Mondo 22 Agosto 2018

Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo

Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno

«Avete la medicina che può farmi star meglio e non passare così tanto tempo in ospedale. Per favore, vendetela nel mio Paese». Sono le parole che Luis Walker, inglese, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto con la calligrafia di un bimbo della sua età alla farmaceutica Vertex per chiedere di abbassare il prezzo del farmaco lumacaftor/ivacaftor in modo che il National Health Service possa permetterselo. «Se aveste un figlio malato di fibrosi cistica, so che capireste», conclude la lettera.

«I nostri bambini hanno diritto ad avere le stesse opportunità di tutti gli altri, e adesso, con questo farmaco, potrebbero averle», ha dichiarato la mamma del piccolo Luis. Il farmaco, come riportato dalla BBC, è stato approvato dall’Agenza Europea del Farmaco nel novembre 2015, ma non è ancora stato raggiunto un accordo con il Servizio Sanitario inglese relativo al prezzo.

Rebecca Hunt, vicepresidente di Vertex, ha risposto a Luis condividendo la sua frustrazione e quella delle migliaia di inglesi che sono in attesa del farmaco: «Da quando è stato approvato, abbiamo lavorato ogni giorno per tentare di renderlo disponibile a coloro che ne hanno bisogno», ha sottolineato, richiedendo urgentemente un incontro con il Direttore esecutivo del NHS.

LEGGI ANCHE: MALATTIE POLMONARI: QUALI SONO E COME RICONOSCERE I SINTOMI?

Dal canto suo, lo scorso mese il Sistema Sanitario ha proposto un accordo che permetterebbe alla casa farmaceutica di ottenere entrate dalla regione pari a 500 milioni di sterline nei prossimi cinque anni e per oltre un miliardo nei prossimi dieci. «Un’offerta finale molto generosa», ha commentato il segretario alla Salute Matt Hancock, chiedendo alla Vertex di porre fine all’impasse.

«Speriamo che la farmaceutica decida di agire responsabilmente e di accettare questo accordo approfittando della significativa flessibilità che le stiamo offrendo», ha dichiarato il direttore nazionale del NHS John Stewart.

Ma questa non è l’unica iniziativa intrapresa da Luis per accendere l’attenzione sulla sua condizione; a maggio, insieme a centinaia di altri piccoli pazienti, aveva scritto al primo ministro Theresa May chiedendo l’accesso al farmaco. «Da allora Luis ha perso il 13% della funzionalità dei suoi polmoni» ha detto la mamma.

«Mi dispiace sentire che non stai molto bene e che devi trascorrere tanto tempo in ospedale – è stata la risposta -. Dev’essere molto dura per te e la tua famiglia. Sono determinata a fare ciò che posso perché si arrivi ad avere accesso al farmaco».

Articoli correlati
Filiera del farmaco, Mandelli (FOFI): «Vigilanza e collaborazione con i Nas per la lotta ai farmaci contraffatti. Ma ben venga la blockchain»
Il Presidente della Federazione Ordini farmacisti Italiani sottolinea: «La nostra filiera è sicura ma tenere alta la guardia è la maniera migliore per evitare problemi»
Fibrosi cistica, Castellani (Gaslini): «La diagnosi precoce fa la differenza. Fondamentale garantire screening neonatale in tutte le Regioni»
«La 548/1993 ha migliorato notevolmente la vita dei pazienti che però devono sostenere un carico di terapie importante, ad oggi irrinunciabile, che occupa buona parte della loro giornata. Lavoreremo per ridurlo». Queste le parole del responsabile del Centro fibrosi cistica dell’ospedale Gaslini di Genova
Fibrosi cistica, Fornaro (Lifc): «Legge 548/93 la svolta, ora monitorare risorse e uniformare cure su tutto il territorio»
«Ancora oggi mancano strumenti di monitoraggio per controllare l'uso delle risorse pubbliche e garantire a tutti i pazienti elevati e uniformi standard di cure da nord a sud» sostiene il presidente Lifc. Della stessa opinione Mariapia Garavaglia, prima firmataria della Legge: «Non possiamo paragonare il Veneto alla Puglia, dove stanno mettendo in dubbio anche l'utilizzo dei fondi vincolati per la fibrosi cistica»
Italia-Cina, accordi anche in ambito sanitario: dalla prevenzione alle politiche sul farmaco. Grillo: «Salute elemento strategico del partenariato con Pechino»
In occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, il Ministro della Salute, Giulia Grillo, ha firmato con le autorità del governo di Pechino tre importanti accordi in materia sanitaria da lungo tempo oggetto in corso di approfonditi negoziati bilaterali nei settori alimentari, veterinario e, soprattutto, della salute. Il primo […]
NHS, medici connessi 7 giorni su 7: l’assistenza in Inghilterra si fa ‘online’. Ecco come si combatte la Brexit
Visiteranno i pazienti anche la sera e nei fine settimana. Si tratta dei medici di famiglia inglesi che secondo le linee guida del nuovo piano sanitario annunciate da Theresa May nei giorni scorsi, offriranno assistenza 7 giorni su 7 senza essere presenti in studio ma connessi ‘online’. I medici generici inglesi saranno connessi su Skype, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...