Lavoro 4 dicembre 2018

I vantaggi della blockchain in sanità spiegati dall’esperto: «Consente anamnesi più accurata del paziente e delle generazioni precedenti»

Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, è intervenuto al convegno dell’Istituto Superiore di Sanità dedicato alla nuova tecnologia: «Benefici anche per la protezione dei dati e per il turismo sanitario»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Tra i tanti vantaggi offerti dalla tecnologia blockchain, c’è la possibilità di consultare lo storico dei dati che conserva. Consente quindi agli autorizzati di vedere chi e quando vi ha aggiunto nuove informazioni, preservando sempre trasparenza e sicurezza dell’intera catena dei blocchi. In cosa si distingue dai normali cloud che tutti noi utilizziamo per evitare che, in caso di smarrimento di computer o cellulare, perdiamo tutti i nostri dati? È Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, a rispondere a chi, durante l’incontro dedicato alla blockchain in sanità organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, solleva questa obiezione: «L’amministratore di sistema di qualunque database, se vuole, ha la possibilità di cancellarlo del tutto. Con la blockchain, questo è impossibile».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLA BLOCKCHAIN IN SANITÀ 

Controllare lo storico, dicevamo. Ineliminabile, immodificabile ma consultabile e aggiornabile dagli interessati. Applicare questi principi alla cartella sanitaria significa, come spiega Zdrojeweski, «avere la possibilità di tenere traccia dell’anamnesi del singolo individuo e di costruire quella delle generazioni precedenti. La blockchain in ambito sanitario consentirebbe quindi un’analisi molto più approfondita della storia e delle necessità di un paziente e, qualora in caso di emergenza la persona non fosse in grado di esprimere il proprio consenso, permetterebbe una cura molto più mirata e precisa».

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITÀ

Inoltre, se venisse adottata a livello nazionale, la blockchain sarebbe di grande aiuto al turismo sanitario: «Consentirebbe ai medici di un paziente che si reca in una struttura lontana dalla sua città di residenza di avere accesso a tutto ciò che serve per poter gestire un processo di cura immediato. Lo stesso discorso vale, ovviamente, anche a livello internazionale: la blockchain avrebbe impatto sulla globalità degli individui, introducendo probabilmente dei sistemi di cura estremamente più efficienti e riducendo drammaticamente i costi di gestione».

E questi sono solo alcuni dei motivi per i quali, secondo Zdrojeweski, «la blockchain in ambito sanitario è una soluzione estremamente interessante». Gli altri riguardano la sicurezza: l’attacco hacker al sistema sanitario britannico dello scorso anno ha paralizzato gli ospedali per più di una settimana. «Con la blockchain – continua – avrebbero attinto alla banca dati di un’altra struttura, di una struttura gemella o comunque affiliata, e non avrebbero bloccato le attività». La blockchain introduce allora «un livello di protezione estremamente più ampio, che permette non solo il ripristino del dato in caso di necessità, ma anche la verifica di eventuali compromissioni». Sta alle istituzioni, ora, valutarne le possibili applicazioni in sanità.

Articoli correlati
Blockchain, Scaramuccia (IBM): «Con la FDA tracceremo gli studi clinici e con Carrefour il pollo»
La Director di IBM Health & Life Science elenca a Sanità Informazione i vantaggi della catena dei blocchi in sanità, dalla filiera del farmaco alla sicurezza alimentare
Donazione organi, certificati medici, formazione ECM. Davide Casaleggio: «Ecco come la blockchain sta già cambiando la sanità»
Il presidente della Casaleggio Associati si confronta con il presidente di Consulcesi Tech, Massimo Tortorella: «Entro il 2027 la ‘catena dei blocchi’ impatterà per il 10% del Pil mondiale. Necessario investire in formazione e innovazione»
Blockchain in sanità, Vella (ISS): «PITER, il più grande database nazionale sull’epatite, verrà gestito su catena dei blocchi»
L’Istituto Superiore di Sanità ha ospitato il convegno dedicato alle applicazioni della nuova tecnologia nel mondo sanitario. Il direttore del Centro per la salute globale: «La blockchain è una cassaforte digitale di cui solo alcuni hanno il codice, utilizzabile per tracciabilità del farmaco, trial clinici e formazione ECM»
Innovazione in sanità: al “Malta Blockchain Summit” nasce il futuro della digital identity
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Con la Blockchain si certifica l’identità dei pazienti, del fornitore sanitario e del farmaco, escludendo falsificazioni e frodi»
Consulcesi Tech: «Blockchain motore dell’innovazione healthcare, stop ai farmaci contraffatti»
I massimi esperti della tecnologia Blockchain a confronto a Dubai su un nuovo paradigma digitale destinato a cambiare radicalmente molti aspetti delle nostre vite, compreso l’approccio medico-sanitario. Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi Tech: «Emirati Arabi pronti a cogliere la sfida della Blockchain per migliorare i servizi ai cittadini, soprattutto la sanità. Sia da monito a Ue affinché non resti ferma mentre il resto del mondo corre»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...