Long Covid 24 Novembre 2021 15:10

Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti

Il Policlinico di Palermo in prima linea nella sperimentazione. Gallina (direttore Otorinolaringoiatria): «Un percorso a doppio binario farmacologico e sensoriale, privo di effetti collaterali e dai risultati incoraggianti»

Anosmia da Covid, ecco come la fisioterapia nasale aiuta a ritrovare odori e sapori smarriti

La malattia da Sars CoV2 ha tra i suoi sintomi più caratteristici la perdita o riduzione del senso dell’olfatto e del gusto (anosmia). Accade così che profumi, odori e sapori vengano smarriti completamente, condizione che, in un numero non trascurabile di pazienti, non si risolve dopo la guarigione.

In alcuni casi, l’anosmia si trasforma in parosmia, cioè in una alterazione dell’olfatto e del gusto, che porta a confondere odori e sapori, uniformandoli tra loro e/o trasformandoli da piacevoli a sgradevoli. Tutto questo impatta negativamente sulla qualità della vita degli ex pazienti Covid, con ripercussioni emotive (dal non poter sentire il profumo dell’abbraccio dei propri cari, al non poter godere dei piaceri della tavola fino al sentire costantemente cattivi odori) ma persino invalidanti, dal momento che l’olfatto ha anche una importante funzione difensiva: tanto per fare un esempio, in caso di fuga di gas non avvertirne il caratteristico odore potrebbe portare a conseguenze drammatiche. Da qui l’esigenza di trattare un sintomo forse sottovalutato, in quanto non grave dal punto di vista clinico, ma ampiamente diffuso e sofferto.

Da qualche mese è attivo un progetto terapeutico multicentrico che, partito da Fano ad opera della professoressa Arianna Di Stadio (Università di Perugia), sta coinvolgendo vari centri in Italia, tra cui il Policlinico di Palermo: si tratta di un percorso di riabilitazione olfattoria dedicato agli ex pazienti Covid. Sanità Informazione ha intervistato sul tema il professor Toti Gallina, direttore dell’UO di Otorinolaringoiatria presso il Policlinico di Palermo, in prima linea in questa sperimentazione.

Le caratteristiche della fisioterapia nasale post-Covid

«Questo percorso terapeutico – spiega il primario – consiste in due momenti paralleli: quello farmacologico, attraverso la somministrazione di un preparato, il Pealut (in bustine per via orale da assumere per almeno un mese) che combina due molecole, la luteolina e il Palmitoiletanolamide, associando un effetto antinfiammatorio ad uno antiossidante, e un momento di vera e propria riabilitazione olfattoria. Quest’ultima mira alla stimolazione fisiologica del nervo olfattivo per ripristinare la sua funzione. Come? Attraverso gli sniff test: i pazienti – spiega ancora Gallina – annusano più volte al giorno oli essenziali con odori e profumi particolarmente intensi e soprattutto a loro familiari (chiodi di garofano, agrumi, Parmigiano, noce moscata, eccetera) per stimolare anche il ricordo dell’odore. E’ una terapia naturalmente priva di effetti collaterali – aggiunge Gallina – che si effettua al domicilio in autonomia, dietro le nostre indicazioni ed il costante monitoraggio a livello ambulatoriale, sia in fase iniziale di valutazione del disturbo e spiegazione del percorso, sia in itinere per la valutazione dei risultati attraverso la compilazione di appositi questionari, oltre che, ovviamente alla fine del percorso programmato».

I primi risultati della sperimentazione

«I dati di cui disponiamo al momento, sebbene parziali, sono molto incoraggianti – afferma lo specialista. – Abbiamo portato a termine il percorso di una trentina di pazienti, di cui più della metà ha ottenuto dopo i tempi standard di trattamento il ripristino della capacità olfattiva. E’ chiaro però – sottolinea – che questa riabilitazione non ha una durata definita, e il recupero può avvenire successivamente ai tempi di trattamento protocollati. Motivo per cui – conclude il primario – esortiamo i pazienti a continuare ad “allenare” il proprio olfatto quotidianamente anche dopo la fine del trattamento e indipendentemente dai risultati raggiunti. Il riscontro positivo che stiamo avendo è merito di un grande lavoro di squadra, in questo caso i miei collaboratori Federico Sireci, Francesco Lorusso, Pierluigi Ortensio, Simone Olivo e Onofrio Guzzo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Creato ceppo Covid letale all’80% nei topi, la condanna della scienza
Un gruppo di ricercatori americani ha creato un nuovo ceppo Covid mortale all'80% nei topi. La comunità scientifica sostiene che si sta «giocando con il fuoco»
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
Malattie cardiovascolari nelle donne, specie nel post Covid. Nasce un progetto per sostenerle
Realizzata dal Gruppo San Donato, l’iniziativa vuole fare una fotografia dello stato di salute della popolazione femminile post Covid. Serenella Castelvecchio (responsabile Prevenzione Cardiovascolare e medicina di genere): «Lavoro necessario per cure sempre più personalizzate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa