Lavoro 23 Dicembre 2019

Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»

Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»

Poche, pochissime, le linee guida prodotte da società scientifiche accreditate ai sensi della Legge 24/2017. Tre, per l’esattezza, contro le 315 – di cui oltre 200 per la pratica clinica – del National Institute for Health and Care Excellence (Nice) inglese. In Italia c’è un grave ritardo e bisogna colmare questo gap che ha ricadute dirette non solo sull’attività del medico, che svolge il proprio lavoro con paura e incertezza, ma anche sulle cure e sugli esiti delle cure, oltre a quelli medico-legali e giudiziari.

Il confronto sul tema, tra tutti gli attori coinvolti, si è svolto a Roma, in Senato, nel corso del convegno “Il ruolo delle linee guida: dalla pratica clinica alle aule giudiziarie” promosso dalla Fondazione Italia in Salute.

«Noi come Istituto Superiore di Sanità stiamo facendo moltissimo per l’applicazione della Legge Gelli – ha sottolineato Andrea Piccioli, Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità – con l’attivazione del Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica. Il Sistema nazionale linee guida è estremamente complesso – ha precisato – ma avendo sistemato la parte organizzativa, d’ora in avanti potremmo produrre in maniera abbastanza rapida linee guida metodologicamente utili per il SSN: ne stiamo editando due su autismo e adolescenti e sul trauma maggiore».

Non è così ottimista la responsabile del programma di ricerca della Fondazione Italia in Salute Fidelia Cascini, che ai nostri microfoni ha dichiarato: «Nonostante l’impegno dell’ISS, ad oggi, dopo due anni dall’entrata in vigore della Legge 24, abbiamo solo tre linee guida disponibili». Ci sono in corso aggiornamenti di linee guida del 2018 e altre nuove proposte, è vero, ma è ancora troppo poco. «L’Inghilterra è molto più avanti di noi – ha precisato -. Ogni anno il Nice produce circa 35 linee guida: ognuna ha circa 350 raccomandazioni, raccolte di studi e revisioni sistematiche che portano all’attenzione di tutti, medici e pazienti, le migliori scoperte disponibili in ambito medico».

L’incontro in Senato è stato anche l’occasione per annunciare una partnership tra la Fondazione, l’Università Cattolica ed il Dipartimento di epidemiologia della Regione Lazio per rendere pienamente applicativa la norma. «Lanciamo un appello alle Società scientifiche – ha detto il Presidente Federico Gelli – perché si mobilitino: saranno loro protagoniste di questo percorso che dovrà dotare il nostro Paese di un sistema completo di linee guida».

La Fondazione, dunque, «supporterà l’Istituto Superiore di Sanità mettendosi a disposizione di tutti i soggetti eleggibili dalla Legge 24/2017 – società scientifiche, associazioni tecnico-scientifiche, organizzazioni sanitarie – nell’elaborazione nella redazione delle linee guida – ha spiegato a Sanità Informazione Fidelia Cascini -. C’è un’urgenza e un bisogno di avere più indicazioni basate sull’evidenza clinica più aggiornata e la migliore scoperta scientifica».

LEGGI ANCHE: LEGGE 24/2017, GELLI: «IN CASO DI CONTENZIOSO, MAGISTRATO TUTELA PROFESSIONISTA FORMATO E PREPARATO»

La Legge Gelli, a due anni dalla sua emanazione, ha prodotto effetti molto positivi nelle Regioni in cui è stato adottato il modello previsto dalla norma, anche se «ci sono molte differenze che riguardano i tribunali. A Milano, ad esempio, il passo è stato più veloce rispetto a Roma nell’aver recepito la legge e nel vedere i suoi effetti positivi in ambito di contenzioso» ha sottolineato Fidelia Cascini, che ha aggiunto: «È fondamentale che i medici si aggiornino con figure esperte che conoscono la ricerca scientifica a livello internazionale. L’obiettivo deve essere – ha concluso – trasferire quelle che sono le scoperte più importanti e recenti della medicina alla pratica quotidiana».

Articoli correlati
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Il 21 novembre 2020 è la Giornata dell’assistente sanitario
Un professionista di grande importanza nel mondo sanitario: in possesso della laurea in Assistenza sanitaria (L/SNT/4) abilitante all'esercizio della professione di Assistente sanitario, e dell’iscrizione all’albo presso gli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (TSRM e PSTRP). Rappresenta una delle prime figure professionali che si incontra in ambito della prevenzione fin dai primi giorni di vita, per le vaccinazioni dell'infanzia
Educatori professionali, Riposati: «Aumentare i posti nelle università e creare nuove specializzazioni»
Il presidente del CdA nazionale: «La pandemia ha aggravato le criticità già esistenti, è arrivato il momento di risolverle. L’offerta territoriale è inadeguata alle richieste di assistenza dei cittadini»
di Isabella Faggiano
I provider ECM incontrano Mantoan (Agenas). Colombati (Formazione nella Sanità): «Siamo esclusi dal Decreto Ristori»
L’associazione denuncia gravi perdite nel 2020: «Saltati 2 eventi formativi su 3: calo annuale del 67%». Altri temi a confronto: tavolo tecnico, programmazione, diversa rendicontazione e nuove tecnologie
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli