Mondo 12 Settembre 2019

Salute migranti, il modello FNOMCeO e Regione Puglia arriva all’ONU

Il presidente Anelli invitato a Ginevra dalle Nazioni Unite: «La legge pugliese una novità assoluta che sancisce il diritto alle cure anche agli immigrati irregolari». FNOMCeO promotrice di corsi di formazione ad hoc per l’accoglienza sanitaria

Iscrizione all’anagrafe sanitaria, assegnazione di un medico di base, presa in carico sia per quanto riguarda gli acuti sia le cronicità. È la norma per ogni cittadino italiano, è l’iter da seguire per gli immigrati in regola, ma è una novità assoluta per gli immigrati irregolarmente presenti sul territorio italiano. Una novità, o meglio un unicum che appartiene alla Puglia, e che è valso al presidente della FNOMCeO Filippo Anelli l’invito delle Nazioni Unite a relazionare a Ginevra il prossimo 20 settembre circa l’esperienza della Regione Puglia in materia di assistenza sanitaria agli immigrati. All’epoca dell’entrata in vigore della normativa, infatti, Anelli era segretario generale della FIMMG Bari. La case history sarà presentata in occasione dell’evento sul Diritto alla salute dei migranti che si terrà nell’ambito della quarantaduesima sessione ordinaria del Consiglio per i Diritti umani dell’ONU.

LEGGI ANCHE: SALUTE MIGRANTI, UN CORSO ECM DI FNOMCeO E SANITÀ DI FRONTIERA OIS PER CURARE LE FERITE INVISIBILI

«È stata una piacevole sorpresa – confida Anelli ai nostri microfoni – sapere che le Nazioni Unite ritengono l’articolata modalità di assistenza degli immigrati della Puglia non solo come meritevole di attenzione ma come best practice da proporre all’Europa. La legge n.32/2009 della Regione Puglia – spiega Anelli – varata sotto l’amministrazione Vendola prevede come novità assoluta che tutti gli immigrati siano iscritti al Servizio sanitario nazionale, abbiano cioè gli stessi diritti dei cittadini italiani. È la traduzione in termini concreti di quell’auspicio contenuto nella nostra Costituzione che garantisce il diritto alla salute ad ogni persona presente sul suolo italiano o, come ormai spesso accade, sui ponti delle navi italiane. L’iscrizione al Ssn – continua – comporta anche la scelta di un medico di famiglia, il che significa poter garantire a queste persone di ricevere cure anche per malattie croniche. Finora infatti agli immigrati veniva assicurato solo il trattamento dell’emergenza urgenza, delle acuzie. Ora invece – specifica il presidente FNOMCeO –  in Puglia grazie a questa legge è possibile curare diabete, ipertensione, artrosi, dolori reumatici, bronchiti croniche, asma, ed è possibile curare i bambini dalle tante malattie croniche da cui sono affetti, così come i tumori senza attendere la fase di allarme».

«La sensibilità della FNOMCeO su questo tema è altissima – prosegue Anelli -. Noi giuriamo su un codice che impone di non attuare alcuna discriminazione verso la persona che si affida alle nostre cure. Non riusciamo davvero a comprendere perché a volte un immigrato possa essere trattato in maniera diversa da un italiano, o una persona di colore rispetto a un bianco. Per noi ogni essere umano ha diritto alle cure, non solo in ragione del diritto costituzionale ma anche di quelle convenzioni internazionali che l’Italia ha sottoscritto. Anche qui l’impegno nell’accogliere le diversità può essere un valido modello formativo, e la Federazione si impegna da sempre in tal senso offrendo gratuitamente a tutti gli iscritti gratuitamente corsi di formazione ad hoc».

LEGGI ANCHE: “APOLIDE”, L’AMICIZIA TRA UN ONCOLOGO E UN MIGRANTE DIVENTA UN CORTOMETRAGGIO

Articoli correlati
Alleanza tra professioni in difesa del SSN: Regioni e FNOMCeO chiedono al Ministro una Conferenza nazionale
Sul tavolo dell'incontro tra Regioni e FNOMCeO, carenza di specialisti, imbuto formativo e aggressioni. Visione comune sull'esigenza di estendere a tutti i medici la possibilità di prescrivere farmaci di largo consumo destinati alla cura di malattie croniche
Aggressioni, Speranza incontra Anelli (FNOMCeO) e il generale Lusi. Il Ministro: «Al più presto la legge»
Il Ministro della Salute ha partecipato alla prima riunione del 'Tavolo permanente di lavoro sulla sicurezza degli operatori sanitari'. «Il tavolo permanente - fa sapere Speranza- continuerà a lavorare»
È vero che mangiare salmone affumicato fa venire il cancro? La disputa dopo un articolo del NYT
L'approfondimento del portale della FNOMCeO "Dottore, ma è vero che...?"
Congresso Fimmg, Anelli (FNOMCeO): «Carenza medici non giustifica task shifting, misura da Paese in guerra»
«I medici facciano bene i medici, gli infermieri bene gli infermieri. L’Italia non può permettersi trasferimento delle competenze». Così il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici. E il segretario Fimmg Scotti chiede la trasformazione del corso di formazione MMG in specializzazione
di Giulia Cavalcanti e Diana Romersi
Venturi (E. Romagna): «Più competenze alle professioni sanitarie». Insorgono i medici
Sono diventate un caso le parole dell’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna, secondo cui «con meno medici si libererebbero risorse importanti». Immediata la replica del Presidente della Federazione degli Ordini Filippo Anelli: «Parole in libertà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...