Mondo 22 agosto 2018

Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo

Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno

«Avete la medicina che può farmi star meglio e non passare così tanto tempo in ospedale. Per favore, vendetela nel mio Paese». Sono le parole che Luis Walker, inglese, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto con la calligrafia di un bimbo della sua età alla farmaceutica Vertex per chiedere di abbassare il prezzo del farmaco lumacaftor/ivacaftor in modo che il National Health Service possa permetterselo. «Se aveste un figlio malato di fibrosi cistica, so che capireste», conclude la lettera.

«I nostri bambini hanno diritto ad avere le stesse opportunità di tutti gli altri, e adesso, con questo farmaco, potrebbero averle», ha dichiarato la mamma del piccolo Luis. Il farmaco, come riportato dalla BBC, è stato approvato dall’Agenza Europea del Farmaco nel novembre 2015, ma non è ancora stato raggiunto un accordo con il Servizio Sanitario inglese relativo al prezzo.

Rebecca Hunt, vicepresidente di Vertex, ha risposto a Luis condividendo la sua frustrazione e quella delle migliaia di inglesi che sono in attesa del farmaco: «Da quando è stato approvato, abbiamo lavorato ogni giorno per tentare di renderlo disponibile a coloro che ne hanno bisogno», ha sottolineato, richiedendo urgentemente un incontro con il Direttore esecutivo del NHS.

LEGGI ANCHE: MALATTIE POLMONARI: QUALI SONO E COME RICONOSCERE I SINTOMI?

Dal canto suo, lo scorso mese il Sistema Sanitario ha proposto un accordo che permetterebbe alla casa farmaceutica di ottenere entrate dalla regione pari a 500 milioni di sterline nei prossimi cinque anni e per oltre un miliardo nei prossimi dieci. «Un’offerta finale molto generosa», ha commentato il segretario alla Salute Matt Hancock, chiedendo alla Vertex di porre fine all’impasse.

«Speriamo che la farmaceutica decida di agire responsabilmente e di accettare questo accordo approfittando della significativa flessibilità che le stiamo offrendo», ha dichiarato il direttore nazionale del NHS John Stewart.

Ma questa non è l’unica iniziativa intrapresa da Luis per accendere l’attenzione sulla sua condizione; a maggio, insieme a centinaia di altri piccoli pazienti, aveva scritto al primo ministro Theresa May chiedendo l’accesso al farmaco. «Da allora Luis ha perso il 13% della funzionalità dei suoi polmoni» ha detto la mamma.

«Mi dispiace sentire che non stai molto bene e che devi trascorrere tanto tempo in ospedale – è stata la risposta -. Dev’essere molto dura per te e la tua famiglia. Sono determinata a fare ciò che posso perché si arrivi ad avere accesso al farmaco».

Articoli correlati
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari
I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]
UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse
Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…
Crisi NHS, Theresa May promette finanziamenti. E la salute degli inglesi inizia a peggiorare
Che il National Health Service, il sistema sanitario britannico, sia in crisi, è oramai sotto gli occhi di tutti. Dopo che da un sondaggio del National Center for Social Research è emerso che il 90% dei britannici pensa che il sistema sanitario non abbia finanziamenti sufficienti per far fronte alla domanda e che il 61% […]
Turismo sanitario, per evitare le lunghe liste d’attesa gli inglesi scelgono l’Italia
Firmato un accordo tra il Salvator Mundi e l’organizzazione inglese Operations Abroad Worldwide per accogliere a Roma pazienti provenienti dal Regno Unito. Problemi strutturali del servizio pubblico britannico, risparmio economico e la possibilità di richiedere il rimborso delle spese sostenute tra le cause dell’esodo di oltre 50mila pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...