Lavoro 4 Dicembre 2018

I vantaggi della blockchain in sanità spiegati dall’esperto: «Consente anamnesi più accurata del paziente e delle generazioni precedenti»

Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, è intervenuto al convegno dell’Istituto Superiore di Sanità dedicato alla nuova tecnologia: «Benefici anche per la protezione dei dati e per il turismo sanitario»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Tra i tanti vantaggi offerti dalla tecnologia blockchain, c’è la possibilità di consultare lo storico dei dati che conserva. Consente quindi agli autorizzati di vedere chi e quando vi ha aggiunto nuove informazioni, preservando sempre trasparenza e sicurezza dell’intera catena dei blocchi. In cosa si distingue dai normali cloud che tutti noi utilizziamo per evitare che, in caso di smarrimento di computer o cellulare, perdiamo tutti i nostri dati? È Sebastian Zdrojeweski, CEO di Rights Chain Ltd, a rispondere a chi, durante l’incontro dedicato alla blockchain in sanità organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, solleva questa obiezione: «L’amministratore di sistema di qualunque database, se vuole, ha la possibilità di cancellarlo del tutto. Con la blockchain, questo è impossibile».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SULLA BLOCKCHAIN IN SANITÀ 

Controllare lo storico, dicevamo. Ineliminabile, immodificabile ma consultabile e aggiornabile dagli interessati. Applicare questi principi alla cartella sanitaria significa, come spiega Zdrojeweski, «avere la possibilità di tenere traccia dell’anamnesi del singolo individuo e di costruire quella delle generazioni precedenti. La blockchain in ambito sanitario consentirebbe quindi un’analisi molto più approfondita della storia e delle necessità di un paziente e, qualora in caso di emergenza la persona non fosse in grado di esprimere il proprio consenso, permetterebbe una cura molto più mirata e precisa».

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITÀ

Inoltre, se venisse adottata a livello nazionale, la blockchain sarebbe di grande aiuto al turismo sanitario: «Consentirebbe ai medici di un paziente che si reca in una struttura lontana dalla sua città di residenza di avere accesso a tutto ciò che serve per poter gestire un processo di cura immediato. Lo stesso discorso vale, ovviamente, anche a livello internazionale: la blockchain avrebbe impatto sulla globalità degli individui, introducendo probabilmente dei sistemi di cura estremamente più efficienti e riducendo drammaticamente i costi di gestione».

E questi sono solo alcuni dei motivi per i quali, secondo Zdrojeweski, «la blockchain in ambito sanitario è una soluzione estremamente interessante». Gli altri riguardano la sicurezza: l’attacco hacker al sistema sanitario britannico dello scorso anno ha paralizzato gli ospedali per più di una settimana. «Con la blockchain – continua – avrebbero attinto alla banca dati di un’altra struttura, di una struttura gemella o comunque affiliata, e non avrebbero bloccato le attività». La blockchain introduce allora «un livello di protezione estremamente più ampio, che permette non solo il ripristino del dato in caso di necessità, ma anche la verifica di eventuali compromissioni». Sta alle istituzioni, ora, valutarne le possibili applicazioni in sanità.

Articoli correlati
Europee, Battiston (Pd): «Ogni anno via dall’Italia 300mila giovani. Fermare ‘fuga dei cervelli’»
Come? «Imitiamo gli altri paesi europei», ne è convinto l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana in corsa alle Europee per il Partito democratico nella circoscrizione Nord est. «Nel prossimo programma quadro, il nono, 110 miliardi di euro, il 10% del totale del programma è destinato a ricerca e innovazione L’Italia può portare nel proprio sistema più soldi di quanto investe in alcuni settori»
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
Cybersecurity, l’allarme del Garante della Privacy: «Attacchi alla sanità cresciuti del 99%»
«La carente sicurezza dei dati e dei sistemi – ha rilevato Antonello Soro durante la sua relazione al Parlamento - che li ospitano può rappresentare una causa di malasanità». La soluzione potrebbe arrivare dall’utilizzo della Blockchain
Europee, David Sassoli (Pd): «Europa in campo per incentivare e premiare medici in regola con obbligo Ecm»
Il Vicepresidente del Parlamento Europeo, in visita alla sede romana del gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici ex specializzandi che ancora aspettano giustizia dallo Stato italiano: «È un diritto che dev’essere riconosciuto, il tema della mediazione giuridica credo che sia l’unico che possa consentire giustizia». Poi sottolinea l’esigenza di avere «un’Europa più forte» ma che sia arricchita dalle «buone pratiche italiane»
Maratona di Roma 2019. Consulcesi Onlus: gara di solidarietà per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”
Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che hanno partecipato alla Maratona di Roma per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...