Salute 20 Aprile 2022 11:57

Addio notti insonni, presto un farmaco che riduce le apnee notturne

Un farmaco già utilizzato contro il glaucoma e l’epilessia riduce le apnee notturne dal 40 al 60 per cento

Addio notti insonni, presto un farmaco che riduce le apnee notturne

Buone notizie per tutti coloro che sono costretti a sopportare di notte il proprio partner che russa. E buonissime notizie per chi russa ed è notoriamente più a rischio di sviluppare una serie di patologie più o meno gravi. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Göteborg (Svezia) ha aperto la strada al primo trattamento farmacologico per l’apnea notturna, in grado di ridurre la frequenza delle pause respiratorie dal 40 al 60 per cento all’ora. I risultati dello studio sono stati pubblicati sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

Il farmaco contro le apnee notturne viene usato già contro l’epilessia

Il trattamento consiste nell’inibizione dell’anidrasi carbonica (CA),  un enzima che serve a mantenere un equilibrio tra acido carbonico e anidride carbonica nel corpo. Diversi farmaci con proprietà inibitorie del CA sono già disponibili sul mercato e utilizzati per il trattamento del glaucoma, dell’epilessia e di altri disturbi. Tuttavia, nessuna ricerca precedente ha mai testato sistematicamente gli inibitori della CA come possibile trattamento contro l’apnea ostruttiva del sonno. Lacuna colmata dai ricercatori di Göteborg con un studio clinico randomizzato in doppio cieco, completato da 59 pazienti con apnea notturna moderata o grave.

Il trattamento favorisce l’ossigenazione durante la notte

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a due gruppi che hanno ricevuto 400 o 200 mg di CA inibitore e un terzo gruppo (il gruppo di controllo) che ha ricevuto il placebo. Lo studio è durato quattro settimane. I risultati mostrano che, nel complesso, il trattamento ha ridotto il numero delle pause respiratorie e favorito l’ossigenazione durante la notte. Alcuni pazienti hanno manifestato effetti collaterali, come mal di testa e affanno, che erano più comuni in quelli che ricevevano la dose più alta.

In un paziente su 5 il farmaco ha ridotto le apnee notturne del 60 per cento

Il fatto che sul mercato siano disponibili diversi farmaci approvati nella categoria degli inibitori della CA rende praticabile lo sviluppo rapido di un farmaco approvato per l’apnea notturna. Il farmaco utilizzato in questo studio clinico era il sultiame, già in uso per trattare l’epilessia nei bambini. «Tra i pazienti che hanno ricevuto la dose più alta del farmaco, il numero di pause respiratorie – dicono i ricercatori – è stato ridotto di circa 20 ogni ora. Per poco più di un terzo dei pazienti nello studio, è rimasta solo la metà delle pause respiratorie. In uno su cinque il numero si è ridotto di almeno il 60 per cento».

Un farmaco orale potrebbe migliorare significativamente la vita dei pazienti

Oggi, il trattamento per un paziente con apnea notturna è una terapia con apparecchi orali o una maschera CPAP (Continuous Positive Airway Pressure). «Queste opzioni terapeutiche richiedono tempo per abituarsi e spesso sono percepite come invadenti o ingombranti. Se sviluppiamo un farmaco efficace, renderà quindi la vita più facile a molti pazienti e, a lungo termine, salverà potenzialmente anche più vite», afferma Ludger Grote, professore presso l’Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morte in culla, per la prima volta individuato un marcatore di rischio
Un studio australiano, condotto da una mamma in lutto, ha portato alla scoperta di un enzima legato alla morte in culla
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
World Sleep Day. Mencacci (psichiatra): «A rischio il sonno del 45% della popolazione mondiale»
Prima la pandemia, ora la guerra, lo specialista: «Il nostro sistema nervoso è in un continuo stato di ipervigilanza». Il 18 marzo si celebra, in tutto il mondo, la Giornata del Sonno. Per l’occasione l’AIMS, ha dato il via ad una maratona del sonno online
I non sognatori? Non esistono. Il neurologo: «In realtà dimenticano il contenuto dei sogni»
In occasione della Giornata dei sogni che si celebra il 25 settembre, l'intervista a Luigi Ferini Strambi, direttore del centro di Medicina del Sonno: «Per aiutare la memoria onirica mettere un taccuino sul comodino e concedersi un risveglio lento»
di Isabella Faggiano
Fda approva un nuovo farmaco contro l’Alzheimer. Ne parliamo con il prof. Tedeschi (presidente SIN)
Serviranno ulteriori test ma l'approvazione FDA è un segno forte. Il prof. Tedeschi (SIN) ci spiega come interviene sull'amiloide e la rimuove nei pazienti con un declino cognitivo lieve, delineando una terapia preventiva efficace per il morbo di Alzheimer
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali