Lavoro 9 febbraio 2016

Turni di lavoro, l’appello dell’Asl Roma 1: «Medici stanchi non vanno lasciati soli» 

Seconda tappa del viaggio nelle aziende sanitarie. Intervista al commissario straordinario Angelo Tanese: «Tutela dei professionisti e riorganizzazione aziendale priorità assolute»

Immagine articolo

Anno nuovo, sanità nuova. O almeno si spera. Con il 2016 è entrata in vigore la riorganizzazione delle aziende sanitarie locali di Roma, un intervento che ha ridotto le Asl da otto a sei attraverso l’accorpamento delle Asl Rm A e Rm E nella nuova azienda denominata Roma 1 e delle Asl Rm B e Rm C accorpate nell’Asl Roma 2.


Sanità informazione ha intervistato il commissario straordinario della neonata Asl Roma 1, Angelo Tanese.

Dottor Tanese, una modifica importante per tentare di organizzare il lavoro della sanità sul territorio…
«Questo progetto della Regione Lazio per ridisegnare i confini istituzionali delle aziende è molto ambizioso quanto necessario e utile; come insegnano anche altre regioni, dimensioni più grandi consentono di programmare e gestire meglio servizi e risorse».

Tra le tante problematiche che affliggono i medici in questo momento, c’è quello degli orari di lavoro. Lo scorso 25 novembre, il nostro Paese si è adeguato alla normativa europea, ma ci sono ancora tante falle.
«Abbiamo messo in campo tutte le azioni possibili per rispettare il nuovo orario di lavoro perché ritengo che la tutela dei professionisti sia una delle esigenze da salvaguardare sempre. La demotivazione è tanta perché l’età media è alta, gli stipendi non sono aumentati e il lavoro è diventato più faticoso. E non ultimo c’è una certa preoccupazione per azioni a volte aggressive, in termini di responsabilità medica. La responsabilità è di chi dirige l’azienda sanitaria: ad oggi abbiamo delle dotazioni che non sono più rispondenti nella loro allocazione a un corretto utilizzo, sia in ospedale che sul territorio. Produciamo servizi straordinari ogni giorno, di grande valore per i cittadini e poi magari finiamo sul giornale per un caso di malasanità. Ecco, questo non è possibile e i medici non devono sentirsi abbandonati. In questa grande azienda il personale è passato da 2mila a 4mila con l’accorpamento col San Filippo Neri, e ora 6mila con la Roma E e la Roma A; se ci mettiamo i 1300 medici convenzionati, arriviamo ad oltre 7mila. Sono numeri da grande azienda, la forza lavoro dei professionisti è al centro della riorganizzazione».

Nel frattempo i medici continuano a sentirsi abbandonati dalle istituzioni, e tentano la strada dei ricorsi in tribunale…
«C’è uno spazio normativo del quale si occupano le istituzioni. Autonomia significhi condividere obiettivi comuni, ad esempio riorganizzare gli ospedali. Ridurre i posti letto non significa ridurre i servizi. Riorganizzare l’assistenza territoriale in maniera più attenta e rispondente alle reali esigenze della popolazione significa dare servizi migliori ai cittadini. La qualità della spesa conta quanto la quantità. Avere 7.300 medici può essere tanto o poco a seconda di come vengono utilizzati. E questa credo sia oggi la nostra maggiore esigenza, cioè non perdere di vista le finalità del servizio pubblico e con le risorse che abbiamo tentare di coinvolgere tutti in una nuova fase di riorganizzazione del servizio sanitario. Non si può più fare quello che si faceva 20 anni fa, come stare in ospedale una settimana per una cataratta. Credo si debba prendere atto che la sanità è cambiata e si devono utilizzare tecnologie e personale per dare servizi di qualità».

Articoli correlati
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Fine Vita, Tanese (ASL Roma1): «In momento così delicato diventa fondamentale la formazione per i sanitari e l’informazione per gli assistiti»
«La diversità culturale e religiosa crea barriere e la rete dei servizi dell’azienda sanitaria deve funzionare in maniera più integrata, a partire dal medico di medicina generale fino agli operatori». Così Angelo Tanese, Direttore generale della ASL Roma 1 che, insieme al Tavolo interreligioso di Roma ed al Policlinico Gemelli, ha promosso il Manifesto Interreligioso per il Fine Vita
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Emergenza rifiuti a Roma, Di Rosa (Siti e Asl Roma1): «Malattie infettive? Difficile ma non impossibile. Più rischi con il caldo»
Topi, mosche e cinghiali: non è la ricetta per una pozione magica ma «le specie animali che attirate dai rifiuti urbani, possono proliferare e diventare vettori di malattie per l’uomo». Lo spiega Enrico Di Rosa, Segretario della SITI e referente dell’UOC Servizio igiene sanità pubblica dell'Asl Roma 1
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...