Lavoro 6 Settembre 2019 18:00

Aggressioni ai camici bianchi, a Napoli vertice FNOMCeO-OMCeO. Scotti: «Speriamo in celere risposta legislativa»

Gli esecutivi della Federazione Nazionale e degli Ordini dei Medici campani in visita ai luoghi simbolo dell’emergenza. Anelli (FNOMCeO): «Al nuovo governo chiediamo che la sanità non sia più ancella dell’economia»

Aggressioni ai camici bianchi, a Napoli vertice FNOMCeO-OMCeO. Scotti: «Speriamo in celere risposta legislativa»

Un vero e proprio incontro al vertice, quello tenutosi oggi a Napoli tra l’esecutivo FNOMCeO e gli Ordini dei Medici della Campania per accendere un faro sul dilagante problema delle aggressioni al personale sanitario. Un’emergenza che non solo mina l’incolumità degli addetti ai lavori, ma si ripercuote anche sulla garanzia di una efficace risposta di salute ai cittadini del territorio. Fondamentale, anche alla luce dell’insediamento del nuovo governo, che i passi in avanti compiuti in precedenza trovino ora maggiore spazio, concretezza ed applicazione.

LEGGI ANCHE: “E POI, LA VITA CHI TE LA SALVA?”. NUOVA CAMPAGNA DELL’OMCEO BARI CONTRO LE AGGRESSIONI AGLI OPERATORI SANITARI

«È stata una giornata estremamente interessante – dichiara ai nostri microfoni il presidente FNOMCeO Filippo Anelli -.  Abbiamo visitato gli ospedali e visto i segni delle sparatorie, abbiamo incontrato i colleghi che hanno salvato la vita della piccola Noemi, abbiamo riscontrato anche eccellenza, modernità e tecnologie avanzate. Quello che chiediamo al neo ministro della Salute Speranza – continua Anelli –  è che la sanità italiana non venga più subordinata alle sorti dell’economia. I tagli e il definanziamento deteriorano il rapporto con i cittadini, e compromettono l’efficacia del SSN. Se la qualità del servizio continua ad abbassarsi, si crea una situazione di allarme – conclude – e si presta il fianco a critiche circa il mancato rispetto del diritto alla salute, il cui perseguimento è invece il nostro principale obiettivo».

«L’Ordine di Napoli  – afferma il presidente dell’OMCeO di Napoli Silvestro Scotti – si spende su questo tema oramai da tanti, troppi anni. Questa visita è un ulteriore segnale, che arriva con grande tempestività rispetto alla formazione del nuovo governo. Crediamo che a questo punto non ci saranno ulteriori tentennamenti. Uno dei primi atti dei quali si dovrebbe occupare il ministro Speranza è quello di portare a termine con urgenza i provvedimenti legislativi che possano tutelare i medici dalle aggressioni. Abbiamo scelto di passare anche al Santobono Pausilipon – ha aggiunto Scotti – per dare un segnale, per far sì che, spenti i riflettori sulla triste vicenda di Noemi, ci sia comunque un riconoscimento nei confronti del grande lavoro portato a termine da tutti colleghi, che hanno dimostrato tutta la qualità e la capacità della scuola medica napoletana e hanno dato orgoglio all’Ordine che presiedo. Non vorremmo mai – conclude Scotti – che i nostri medici vessati dai continui attacchi nei loro confronti trovino una soluzione nell’andare a lavorare all’estero o nel prepensionamento».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, ABUSIVISMO, COVI DI ARMI: ECCO LA GOMORRA DEGLI OSPEDALI NAPOLETANI

Sulla stessa linea il consigliere dell’Ordine di Napoli Luigi Sodano: «Nella nostra Regione, ma devo dire in tutta Italia, questo problema sta diventando un’emergenza. Sia dalla Federazione che da ogni singolo Ordine si leva con forza la richiesta al Governo affinché il tema sia affrontato con urgenza. Ci aspettiamo che a questo punto che non ci siano ulteriori ritardi».

Un messaggio importante e che impone una riflessione, infine, è quello lanciato dal professor Gennaro Rispoli, direttore di Chirurgia Generale negli ospedali Ascalesi e San Giovanni Bosco, e presidente dell’Associazione Culturale per l’Arte e la Storia della Medicina ‘Il faro di Ippocrate’: «Dobbiamo lavorare sulla prevenzione dei fenomeni aggressori, che purtroppo scattano in determinate situazioni di stress quali appunto la malattia. Credo che vada scardinato innanzitutto questo trionfalismo scientifico che vede nel medico e nelle nuove tecnologie la ricetta per l’immortalità. Dobbiamo riappropriarci dell’umanesimo che contraddistingue la nostra professione, dei nostri dubbi e della nostra fallibilità. Riavvicinare il cittadino alla storia e alla tradizionale eccellenza delle istituzioni ospedaliere napoletane può essere una delle chiavi per recuperare il rapporto di fiducia e alleanza tra medico e paziente, ora messo a dura prova».

Articoli correlati
Covid, OMCeO Napoli vicino ai suoi iscritti. Scotti e Zuccarelli: «Psicoterapeuti e avvocati per sostenere chi da un anno combatte in trincea»
Dopo aver siglato un protocollo d’intesa con Federlab Italia e Unione Industriali per assicurare ai medici partenopei, ai loro familiari e collaboratori l’accesso a test sierologici e tamponi molecolari ad un costo simbolico, l’Ordine dei Medici di Napoli continua a introdurre iniziative a sostegno dei propri iscritti, ancor più in questo momento di grande difficoltà […]
Giornata del personale sanitario, il racconto dell’omaggio italiano
Segui la diretta dell'evento organizzato dalla FNOMCeO (Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) per ricordare i medici e gli odontoiatri che hanno sacrificato la propria vita per combattere il Covid-19
Giornata personale sanitario, Anelli (Fnomceo): «Nostre professioni uniscono il Paese»
Raggiunto da Sanità Informazione nella Giornata del personale sanitario, socio-sanitario e volontario contro Covid-19, a un anno dall'inizio della pandemia, il presidente Fnomceo Filippo Anelli parla di «un momento di riflessione sulla capacità di queste professioni di mantenere unito il Paese»
Vaccini Covid, Anelli (FNOMCeO): «Liberare i brevetti»
«L’emergenza è tale per cui l’accesso alla vaccinazione del maggior numero possibile di persone non risponde solo ai principi etici di universalità, equità e uguaglianza ma anche a una precisa strategia di prevenzione»
Elezioni Ordini: al via le prime per via telematica. La guida al voto
Per supportare gli Ordini nel voto, la FNOMCeO ha pubblicato due manuali (per il voto elettronico e per quello telematico), le istruzioni in merito allo svolgimento delle operazioni di voto e il Regolamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...