Lavoro 23 Dicembre 2019 15:20

Linee guida, l’Italia ne ha tre e l’Inghilterra 315. Fondazione Italia in Salute: «Siamo a disposizione delle società scientifiche»

Il monito di Fidelia Cascini, responsabile del programma di ricerca della Fondazione: «Nell’interesse di medici e pazienti, è necessario rendere facilmente consultabile tutta la migliore evidenza scientifica disponibile»

Poche, pochissime, le linee guida prodotte da società scientifiche accreditate ai sensi della Legge 24/2017. Tre, per l’esattezza, contro le 315 – di cui oltre 200 per la pratica clinica – del National Institute for Health and Care Excellence (Nice) inglese. In Italia c’è un grave ritardo e bisogna colmare questo gap che ha ricadute dirette non solo sull’attività del medico, che svolge il proprio lavoro con paura e incertezza, ma anche sulle cure e sugli esiti delle cure, oltre a quelli medico-legali e giudiziari.

Il confronto sul tema, tra tutti gli attori coinvolti, si è svolto a Roma, in Senato, nel corso del convegno “Il ruolo delle linee guida: dalla pratica clinica alle aule giudiziarie” promosso dalla Fondazione Italia in Salute.

«Noi come Istituto Superiore di Sanità stiamo facendo moltissimo per l’applicazione della Legge Gelli – ha sottolineato Andrea Piccioli, Direttore Generale dell’Istituto Superiore di Sanità – con l’attivazione del Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica. Il Sistema nazionale linee guida è estremamente complesso – ha precisato – ma avendo sistemato la parte organizzativa, d’ora in avanti potremmo produrre in maniera abbastanza rapida linee guida metodologicamente utili per il SSN: ne stiamo editando due su autismo e adolescenti e sul trauma maggiore».

Non è così ottimista la responsabile del programma di ricerca della Fondazione Italia in Salute Fidelia Cascini, che ai nostri microfoni ha dichiarato: «Nonostante l’impegno dell’ISS, ad oggi, dopo due anni dall’entrata in vigore della Legge 24, abbiamo solo tre linee guida disponibili». Ci sono in corso aggiornamenti di linee guida del 2018 e altre nuove proposte, è vero, ma è ancora troppo poco. «L’Inghilterra è molto più avanti di noi – ha precisato -. Ogni anno il Nice produce circa 35 linee guida: ognuna ha circa 350 raccomandazioni, raccolte di studi e revisioni sistematiche che portano all’attenzione di tutti, medici e pazienti, le migliori scoperte disponibili in ambito medico».

L’incontro in Senato è stato anche l’occasione per annunciare una partnership tra la Fondazione, l’Università Cattolica ed il Dipartimento di epidemiologia della Regione Lazio per rendere pienamente applicativa la norma. «Lanciamo un appello alle Società scientifiche – ha detto il Presidente Federico Gelli – perché si mobilitino: saranno loro protagoniste di questo percorso che dovrà dotare il nostro Paese di un sistema completo di linee guida».

La Fondazione, dunque, «supporterà l’Istituto Superiore di Sanità mettendosi a disposizione di tutti i soggetti eleggibili dalla Legge 24/2017 – società scientifiche, associazioni tecnico-scientifiche, organizzazioni sanitarie – nell’elaborazione nella redazione delle linee guida – ha spiegato a Sanità Informazione Fidelia Cascini -. C’è un’urgenza e un bisogno di avere più indicazioni basate sull’evidenza clinica più aggiornata e la migliore scoperta scientifica».

LEGGI ANCHE: LEGGE 24/2017, GELLI: «IN CASO DI CONTENZIOSO, MAGISTRATO TUTELA PROFESSIONISTA FORMATO E PREPARATO»

La Legge Gelli, a due anni dalla sua emanazione, ha prodotto effetti molto positivi nelle Regioni in cui è stato adottato il modello previsto dalla norma, anche se «ci sono molte differenze che riguardano i tribunali. A Milano, ad esempio, il passo è stato più veloce rispetto a Roma nell’aver recepito la legge e nel vedere i suoi effetti positivi in ambito di contenzioso» ha sottolineato Fidelia Cascini, che ha aggiunto: «È fondamentale che i medici si aggiornino con figure esperte che conoscono la ricerca scientifica a livello internazionale. L’obiettivo deve essere – ha concluso – trasferire quelle che sono le scoperte più importanti e recenti della medicina alla pratica quotidiana».

Articoli correlati
Chiaramonte: «Noi malati di Porpora Trombotica Trombocitopenica. Invisibili tra gli invisibili»
«Fermarci ad ascoltare chi soffre. Stabilire una relazione diretta con i malati. Accendere i riflettori su questa piccola comunità di persone. Ecco le nostre richieste». Così Massimo Chiaramonte, Presidente dell’Associazione Nazionale Porpora Trombotica Trombocitopenica Onlus a Sanità Informazione
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Legge Gelli: riforma in vista
Dal 12 maggio è in esame in Commissione giustizia e affari sociali della Camera una proposta di modifica della Legge Gelli Bianco
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
«Formazione integrata e nuove tecnologie, così si vince la sfida del PNRR». Parla il DG di Tor Vergata Quintavalle
«Abbiamo ottenuto il rinnovo di tutta l’alta diagnostica» spiega Quintavalle che ha partecipato al convegno “Gestione del rischio e PNRR”. Sulla sanità territoriale: «Serve una nuova concezione dell’ospedale di comunità o non avremo nulla di nuovo». A Tor Vergata previsto anche adeguamento sismico e una nuova sezione radiologica
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali