Mondo 21 Febbraio 2019

Blockchain, Andrea Tortorella (Consulcesi Tech): «Così certifichiamo formazione ECM e sondaggi per il settore farmaceutico»

Il vicepresidente dell’Osservatorio Blockchain della Link Campus University e CEO di Consulcesi Tech spiega in che modo la Blockchain può rivoluzionare il mondo della sanità. «L’Italia deve essere capofila di questa rivoluzione tecnologica», aggiunge Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech

Dalla Formazione ECM certificata alle Survey per il settore farmaceutico, dalla crioconservazione delle cellule staminali alle cartelle cliniche consultabili ovunque. Sono, questi, solo alcuni possibili utilizzi del protocollo Blockchain nel settore sanitario. Se ne è parlato ampiamente nel corso del convegno “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”, ospitato dal Senato. «L’Italia deve essere capofila di questa rivoluzione tecnologica – sottolinea Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Tech – perché il nostro Sistema Sanitario Nazionale è costantemente sotto pressione anche a causa del progressivo invecchiamento della popolazione. Rispondere ai bisogni di salute dei cittadini richiede una conoscenza approfondita delle loro esigenze – sottolinea Massimo Tortorella –, ciò adesso è possibile attraverso indagini sanitarie verificate, i cui dati sono a prova di fake news grazie alla Blockchain: una vera e propria catena della fiducia».

Al tavolo dei relatori era presente anche Andrea Tortorella, vicepresidente dell’Osservatorio Blockchain della Link Campus University e CEO di Consulcesi Tech, che ha illustrato i numerosi progetti che la divisione tecnologica del Gruppo Consulcesi sta realizzando.

Andrea Tortorella, oggi in Senato Consulcesi Tech e l’Osservatorio Blockchain della Link Campus University ragionano con la politica di questa tecnologia, che non è più solo teoria, ma è già funzionante.

«Sì, ci tenevo a far vedere concretamente ciò di cui ormai si parla tantissimo. Sulla Blockchain ci sono molti servizi, libri e trasmissioni, ma ora è importante far vedere come opera e la semplicità con la quale opera, perché la solidità di questa tecnologia sta proprio nella sua semplicità».

Abbiamo visto un caso concreto: la Blockchain può rendere inalterabile una survey, quindi una ricerca, un sondaggio. E su questo progetto è nata una partnership importante con la multinazionale del settore farmaceutico IQVIA.

«Sappiamo che il tema dei sondaggi fake è attualissimo, e oggi si vive di sondaggi, sia a livello politico che sociale o di marketing, ma anche nella sanità: pensiamo alle farmaceutiche, ai trial clinici o alle ricerche scientifiche. Quindi è fondamentale essere sicuri che le informazioni che si hanno sono vere e poter verificare che lo siano in ogni momento. La Blockchain è la soluzione ideale che offre tutto questo. Le aziende leader in ambito farmaceutico, come IQVIA, non possono quindi che essere fortemente interessate a questo tipo ti tecnologia».

Un altro esempio già funzionante è quello della formazione: curriculum e attestati registrati su Blockchain sono verificabili da tutti in qualsiasi momento.

«Assolutamente. Nel momento in cui un diploma, un risultato o l’intero percorso formativo sono certificati sulla Blockchain, posso verificare quello che viene scritto su un curriculum ed essere sicuro che corrisponde a verità. Al contempo chi lo scrive, sapendo della possibilità di un controllo di questo tipo, porrà più attenzione a cosa inserire».

Voi già applicate tutto questo alla formazione continua dei medici, una cosa su cui il cittadino finora non poteva che fidarsi.

«Noi di Consulcesi Tech abbiamo subito pensato ad applicare la Blockchain ai servizi di formazione continua che il Gruppo Consulcesi offre. Sulla piattaforma che utilizziamo in Albania già certifichiamo sulla Blockchain tutto il percorso, non solo il risultato, della formazione dei medici albanesi. Ma a breve, e intendo a giorni, esporteremo questo sistema anche sulle nostre piattaforme italiane. Quindi una volta che il medico otterrà il suo attestato, potrà presentarlo ai suoi pazienti, alla pubblica amministrazione, all’assicurazione per ottenere sconti oppure, viste le tantissime cause intentate dai pazienti contro i medici, potrà utilizzarlo anche in sede di contenzioso per dimostrare in modo inoppugnabile la sua formazione».

LEGGI ANCHE: I VANTAGGI DELLA BLOCKCHAIN IN SANITA’ SPIEGATI DALL’ESPERTO: «CONSENTE ANAMNESI PIU’ ACCURATA DEL PAZIENTE E DELLE GENERAZIONI PRECEDENTI»

Articoli correlati
Farmaci contraffatti, Lusi (NAS): «Lotta dura ma siamo sempre più attrezzati con nuove tecnologie contro traffici illeciti»
Dalla blockchain alla bollinatura, sono tanti gli strumenti messi in campo dalle forze dell’ordine per contrastare il fenomeno: «Ormai bisogna essere veramente esperti per riuscire a contraffare una confezione. Purtroppo però di casi ce ne sono ancora…»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Blockchain e sanità, Montigiani (JSB Solution): «Grandi vantaggi per i cittadini/pazienti, protocolli e prescrizioni saranno ‘tracciati’»
«Stiamo sperimentando l’uso della Blockchain in molti settori oltre alla sanità, nell’industria farmaceutica e nella ricerca clinica», sottolinea il manager a Sanità Informazione, a margine di Wired Health 2019
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
Cybersecurity, Albanese (Aiop): «In un anno + 36% di attacchi informatici. Nel mirino anche Asl e ospedali». E per la sicurezza dei dati si guarda alla Blockchain
Nel mondo iperconnesso i pericoli sono dietro l’angolo, l’esperto: «Alla rete sono collegati anche gli apparecchi medicali, come un pacemaker impiantato in un paziente. Gli attacchi possono rendere pericoloso qualsiasi dispositivo del quale si perda il pieno controllo». L’Associazione Italiana Ospedalità Privata ha dato il via alla V Scuola di formazione rivolta ai dirigenti, ai responsabili del trattamento dei dati personali e dei servizi informatici delle strutture sanitarie associate
di Isabella Faggiano
Innovazione e sanità, la “Blockchain Island” è Malta. Charles Scerri: «Primo stato europeo a regolamentare settore»
Dalla medicina personalizzata alla formazione certificata: «Con la Blockchain, i crediti formativi sono accessibili, immutabili e immediatamente verificabili. La sanità diventa più efficiente ed è una garanzia per tutti: pazienti, medici e cittadini» l’intervista al dottore commercialista Charles Scerri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone