Mondo 27 Febbraio 2019

Blockchain e farmacie, Cossolo (Federfarma): «Ottimo strumento contro farmaci contraffatti»

Il presidente del sindacato dei farmacisti italiani spiega ai nostri microfoni quali sono le possibili applicazioni di questa tecnologia al circuito farmaceutico e, in generale, al mondo della farmacia

di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice

La Blockchain avrà effetti importanti sul settore farmaceutico e rappresenterà un grande valore aggiunto a disposizione di tutte le farmacie per comprendere meglio le esigenze dei propri clienti. È quanto emerso nel corso dell’evento in Senato “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”, organizzato dal senatore Pierpaolo Sileri, presidente della 12esima Commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama. Al dibattito è intervenuto anche Marco Cossolo, presidente di Federfarma, che ai nostri microfoni ha commentato le possibili applicazioni di questa tecnologia al circuito farmaceutico e, in generale, al mondo della farmacia. Il tutto pochi giorni prima dell’inizio degli Stati Generali della Farmacia.

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, CASTALDO ( VICEPRESIDENTE PARLAMENTO UE): «ANCHE COMMISSIONE UE INVESTE SUL SETTORE. E SULLE STAMINALI PUO’ GIOCARE RUOLO IMPORTANTE»

Presidente, le potenzialità della Blockchain in ambito sanitario sono tantissime. Può essere uno strumento utile anche per il settore farmaceutico?

«Assolutamente sì. Il problema della contraffazione dei farmaci rappresenta un danno economico rilevante perché, anche se la contraffazione non avviene in Italia, è possibile acquistare i farmaci contraffatti attraverso internet anche dal nostro Paese. Quello della Blockchain mi sembra un sistema effettivamente efficace, anche se il mercato italiano è già controllato per tutto quel che è la Supply Chain. Il processo di verifica dunque c’è già, ma la Blockchain potrebbe risolvere il problema del farmaco contraffatto in maniera certa. Magari in futuro lo si può mettere a disposizione dell’utente stesso per verificare in prima persona la bontà del farmaco. Mi complimento con il Senatore Sileri per aver guardato così avanti organizzando questo convegno, perché effettivamente devo dire che qui ho imparato qualcosa di importante per il mio lavoro».

Un altro tema è quello delle indagini sanitarie certificate. Può essere un aspetto interessante anche per le farmacie?

«Certamente. Su questo a spetto potremmo considerarci anche clienti, non come singole farmacie ma come organizzazione sindacale, perché a noi interessa molto capire quali sono le tendenze sanitarie dei nostri pazienti e clienti, e dunque acquisire questo tipo di informazioni. È chiaro che fino ad oggi la validità dell’indagine si basava sull’attendibilità dell’istituto demoscopico. In questo caso invece il processo verrebbe certificato. Dal punto di vista sanitario è dunque un’iniziativa estremamente interessante, lo ripeto, e mi fa piacere che in Italia ci sia una politica che guarda così avanti in questo modo».

 

 

Articoli correlati
“Farmacia Aperta”, la App di Federfarma Lombardia per trovare e raggiungere la farmacia più vicina
Racca (Federfarma Lombardia): «Presto, attraverso la stessa App, sarà possibile individuare tutti i servizi disponibili presso le varie farmacie nelle nostre vicinanze. Auspico che questa tecnologia possa essere usata anche in altre Regioni d’Italia, ponendo le basi per un’applicazione su scala nazionale»
di Isabella Faggiano
Farmaci contraffatti, quel business che fa gola alle mafie. Il 70% dei medicinali ‘tarocchi’ è venduto sul web
Un’indagine della rivista Il Salvagente traccia un quadro preoccupante del fenomeno alla luce di recenti fatti di cronaca: secondo l’Oms un farmaco su dieci in commercio è falso. Da febbraio in vigore il nuovo sistema europeo di contrasto alla contraffazione farmaceutica basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale
Farmacie rurali e Comunità montane, una nuova alleanza per dare più servizi ai cittadini
Salvaguardare le aree montane dallo spopolamento e assicurare ai residenti i servizi essenziali, a partire da quelli sanitari. Questi i principali obiettivi del protocollo d’intesa siglato ieri a Roma da Federfarma-Sunifar, che rappresenta le 6.700 farmacie dislocate nei comuni con meno di 5.000 abitanti, e UNCEM, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani. Il protocollo impegna […]
Campagna antinfluenzale 2019-2020, Pregliasco (Galeazzi): «Vaccini sicuri, ruolo importante per MMG e farmacie»
Il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore Sanitario dell’Ospedale Galeazzi di Milano, sottolinea: «In Italia lo scorso anno abbiamo avuto 200 morti e 865 casi gravi, non sottovalutare la patologia. I vaccini sono sicuri»
di Federica Bosco
Glaucoma, il 40% dei pazienti non segue la terapia: arriva l’App per la gestione dei farmaci
Si chiama ‘Carepy – La tua cura nelle tue mani’ ed è un servizio digitale che crea una rete virtuosa tra medici, farmacisti e pazienti con l’obiettivo di semplificare la gestione dei farmaci, delle terapie di migliorare le performance di aderenza alla terapia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone