Mondo 26 Febbraio 2019

Blockchain, Castaldo (Vicepresidente Parlamento UE): «Anche Commissione UE investe sul settore. E sulle staminali può giocare ruolo importante»

L’esponente del Movimento Cinque Stelle parla di «rivoluzione» a proposito dell’applicazione della “catena di blocchi” nella sanità: «Potremmo avere ingenti risparmi in termini di conservazione e raccolta dei dati della cartella clinica dei pazienti, favorendo al contempo l’accessibilità e permettendo agli operatori sanitari di avere l’accesso in piena sicurezza a tutte le informazioni necessarie per intervenire in modo pronto e tempestivo»

Immagine articolo

«Per la Blockchain la Commissione europea ha stanziato e stanzierà ancora più ingenti fondi nel prossimo bilancio pluriennale di sette anni dal 2021 al 2027 perché ci si è resi conto che effettivamente si tratta di una vera e propria rivoluzione». Il vicepresidente del Parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, Movimento Cinque Stelle, racconta ai microfoni di Sanità Informazione quanto ormai anche a livello europeo ci si sia resi conto delle grandi potenzialità della “catena di blocchi” anche in campo sanitario. Da qui l’investimento nella ricerca da parte della Commissione UE, una ricerca che inevitabilmente avrà riflessi anche nel campo delle cellule staminali, soprattutto nel particolare settore dell’autologa solidale, cioè la possibilità di conservare il sangue cordonale per uso autologo. Anche su questo la Blockchain potrà giocare un ruolo importante: «È fondamentale mettere l’Italia al passo delle altre eccellenze europee – sottolinea Castaldo -. In alcuni campi siamo noi in qualche modo ad aprire la pista, come è successo ad esempio negli screening neonatali nella scorsa legislatura con la legge Taverna, in altri invece è necessario avere un intervento deciso che consenta alla nostra ricerca e ai nostri ricercatori di fare nel modo migliore il proprio lavoro». Del tema si è parlato al convegno “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive” organizzato dal Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri e da alcune aziende leader del settore come Consulcesi Tech.

LEGGI ANCHE: FARMACI E RICERCHE, NUOVE FRONTIERE BLOCKCHAIN. LIBERATORE (IQVIA): «ORA SURVEY SANITARIE AD UN LIVELLO SUPERIORE»

Vicepresidente, oggi si parla di Blockchain e sanità, una tecnologia che può rivoluzionare questo mondo. A livello europeo cosa si sta facendo in materia e cosa si potrà fare?

«A livello europeo c’è piena consapevolezza dell’importanza delle varie applicazioni della Blockchain, tanto è vero che la Commissione europea ha stanziato e stanzierà ancora più ingenti fondi nel prossimo bilancio pluriennale di sette anni dal 2021 al 2027 perché ci si è resi conto che effettivamente si tratta di una vera e propria rivoluzione. Applicando la Blockchain al comparto sanitario noi potremmo avere ingenti risparmi in termini di conservazione e raccolta dei dati della cartella clinica dei pazienti favorendo al contempo l’accessibilità e permettendo agli operatori sanitari in piena sicurezza di avere l’accesso a tutte le informazioni necessarie per intervenire in modo pronto e tempestivo. Certo, ci sono anche alcuni piccoli limiti che devono essere superati. C’è il tema della privacy che chiaramente si impone in modo importante così come il diritto all’oblio che potrebbe essere calpestato dal funzionamento stesso della tecnologia, ma siamo anche convinti che sono tutti dettagli, aspetti che possono essere utilmente risolti se gli investimenti saranno proporzionali alle necessità».

Un altro tema è quello delle cellule staminali cordonali. La Blockchain può aiutare in questo senso anche sul tema dell’autologa solidale su cui è inevitabile il confronto con gli altri Paesi europei. In Italia ancora la legislazione non è compiuta. Lei pensa si possa intervenire in questo campo?

«Assolutamente. Ho piena fiducia anche nel mio amico Pierpaolo Sileri, presidente della Commissione Sanità al Senato, so che sta già meditando alcuni interventi in questo senso. È fondamentale mettere l’Italia al passo delle altre eccellenze europee. In alcuni campi siamo noi in qualche modo ad aprire la pista, come è successo ad esempio negli screening neonatali nella scorsa legislatura con la legge Taverna, in altri invece è necessario avere un intervento deciso che consenta alla nostra ricerca e ai nostri ricercatori di fare nel modo migliore il proprio lavoro. Per questo siamo sempre a sostegno della scienza, sempre a sostegno delle nostre eccellenze. Siamo convinti che stanziando le risorse appropriate, intervenendo legislativamente dove sarà necessario si potrà mettere in condizione di poter raggiungere traguardi eccellenti così come è sempre successo negli ultimi decenni».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, ANDREA TORTORELLA (CONSULCESI TECH): «COSI’ CERTIFICHIAMO FORMAZIONE ECM E SONDAGGI PER IL SETTORE FARMACEUTICO»

Articoli correlati
Alzheimer: un promettente aiuto dalle cellule staminali
Il Morbo di Alzheimer fa paura a tutti, ma oggi la ricerca scientifica accende una nuova speranza: le cellule staminali mesenchimali.  Uno studio tutto italiano pubblicato il mese scorso sulla importante rivista internazionale Stem Cells Traslational Medicine  indica le cellule staminali mesenchimali come protagoniste di una ricerca molto interessante. Il gruppo della Dott.ssa Silvia Coco, Centro di Neuroscienze dell’ Università […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Senior Italia FederAnziani all’UE: «In Italia 11 milioni di prestazioni rinviate nel lockdown, più forza ai territori»
L’Advisory Board di Senior Italia FederAnziani con le società scientifiche e le organizzazioni di medici ha incontrato il Vicepresidente del Parlamento Europeo Fabio Massimo Castaldo. Ecco le proposte per riorganizzare la medicina del territorio e per riprendere in carico la cronicità, far ripartire le nuove diagnosi e prepararsi a fronteggiare una nuova emergenza
Crisi Covid-19, Consulcesi Tech: «Per ripartire puntare su Blockchain e Finanza decentralizzata»
Pacini Battaglia, Consulcesi Tech: «Più trasparenza, decentralizzazione e rapidità di esecuzione per attraversare il momento attuale»
Le cellule staminali nella lotta alla Sclerosi Multipla: una realtà
La notizia dei giorni scorsi riprende lo studio iniziato lo scorso anno e terminato il 20 maggio con le dimissioni dell’ultimo paziente trattato: la sperimentazione di Fase I sull’utilizzo delle cellule staminali cerebrali umane in pazienti con sclerosi multipla condotta dal dottor Angelo Vescovi dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo è conclusa. E nessuno […]
di Pierangela Totta, Responsabile scientifico Futura Stem Cells
Staminali da cordone ombelicale e Covid-19
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...