Mondo 27 Maggio 2021 15:24

Mucormicosi, che cos’è il fungo nero che in India sta infettando migliaia di sopravvissuti al Covid-19

Andrea Savarino (ISS) spiega quali sono i rischi di questa micosi, perché sta colpendo in questo momento gli indiani e se è correlata a fattori particolari che possono essere presenti anche in Europa

di Peter D'Angelo
Mucormicosi, che cos’è il fungo nero che in India sta infettando migliaia di sopravvissuti al Covid-19

Uomo, 50 anni, diabetico, che sta uscendo dal Covid-19. È questo il profilo più a rischio di contrarre un’infezione fungina rara ma spesso mortale che affligge migliaia di persone in India. L’infezione, la mucormicosi, è nota anche come “fungo nero” perché trasforma il tessuto corporeo in nero. Andrea Savarino, ricercatore dell’Istituto Superiore di Sanità, ci spiega quali sono i rischi di questa micosi, perché sta colpendo in questo momento gli indiani e se è correlata a fattori particolari che possono essere presenti anche in Europa.

Da cosa dipende questa mucormicosi?

«La patologia era già nota, ed è causata da alcuni funghi, che normalmente vivono nel suolo come saprofiti. Sono state chiamate in causa diverse origini di questo aumento repentino di casi in pazienti che hanno superato il Covid-19. Si è parlato di aumentata patogenicità del virus, che porterebbe ad avere infezioni opportunistiche come nel caso di HIV, sono stati accusati trattamenti anti-SARS-COV-2 a base di idrossiclorochina ed ivermectina, supplementi a base di zinco, e messa in relazione la concomitanza con diabete mellito non diagnosticato o scarsamente trattato e terapie basate su corticosteroidi. Per quanto ciascuna ipotesi meriti la dovuta attenzione ed investigazione, io escluderei alcune di queste ipotesi e ne favorirei altre, su semplice base probabilistica».

Quali sono queste cause correlabili? Ci sono persone più esposte?

«Si erano già visti casi di questa malattia, specialmente in individui immunocompromessi, per esempio con AIDS, od in pazienti con diabete mellito in stadio avanzato o sottoposti a terapia immunosoppressiva (per esempio in caso di trapianto di midollo). L’India ha in corso una grave epidemia di diabete mellito di tipo 2: qualcuno ha giustamente consigliato di saggiare la glicemia in caso di test positivo a SARS-COV-2. Queste condizioni di base sono estremamente importanti anche perché vi è un altro – a mio avviso – determinante fattore di rischio, ossia il trattamento con corticosteroidi».

Per quali motivi il cortisone?

«Le persone che hanno ricevuto corticosteroidi per il trattamento di Covid-19 possono avere incrementato la loro suscettibilità alla malattia. I corticosteroidi, specie se usati in maniera indiscriminata, hanno un effetto immunosoppressivo. Un organismo con le difese immunitarie abbassate può quindi essere più facilmente preda di infezioni opportunistiche. Infine i corticosteroidi hanno un’azione iperglicemizzante, che può aggravare un quadro diabetico sottostante».

Che c’entrano ivermectina e idrossiclorosina? Sono concause?

«Mi sentirei di escludere il contributo di pregressi trattamenti con ivermectina ed idrossiclorochina su basi probabilistiche, come precedentemente accennato. La prima è un antiparassitario che non era mai stato messo precedentemente in relazione con questo tipo di patologia, la seconda non è un farmaco immunosoppressivo come i corticosteroidi, ma immunomodulante. L’idrossiclorochina, poi, ha, a differenza dei corticosteroidi, un effetto ipoglicemizzante, confermato, fra l’altro, in pazienti di etnia indiana. Mantengo tuttavia il beneficio del dubbio: si sa comunque ancora poco della relazione tra questa patologia e Covid-19; saranno quindi necessarie ulteriori indagini per escludere qualsiasi concausa».

Quali possono essere le conseguenze?

«In talune circostanze, questi funghi possono colonizzare un organismo indebolito per trovare le sostanze necessarie al loro sostentamento. Si comportano così come “opportunisti”, e la loro proliferazione nell’organismo può portare notevoli complicanze, anche la morte».

Come avviene questa invasione?

«Vi è un’invasione dei tessuti molli, in questo caso a livello del rinofaringe. In alcuni casi vi può anche essere invasione polmonare ed encefalica da parte del micete. Si possono anche osservare forme disseminate. Le terapie disponibili basate su antifungini spesso non sono sufficienti, ed è necessaria la rimozione chirurgica del tessuto infettato, spesso con danni permanenti».

Si parla di India, perché proprio li? In Europa si sono registrati casi?

«L’India aveva già avuto un’epidemia di mucormicosi, in concomitanza con uno tsunami. In questo caso vi fu il contatto tra terriccio e ferite aperte di vittime del disastro. È assolutamente possibile che l’India abbia condizioni ambientali favorenti questo tipo di patologia, ma un’epidemia simile fu osservata anche nel Missouri, anche lì a seguito di un disastro naturale. È pertanto possibile che casi di questo tipo si stiano verificando anche in aree al di fuori del subcontinente indiano. Non sono a conoscenza di casi di mucormicosi in ex pazienti con Covid-19 in Italia od in Europa in generale».

Il vaccino potrebbe evitare questa criticità?

«Sicuramente sì, perché rimuoverebbe un’importante concausa».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini
Un'intensa ondata di caldo sta investendo l'India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Preoccupanti i rischi per la salute delle fasce di popolazioni più fragili
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa