Lavoro 4 Dicembre 2018

I vantaggi della blockchain in sanità spiegati dall’esperto: «Consente anamnesi più accurata del paziente e delle generazioni precedenti»

Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, è intervenuto al convegno dell’Istituto Superiore di Sanità dedicato alla nuova tecnologia: «Benefici anche per la protezione dei dati e per il turismo sanitario»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Tra i tanti vantaggi offerti dalla tecnologia blockchain, c’è la possibilità di consultare lo storico dei dati che conserva. Consente quindi agli autorizzati di vedere chi e quando vi ha aggiunto nuove informazioni, preservando sempre trasparenza e sicurezza dell’intera catena dei blocchi. In cosa si distingue dai normali cloud che tutti noi utilizziamo per evitare che, in caso di smarrimento di computer o cellulare, perdiamo tutti i nostri dati? È Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, a rispondere a chi, durante l’incontro dedicato alla blockchain in sanità organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, solleva questa obiezione: «L’amministratore di sistema di qualunque database, se vuole, ha la possibilità di cancellarlo del tutto. Con la blockchain, questo è impossibile».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLA BLOCKCHAIN IN SANITÀ 

Controllare lo storico, dicevamo. Ineliminabile, immodificabile ma consultabile e aggiornabile dagli interessati. Applicare questi principi alla cartella sanitaria significa, come spiega Zdrojeweski, «avere la possibilità di tenere traccia dell’anamnesi del singolo individuo e di costruire quella delle generazioni precedenti. La blockchain in ambito sanitario consentirebbe quindi un’analisi molto più approfondita della storia e delle necessità di un paziente e, qualora in caso di emergenza la persona non fosse in grado di esprimere il proprio consenso, permetterebbe una cura molto più mirata e precisa».

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITÀ

Inoltre, se venisse adottata a livello nazionale, la blockchain sarebbe di grande aiuto al turismo sanitario: «Consentirebbe ai medici di un paziente che si reca in una struttura lontana dalla sua città di residenza di avere accesso a tutto ciò che serve per poter gestire un processo di cura immediato. Lo stesso discorso vale, ovviamente, anche a livello internazionale: la blockchain avrebbe impatto sulla globalità degli individui, introducendo probabilmente dei sistemi di cura estremamente più efficienti e riducendo drammaticamente i costi di gestione».

E questi sono solo alcuni dei motivi per i quali, secondo Zdrojeweski, «la blockchain in ambito sanitario è una soluzione estremamente interessante». Gli altri riguardano la sicurezza: l’attacco hacker al sistema sanitario britannico dello scorso anno ha paralizzato gli ospedali per più di una settimana. «Con la blockchain – continua – avrebbero attinto alla banca dati di un’altra struttura, di una struttura gemella o comunque affiliata, e non avrebbero bloccato le attività». La blockchain introduce allora «un livello di protezione estremamente più ampio, che permette non solo il ripristino del dato in caso di necessità, ma anche la verifica di eventuali compromissioni». Sta alle istituzioni, ora, valutarne le possibili applicazioni in sanità.

Articoli correlati
Brad Smith, presidente Microsoft: «Cura per il cancro entro il 2030 grazie a intelligenza artificiale e machine learning»
Intervenuto alla conferenza internazionale delle autorità per la privacy in corso a Tirana, il presidente di Microsoft spiega a Sanità Informazione in che modo il colosso sta cercando di proteggere i dati personali degli utenti
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio - Inviati a Tirana (Albania)
Dati sanitari e blockchain protagonisti della conferenza mondiale della privacy di Tirana. Parla Busia (Garante Privacy)
«La blockchain è uno strumento importante. Rappresenta una sfida», spiega il Garante della Privacy, Giuseppe Busia commentando l’iniziativa di Consulcesi Tech dedicata alla blockchain nel corso dell’evento ICDPPC
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti - Inviati a Tirana (Albania)
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
Congresso Aimo e simposio Goal, Tortorella: «La blockchain cambia la sanità, anche per gli oculisti »
Tra i temi affrontati, anche l’innovazione rappresentata dalla Blockchain. Tortorella (Consulcesi Tech): «È una tecnologia che verifica e congela l’accaduto. Fondamentale per certificare la formazione ECM»
di Giulia Cavalcanti e Cesare Buquicchio
Blockchain, Pacini (Consulcesi TECH): «Al via con Link Campus University il primo master MBA per le applicazioni nella sanità»
Il corso, MBA di primo livello, è stato presentato durante la Blockchain Week a Roma, la kermesse della tecnologia bitcoin, organizzata da Blockchain Management SL presso l’hotel Mercure Roma West
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...