Mondo 18 Novembre 2020 18:25

La Svizzera ha finito i posti in terapia intensiva, chiesto intervento dell’esercito

Dalla Ssmi svizzera la richiesta ai pazienti di rendere subito note le disposizioni sull’interruzione eventuale di cure salvavita in terapia intensiva

La Svizzera ha finito i posti in terapia intensiva, chiesto intervento dell’esercito

In Svizzera non ci sono più posti letto nei reparti di terapia intensiva. L’allarme è stato lanciato dalla Società svizzera di medicina intensiva (Ssmi): tutti gli 876 letti a disposizioni sono attualmente occupati. In queste ore il governo ha chiesto al Parlamento l’impiego dell’esercito per gestire le carenze. Dagli ospedali, è stato chiesto ai pazienti, specie a rischio di un’infezione grave, di rendere subito note le proprie volontà sull’interruzione delle cure.

«Gli 876 letti di terapia intensiva certificati e riconosciuti dalla Ssmi normalmente disponibili in Svizzera per il trattamento degli adulti – si legge in una nota – attualmente sono praticamente tutti occupati». Per far fronte a situazioni critiche locali, si è fatto ampio ricorso al trasferimento di pazienti in altri cantoni e anche al di fuori della regione linguistica. Misure molto difficili per malati e parenti, riconosce Ssmi. «I reparti di terapia intensiva – tuttavia – sono al limite della loro normale capacità di posti letto, ma stanno facendo del loro meglio per far fronte a un afflusso di pazienti in condizioni critiche, maggiore della prima ondata di Covid-19, e per continuare a trattare tutti i pazienti gravemente malati in futuro».

L’INTERVENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

La protezione civile è già al lavoro, in attesa dell’autorizzazione per l’esercito. L’intervento del contingente della protezione civile potrà essere richiesto dai cantoni fino al 31 marzo. Consentirà in particolare di sgravare il personale curante di case di riposo e istituti di cura, sempre più spesso contagiato e costretto a mettersi in quarantena o in isolamento. Potrà anche dare man forte al contact tracing e alle organizzazioni che effettuano i test. La protezione civile fornirà inoltre un supporto a livello logistico, occupandosi dei trasporti di pazienti, dell’installazione e gestione di centri di accoglienza presso gli ospedali, di assistere gli stati maggiori di crisi o gestire le linee telefoniche d’emergenza.

L’INTERVENTO DELL’ESERCITO

La convocazione dell’esercito è arrivata per richiesta esplicita dei Cantoni, che dovranno dimostrare di aver esaurito ogni altro mezzo. Sono 2500 i militari, convocati anch’essi fino al 31 marzo. Trattandosi di un impiego di durata superiore a tre settimane e di un contingente di oltre 2000 militari, la missione deve essere approvata dal Parlamento, che si esprimerà nella sessione invernale. I militari dovranno sostenere le strutture ospedaliere civili nel settore delle cure di base e delle terapie, aiutare gli ospedali cantonali ad accrescere le capacità delle loro unità di cure intensive e trasportare pazienti contagiosi. I soldati sanitari e d’ospedale, che dispongono di una formazione militare riconosciuta dalla Croce Rossa, potranno in particolare sgravare il personale infermieristico da alcuni compiti per consentire loro di concentrarsi sui casi gravi.

LA RICHIESTA: «RENDERE NOTE LE DISPOSIZIONI SU INTERRUZIONE CURE»

Come ultima risorsa per la «situazione al limite», Ssmi ha fatto una richiesta ai pazienti. «Tutti, e in particolare alle persone a rischio di un’infezione grave, sono invitate a rendere note le proprie disposizioni anticipate di trattamento, indicando se desiderano beneficiare di misure che prolungano la vita in caso di malattia grave».

«In questo modo – spiegano gli esperti – i membri della famiglia, ma anche i team dei reparti di terapia intensiva, saranno sostenuti nel processo decisionale, in modo che il trattamento possa avvenire nel miglior modo possibile e secondo i desideri personali del paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La vaccinazione nei bambini è raccomandabile o meno? Le considerazioni della Simedet
L'opinione di Alberto Ferrando del Comitato Scientifico della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi