Salute 5 Novembre 2020 09:12

Svizzera, un medico italiano denuncia: «Sanitari positivi asintomatici in corsia»

Una testimonianza da un medico italiano a lavoro in Svizzera. Per rispondere alla mancanza di personale, medici positivi e asintomatici rimandati in reparto

di Federica Bosco
Svizzera, un medico italiano denuncia: «Sanitari positivi asintomatici in corsia»

Con più di diecimila casi giornalieri, la Svizzera ha segnato un nuovo record di contagi da Covid e se il ministro della Sanità Alain Berset in tv cerca di smorzare i toni, parlando di situazione tesa ma ancora non al collasso, i medici denunciano: «Noi costretti in corsia se pur positivi asintomatici». Un grido di allarme che Alexandre Fornasier, medico italiano impiegato nel Cantone Vallese, tra i più colpiti dal virus, ci racconta in una lunga telefonata. «È un tentativo fatto per rispondere alla criticità della mancanza di personale che si fa sentire ogni giorno di più – ammette – ma altresì è una scelta che preoccupa noi sanitari che siamo costretti a lavorare a fianco di colleghi con tampone positivo».

IN SVIZZERA SINDACATI POCO PRESENTI

Quali potranno essere le conseguenze della scelta di immolarsi per la causa sono un’incognita, ma Alexander, di formazione italiana, non ci sta e aggiunge: «Qui i sindacati non hanno forza, sono meno presenti ed il popolo rispetta le regole imposte, confermando fiducia nelle istituzioni. Dicono che non dovremmo avere grandi problemi, ma io da italiano non condivido».

Alexander è arrabbiato, ma quali sono le motivazioni di una soluzione tanto estrema? «Non è una questione di carica virale più bassa in chi non ha sintomi evidenti – spiega – qui è più forte la convinzione che un’adeguata e sistematica protezione con mascherina, guanti e prodotti disinfettanti possa contenere i contagi. La prova del nove sarà nei prossimi quindici giorni. Se le previsioni delle istituzioni si riveleranno fondate, allora potranno essere precursori di un modello di convivenza con il virus  da esportare. Ma se così non sarà, tra i camici bianchi si potranno moltiplicare i contagi con il rischio concreto di  collasso degli ospedali pubblici».

TRASFERIMENTI DI MALATI COVID DAI CANTONI

«Le terapie intensive ancora reggono, ma fino a quando?  – si domanda il medico italiano – se in questa seconda ondata sembriamo più preparati è perché abbiamo studiato le mosse del virus, sappiamo come si comporta ed abbiamo preso le prime contromisure. Come una politica di trasferimento dei malati Covid dalle zone più stressate a quelle meno raggiunte dai contagi. Questa politica ha consentito di ammortizzare poco l’onda d’urto. Ma non basta». La cartina dei contagi in Svizzera mostra una concentrazione contenuta in alcuni Cantoni, mentre in altri, in particolare al confine con Italia e Francia si denuncia una fragilità maggiore.

LISTE D’ATTESA SEMPRE PIÙ LUNGHE PER I MALATI COVID

«Il prossimo passo sarà di chiudere i reparti per mancanza di personale», ribadisce Alexander, che ritorna su quello che è il vero grande problema nell’era Covid. «Nel mio ospedale a breve saremo a corto di personale da destinare ai pazienti non Covid che ancora ci sono e sono molti. Ritarderemo visite e appuntamenti, ma ci sono situazioni che non si possono penalizzare. Come nella terapia del dolore dove abbiamo una serie di pazienti estremamente critici che non possono essere rimandati e che saranno le nostre priorità. Mentre i casi cronici gestibili che non hanno bisogno di cure urgenti verranno rimandati, non senza conseguenze – sottolinea, mentre porta l’attenzione su casi concreti -. Un tumore della pelle di pochi centimetri ad esempio, non a rischio infiltrazioni, verrà rimandato di qualche mese durante i quali la dimensione aumenterà e all’atto l’intervento risulterà più invasivo per il paziente».

SELEZIONI IN INTENSIVA, ORA CRITERI SCIENTIFICI

Scelte difficili che traslate su altri campi sanitari acquistano toni ancor più dolorosi, come la selezione obbligata dei pazienti da destinare alle terapie intensive. Linee guida che in Svizzera, come in altri paesi europei, sono una realtà. «È un argomento estremamente delicato intorno al quale è stata fatta una speculazione di informazione – sottolinea Alexander -. Nella prima ondata siamo arrivati ad una saturazione del sistema e in quella circostanza si era parlato di medicina di guerra, di selezione di pazienti in maniera cruda. Oggi non siamo a quei livelli quindi usiamo criteri scientifici con il massimo dell’etica e del rispetto delle persone».

«È evidente – conclude – che in Svizzera se si dovesse arrivare ad un collasso delle risorse si potrebbe andare incontro ad un triage “di guerra” dove si darebbe la precedenza a malati con più chance. Ma in questo momento non siamo in questa condizione, anche perché rispetto alla prima ondata cerchiamo di prevenire le conseguenze più gravi come trombo-embolie con nuovi farmaci. Dalla settimana scorsa si parla di una sperimentazione con un anticorpo monoclonale che sembra essere promettente, in attesa del vaccino».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
Igiene delle mani, l’OMS dedica la Giornata mondiale agli operatori sanitari: «Pochi secondi possono salvare vite»
Nei paesi a basso reddito solo 1 operatore sanitario su 10 pratica un'igiene delle mani adeguata. Cavallo (Assistenti sanitari): «Azione importante anche nell'atto della vaccinazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco