meno fortunati la fuga rischia di trasformarsi in un incubo se finiscono nella rete delle organizzazioni criminali. «Ci sono gruppi che si fanno pagare 500 euro per un viaggio oppure vanno ad alimentare il circuito della prostituzione – ammette Degani -. Fortunatamente sono piccoli numeri, ma purtroppo presenti in questo contesto di disperazione e di paura che si allarga a macchia d’olio anche in Moldavia dove gli uomini sono impossibilitati ad uscire dal confine, mentre le donne e i bambini vanno ad accrescere il numero dei profughi in fuga».

Esercito civile

I bombardamenti sono lontani, appena si avverte qualche eco lontano, ma la paura si legge sui volti delle donne e dei bambini che cercano una via di fuga. Per lo più ambiscono a raggiungere famigliari o amici in qualche paese europeo, chi non sa dove andare attende un autobus o un passaggio verso l’ignoto. «La percezione di paura e di preoccupazione è tanta, ma c’è anche una frangia di popolazione che chiede un genere di aiuto che non daremo – racconta Degani – sono i civili che si stanno organizzando con le armi per creare un esercito civile».

Mascherine e tamponi dimenticati, il Covid non fa più paura

L’impegno dei volontari di Fondazione Arca non si esaurisce con la produzione e la distribuzione di cibo e altri generi alimentari, ma, con l’ausilio di tamponi hanno il compito di monitorare l’andamento della pandemia da Covid. «Devo dire in tutta schiettezza e con un senso di difficoltà che ci chiediamo se è opportuno farli avendo dinnanzi giovani indiani che sperano di rientrare in patria prima possibile ed una popolazione che non usa le mascherine perché è un fattore comportamentale non accettato. Non vediamo una mascherina da almeno 12 ore – spiega il Presidente di Uneba Lombardia – In questo contesto il virus è l’ultimo dei pensieri, ma cercheremo di fare i tamponi almeno alla popolazione locale». La missione di Fondazione Arca si conclude mercoledì sera. Il viaggio di rientro si prospetta però molto difficoltoso anche lontano dal confine ucraino, in Ungheria infatti i volontari, che stanno cercando di mettere in salvo quattro donne con bambini, vengono bloccati. Da oltre otto ore sono in attesa di un lasciapassare per rientrare in Italia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...