Salute 21 Maggio 2019 14:57

“Apolide”, l’amicizia tra un oncologo e un migrante diventa un cortometraggio

Presentato in apertura degli Stati generali della professione medica di FNOMCeO, il cortometraggio racconta il legame di amicizia instaurato tra il dottor Gallera e Dabo, un migrante nato in Guinea

“Apolide”, l’amicizia tra un oncologo e un migrante diventa un cortometraggio

Nato da un rapporto professionale tra medico e paziente, l’amicizia tra l’oncologo pugliese, il dottor Domenico Galetta e il migrante Dabo diventa materia per il cortometraggio dall’evocativo nome “Apolide”.

Il cortometraggio, diretto da Alessandro Zizzo, racconta la doppia battaglia del giovane migrante Dabo. «Una storia che andava raccontata – spiega il regista intervenuto, insieme al medico e il paziente protagonista della vicenda, all’apertura degli Stati generali della professione medica organizzati dalla FNOMCeO a Roma – perché veramente è nata un’amicizia forte, una specie di padre. Dabo considera il dotto Galetta un secondo padre, che gli ha salvato la vita in tutti i modi».

Nato in Guinea, musulmano e laureato in Scienze politiche, Dabo si trova ad affrontare prima la traversata verso l’Europa, poi la lotta contro il cancro. «Mimmo (ndr. Domenico Galetta) è stata una persona eccezionale per me», racconta ai nostri microfoni Dabo, appena terminato di parlare davanti ad una platea di medici. «Quando tu hai un male – prosegue il ragazzo – se hai una persona che ti vuole tanto bene, questo ti aiuta a superare i limiti».

LEGGI: TUMORI, IL RISCHIO AUMENTA SE SI DISTURBA LA PROGRAMMAZIONE FETALE DEI PRIMI MILLE GIORNI DI VITA

Alla diagnosi, adenocarcinoma polmonare, sono seguite le terapie del reparto di oncologia clinica polmonare del Giovanni Paolo II di Bari. Galetta scopre che il tumore è ‘alk traslocato’, ovvero può essere curato senza chemioterapia, ma con una pillola, molto costosa, che spegne l’interruttore della proliferazione che riesce a ottenerla per lui. «Curare Dabo è stata una cosa emotivamente importante,spiega il dottor Galetta – anche se credo che in quei momenti l’emozione e la professionalità devono arrivare a un patto».

L’oncologo ha successivamente “adottato” il ragazzo venuto dal mare. Oggi Dabo, curato a carico del nostro Servizio sanitario nazionale, è mediatore culturale in Sicilia e sogna di tornare in Guinea. «Coniugare solidarietà, sensibilità e terapie moderne, perché il nostro sistema sanitario è assolutamente all’avanguardia, – conclude Galetta – in questo momento è veramente importante».

Articoli correlati
Piano oncologico nazionale, dal Senato ok bipartisan a Odg
Il Senato ha approvato un ordine de giorno unitario sul Piano Oncologico Nazionale con 187 voti a favore e 2 astenuti. Il Sottosegretario di Stato per la salute Pierpaolo Sileri ha comunicato che il Governo ha trasmesso il piano oncologico nazionale alla Conferenza Stato-Regioni e che una riunione tecnica è prevista il prossimo 8 luglio
Tumori, presto nuovo reparto di radioterapia all’Asl Roma 4
Fra 2-3 anni verrà aperto nell'Asl Roma 4 un nuovo servizio di radioterapia per i pazienti oncologici
di Redazione
Tumori “fuori misura”, è l’effetto della mancata prevenzione durante la pandemia
Al Cardarelli di Napoli due interventi record in pochi giorni per rimuovere enormi masse ovariche di 40 e 70 centimetri
La sessualità dopo il cancro si può, via all’iniziativa «Ballata Sensuale»
Abbattere i tabù sulla sessualità e il cancro. Questo è l’obiettivo dell’evento pop-up «Sexandthecancer– Ballata Sensuale», una tre giorni dedicata alla divulgazione scientifica attraverso l'arte
di Redazione
CNAO: dopo i tumori inoperabili curerà anche le lesioni del cuore
Il centro di adroterapia oncologica di Pavia, unico in Italia per il trattamento di tumori radioresistenti, nei prossimi tre anni raddoppierà le macchine, mentre ha avviato nuove sperimentazioni su pancreas, esofago, melanomi e per utilizzare i protoni nel trattare le aritmie refrattarie ai farmaci
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...