Salute 25 Febbraio 2021 11:29

Miopia in aumento tra i più piccoli, ma una lente speciale e un farmaco possono rallentarla

Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano, spiega come riconoscerla e quali rimedi adottare per limitare i danni

di Federica Bosco

In Italia un milione e mezzo di bambini e adolescenti ha problemi di miopia, condizione destinata ad aumentare con l’isolamento e la didattica a distanza. Fondamentale, dunque, la prevenzione con una visita già al nido per poi effettuare il secondo controllo a tre anni e il terzo a sei. Strategie di intervento e buone prassi che Paolo Nucci, professore di Oftalmologia all’Università Statale di Milano spiega ai nostri microfoni.

«Oggi noi stiamo assistendo ad una recrudescenza della miopia già presente verso i sei o sette anni – ammette Nucci -. Se prima si manifestava intorno ai dieci anni, oggi le prime avvisaglie si hanno con l’avvio della scuola primaria. Questo probabilmente è legato al fatto che i bambini impegnano la vista un maggior numero di ore nello studio e nel gioco con strumenti tecnologici, pc e tablet. A sostegno di questa tesi una recente indagine fatta in due paesi orientali molto vicini, come Taiwan e Filippine, ha evidenziato un numero differente di casi di miopia. In Cina gli alunni studiano anche 10 ore al giorno e si è avuta una crescita esponenziale di disturbi visivi; nelle Filippine, invece, dove lo studio impegna i ragazzi un massimo di 4 ore, i disturbi sono ridotti. Alla luce di queste considerazioni è perciò fondamentale un riconoscimento precoce della miopia, già in prima e seconda elementare. In questo modo è possibile agire tempestivamente e correggere i danni con speciali lenti (in grado di trasmettere un segnale corretto al cervello, rallentando così in media del 60% la progressione della miopia) e farmaci».

Un farmaco per correggere la miopia

Alla nuova tecnologia si aggiunge un’arma farmacologica. Di cosa si tratta? «È una preparazione di atropina galenica, perché non esiste ancora il farmaco, che diluita ad un centesimo, riesce ad evitare la progressione del difetto nel 60 – 65% della popolazione pediatrica. Quindi, se ci troviamo di fronte ad un bambino che a sei anni inizia a manifestare lo 0,75 di miopia iniziamo a prescrivere l’atropina. Oltretutto è un farmaco che non ha alcun effetto collaterale a queste diluizioni».

Di questi tempi la situazione rischia di peggiorare ulteriormente: cosa occorre fare quindi per limitare i danni? «Non vorrei con questo creare allarme, ma se ai bambini durante questi mesi consigliamo di passare mezz’ora all’aria aperta nel prato, a passeggiare, facciamo un buon regalo e diamo un viatico giusto per controllare la miopia».

DSA, visita oculistica per escludere che il bimbo sia distratto o svogliato

Esiste una correlazione tra difetti visivi e disturbi dell’apprendimento, e in quale percentuale? «Non esiste un nesso tra le due situazioni – risponde Nucci -. Quando un bambino ha disturbi specifici dell’apprendimento deve fare come primo esame quello della vista per evitare che sia un distratto o uno svogliato visivo perché non vede bene. Ma non è pensabile che una dislessia possa dipendere da un disturbo visivo, anche perché i meccanismi sono diversi: il bambino dislessico è capace di leggere qualsiasi lettera, il problema è che quando guarda una parola, non riesce a trasmettere quei fonemi al cervello in modo da rendere ragionevole la lettura. Anche i movimenti oculari strani che si possono manifestare nei DSA hanno una spiegazione scientifica: se un bambino non riconosce la lettera che sta leggendo, torna più volte con il movimento dell’occhio sulla stessa per trasmettere l’impulso al cervello», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scuola, la chiusura fa male alla salute mentale dei più giovani. Siani (Pd): «Servono più posti letto in neuropsichiatria infantile»
Aumentano casi di insonnia, autolesionismo, bulimia e anoressia. Il pediatra e deputato dem ha presentato una risoluzione in Commissione Affari Sociali in cui chiede di implementare la attività di telepsichiatria e di dare vita ad un osservatorio sulla condizione della salute mentale dell'adolescente e del minore
La pandemia ha sferrato il colpo di grazia ai bambini che vivono in zone di guerra
La denuncia dell'Universities Network for Children in Armed Conflict: «L’emergenza ha esasperato abusi e violenze minando ulteriormente accesso a istruzione e assistenza sanitaria»
Riapertura scuole, Florida (Sottosegretario Istruzione): «Test salivari molecolari soluzione migliore per i bambini»
«Ritengo che i test salivari molecolari, essendo meno invasivi rispetto ai tamponi nasali, possano essere più adatti al mondo dei più piccoli, anche in vista di una somministrazione frequente».
di Peter D'Angelo
Computer vision syndrome, a rischio anche bambini e adolescenti
L’ortottista: «Controllo ortottico e visita oculistica sono consigliati entro il primo anno di vita. Le attività di screening non possono sostituire gli esami completi della vista. In Italia, medico oculista e ortottista assistente in oftalmologia sono le uniche due figure sanitarie riconosciute a svolgere attività in campo oftalmologico»
di Isabella Faggiano
Settimana Mondiale Glaucoma, IAPB Italia onlus: «La parola d’ordine è prevenzione»
Controlli del tono oculare e webinar con specialisti sulle tv locali, un sito dedicato, cartoline informative in circa 160 supermercati: ecco le iniziative dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità contro il “ladro silenzioso della vista”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...