Mondo 27 Febbraio 2019

Blockchain e farmacie, Cossolo (Federfarma): «Ottimo strumento contro farmaci contraffatti»

Il presidente del sindacato dei farmacisti italiani spiega ai nostri microfoni quali sono le possibili applicazioni di questa tecnologia al circuito farmaceutico e, in generale, al mondo della farmacia

di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice

La Blockchain avrà effetti importanti sul settore farmaceutico e rappresenterà un grande valore aggiunto a disposizione di tutte le farmacie per comprendere meglio le esigenze dei propri clienti. È quanto emerso nel corso dell’evento in Senato “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”, organizzato dal senatore Pierpaolo Sileri, presidente della 12esima Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama. Al dibattito è intervenuto anche Marco Cossolo, presidente di Federfarma, che ai nostri microfoni ha commentato le possibili applicazioni di questa tecnologia al circuito farmaceutico e, in generale, al mondo della farmacia. Il tutto pochi giorni prima dell’inizio degli Stati Generali della Farmacia.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, CASTALDO ( VICEPRESIDENTE PARLAMENTO UE): «ANCHE COMMISSIONE UE INVESTE SUL SETTORE. E SULLE STAMINALI PUO’ GIOCARE RUOLO IMPORTANTE»

Presidente, le potenzialità della Blockchain in ambito sanitario sono tantissime. Può essere uno strumento utile anche per il settore farmaceutico?

«Assolutamente sì. Il problema della contraffazione dei farmaci rappresenta un danno economico rilevante perché, anche se la contraffazione non avviene in Italia, è possibile acquistare i farmaci contraffatti attraverso internet anche dal nostro Paese. Quello della Blockchain mi sembra un sistema effettivamente efficace, anche se il mercato italiano è già controllato per tutto quel che è la Supply Chain. Il processo di verifica dunque c’è già, ma la Blockchain potrebbe risolvere il problema del farmaco contraffatto in maniera certa. Magari in futuro lo si può mettere a disposizione dell’utente stesso per verificare in prima persona la bontà del farmaco. Mi complimento con il Senatore Sileri per aver guardato così avanti organizzando questo convegno, perché effettivamente devo dire che qui ho imparato qualcosa di importante per il mio lavoro».

Un altro tema è quello delle indagini sanitarie certificate. Può essere un aspetto interessante anche per le farmacie?

«Certamente. Su questo a spetto potremmo considerarci anche clienti, non come singole farmacie ma come organizzazione sindacale, perché a noi interessa molto capire quali sono le tendenze sanitarie dei nostri pazienti e clienti, e dunque acquisire questo tipo di informazioni. È chiaro che fino ad oggi la validità dell’indagine si basava sull’attendibilità dell’istituto demoscopico. In questo caso invece il processo verrebbe certificato. Dal punto di vista sanitario è dunque un’iniziativa estremamente interessante, lo ripeto, e mi fa piacere che in Italia ci sia una politica che guarda così avanti in questo modo».

 

 

Articoli correlati
Farmaci contraffatti, Lusi (NAS): «Lotta dura ma siamo sempre più attrezzati con nuove tecnologie contro traffici illeciti»
Dalla blockchain alla bollinatura, sono tanti gli strumenti messi in campo dalle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno: «Ormai bisogna essere veramente esperti per riuscire a contraffare una confezione. Purtroppo però di casi ce ne sono ancora…»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Blockchain e sanità, Montigiani (JSB Solution): «Grandi vantaggi per i cittadini/pazienti, protocolli e prescrizioni saranno ‘tracciati’»
«Stiamo sperimentando l’uso della Blockchain in molti settori oltre alla sanità, nell’industria farmaceutica e nella ricerca clinica», sottolinea il manager a Sanità Informazione, a margine di Wired Health 2019
Farmacie rurali, Pagliacci (Sunifar): «In mille rischiano di chiudere, urgono investimenti»
Il Presidente del Sindacato Unitario dei Farmacisti rurali spiega ai nostri microfoni il difficile momento che stanno vivendo le farmacie che si trovano in zone d’Italia con popolazione inferiore ai 5mila abitanti: «Dobbiamo capire che queste farmacie sono una vera opportunità per il nostro Paese. La politica ci ascolti»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Donne, Margiotta (Farmaciste Insieme): «Con “Progetto Mimosa” aiutiamo le vittime di violenza» »
La vincitrice del titolo “Farmacista dell’Anno” 2018 spiega ai nostri microfoni in cosa consiste il progetto a tutela delle donne maltrattate e quali sono le prossime iniziative dell’associazione
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone