Formazione 11 Marzo 2019

Salute migranti, un corso ECM di FNOMCeO e Sanità di Frontiera OIS per curare le ferite invisibili

Il corso “Salute e migrazione: curare e prendersi cura” sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 a Roma, presso la sede della FNOMCeO

Sono le ferite invisibili dei migranti, quelle più difficili da curare. Quelle che derivano dai traumi psichici dovuti alle guerre, alle violenze, al distacco dai propri cari e dalla propria terra, al viaggio, alle discriminazioni. Per un medico è questo il compito più delicato, e quello al quale è forse meno preparato. E a questo sarà dedicata l’ultima sessione del nuovo corso ECM della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO): “Salute e migrazione: curare e prendersi cura”.

Il corso, che sarà erogato gratuitamente a tutti i medici e gli odontoiatri italiani a partire da metà marzo attraverso la piattaforma www.fadinmed.it, è stato realizzato dalla FNOMCeO grazie anche ai materiali messi a disposizione da Sanità di Frontiera OIS, progetto sociale che ha ricevuto, tra gli altri, il sostegno della Santa Sede mediante l’Obolo di San Pietro.

Il Corso sarà presentato alla stampa il 14 marzo alle ore 12.30 presso la sede della FNOMCeO, a Roma, in Via Ferdinando di Savoia 1. Interverranno: il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli, il presidente di Ois – Sanità di Frontiera Francesco Aureli, il Coordinatore Area Strategica Formazione FNOMCeO Roberto Stella, il Coordinatore Area strategica Comunicazione FNOMCeO Cosimo Nume. Saranno inoltre presenti tutti i componenti del Comitato Centrale della FNOMCeO e del Gruppo di Lavoro ‘Salute globale, disuguaglianze in sanità e cooperazione internazionale’.

«Il diritto alla salute non è solo un diritto di cittadinanza ma è un diritto di umanità, che spetta a qualsiasi persona – afferma il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli -. Il nostro Codice Deontologico, e prima ancora la nostra coscienza e il nostro stesso essere medici, ci impongono il dovere morale di assicurare a tutti tale diritto nella miglior maniera possibile».

«Il medico ha il dovere di accogliere e curare tutti coloro che hanno bisogno, senza discriminazione alcuna – spiega il Coordinatore Area Formazione, Roberto Stella –. In particolare oggi il medico si trova a confrontarsi con il fenomeno delle migrazioni: in questo quadro, la presa in carico della salute dei migranti non può prescindere dalla cura della salute pubblica. Le tre sezioni del corso offrono, grazie a materiali video e presentazioni di autorevoli esperti e rappresentanti di organizzazioni o di istituzioni, una visione completa del fenomeno delle migrazioni e delle ricadute sulla salute».

«È importante, oggi più che mai, mettere le basi perché nella nostra società gli operatori sanitari si trovino ad interagire nel modo più idoneo con qualsiasi persona, italiana o straniera – conclude il presidente di Ois-Sanità di Frontiera, Francesco Aureli –.  Grazie al sostegno di Sanità in-Formazione, siamo riusciti ad attivare questa preziosa collaborazione con FNOMCeO, per la formazione a distanza dei medici italiani che ci permetterà di raggiungere ancora più operatori di quelli che riusciamo a raggiungere attualmente con la nostra formazione frontale».

LEGGI GLI APPROFONDIMENTI DI SANITA’ INFORMAZIONE SU SANITA’ DI FRONTIERA

Articoli correlati
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Torna Dottor Libro. Andrea Vianello racconta la sua rinascita dopo l’ictus
Il 3 dicembre all’Ospedale Israelitico all’Isola Tiberina il primo appuntamento dopo lo stop imposto dalla pandemia. Nell’opera del giornalista Rai il racconto della battaglia contro la malattia
Al via la seconda edizione del corso per diventare Paziente Esperto EUPATI
Dieci mesi di alta formazione suddivisi in sei moduli, per un totale di 220 ore di lezione. Obiettivo: far arrivare ad oltre 100 il numero di Pazienti Esperti EUPATI in Italia
Vacanze di Natale, Fnomceo: «Non si ripetano gli errori dell’estate, siamo preoccupati»
Dal presidente Fnomceo Anelli: «I decessi e i contagi tra i medici hanno ricominciato a salire. Siamo tutti coinvolti in questa partita, solo impegnandoci nella stessa direzione possiamo abbassare la curva»
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli