Lavoro 1 Settembre 2020

Piani terapeutici, FNOMCeO: «Estendere proroga fino al 15 ottobre e semplificare procedure prescrittive»

La validità dei piani era stata prorogata fino al 31 agosto. FNOMCeO: «MMG possano prescrivere i farmaci in modo efficace e assumersi la gestione dei pazienti». La posizione di Senior Italia FederAnziani: «Anziché prorogare si dia a MMG e specialisti del territorio facoltà di prescrivere»

Sono scaduti oggi i piani terapeutici per i farmaci e le prescrizioni dei presidi destinati a 10 milioni di malati cronici, che erano stati prorogati da Aifa fino al 31 agosto. Arriva quindi da più parti la richiesta di proroga, almeno fino alla fine dello stato di emergenza sanitaria da Covid-19.

PIANI TERAPEUTICI, LA RICHIESTA DELLA FNOMCEO

Il Presidente della FNOMCeO (Federazione degli Ordini dei Medici) Filippo Anelli si appella al Ministro della Salute, Roberto Speranza, e ai vertici dell’AIFA, per chiedere non solo l’estensione della proroga dei piani terapeutici fino al termine dello stato di emergenza, ma anche una deburocratizzazione e una semplificazione delle procedure prescrittive che potrebbero essere affidate ai MMG.

ANELLI: «I MMG POSSONO PRESCRIVERE FARMACI»

Una serie di proroghe dei piani terapeutici erano già state concessa da Aifa durante l’epidemia di Covid-19. Secondo il presidente Anelli, questo ha dimostrato come i MMG possano prescrivere i farmaci in modo efficace e assumersi la gestione dei pazienti e come «i rinnovi periodici così ravvicinati non siano che un aggravio burocratico, volto più al controllo della spesa che a quello della terapia – aggiunge Anelli-. Anzi, in molti casi, questa difficoltà nell’accesso ai farmaci innovativi costituisce un vero e proprio sbarramento per i pazienti più fragili, che, impossibilitati a recarsi nelle strutture abilitate o dagli specialisti, ripiegano su farmaci meno appropriati o interrompono le terapie» sottolinea.

L’APPELLO AL MINISTRO DELLA SALUTE

«Se vogliamo trarre una lezione dalla pandemia di Covid-19 – incalza Anelli – è proprio l’aver dimostrato che una burocrazia più snella non solo è possibile, ma giova ai pazienti, ai professionisti e ai sistemi sanitari – prosegue -. Ci appelliamo al Ministro della Salute – evidenzia – perché intervenga sull’AIFA ottenendo un’estensione della proroga sino al termine dello Stato di emergenza e auspichiamo una deburocratizzazione e una semplificazione di queste procedure prescrittive, che sfrutti la presenza capillare e prossima ai pazienti dei medici di medicina generale per la prescrizione dei nuovi farmaci che abbiano dato prova di efficacia e sicurezza».

FEDERANZIANI: «FAR PRESCRIVERE I FARMACI DA MMG E SPECIALISTI DEL TERRITORIO»

Dello stesso avviso Senior Italia Federanziani: «L’ulteriore proroga dei Piani Terapeutici non fa altro che rinviare ancora un problema annoso, quello della prescrizione di una serie di farmaci, come quelli per diabete e malattie respiratorie, che a oggi non possono essere prescritti né dai medici di famiglia né dagli specialisti del territorio». Secondo Federanziani, entrambe le categorie di medici hanno tale facoltà prescrittiva, in relazione alla fase attuale ma anche alla presa in carico dei pazienti cronici. «Sarebbe preferibile decidersi ad affrontare in modo strutturale una situazione problematica da tempo e a maggior ragione ora che i medici si trovano a smaltire il pesante arretrato di visite e screening accumulato in questi mesi di blocco delle attività ordinarie».

LE LISTE D’ATTESA

Il problema delle liste d’attesa è sempre stato in cima alle lamentele dei cittadini; una criticità del sistema che rischia di peggiorare a causa delle visite “congelate” durante il lockdown e delle regole di distanziamento e contingentamento degli accessi. Ed è per questo che ci si interroga su come garantire la continuità terapeutica ai pazienti. «Abbiamo visto come per altre categorie di farmaci (NAO, si veda la nota 97 dell’AIFA) sia stato possibile ottenere che la prescrizione dei farmaci possa avvenire anche da parte del medico di medicina generale, come è giusto che sia – conclude Federanziani -. Non si vede perché la stessa logica non possa essere applicata ad altre categorie di farmaci ben noti come quelli per il diabete e per le malattie respiratorie. Tale misura appare urgente, di fronte all’esistenza di un numero irragionevole di piani terapeutici che generano visite specialistiche finalizzate esclusivamente al rinnovo del piano, con pesanti ricadute sulla vita dei pazienti, in particolar modo degli anziani e dei più fragili».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Mascherine ai medici a prezzo calmierato, c’è l’accordo tra FNOMCeO e Arcuri
Concluso l'accordo quadro che permetterà ai medici di avere le mascherine a un prezzo molto vantaggioso. L'operazione conclusa tra il commissario straordinario per l'emergenza e la Federazione nazionale dei medici
Giornata contro la violenza sugli operatori sanitari. FNOMCeO: «Legge contro aggressioni sia primo passo»
Dal 24 settembre a proteggerli una legge contro le aggressioni. La giornata annuale contro la violenza sugli operatori sanitari continua a sensibilizzare. La Federazione dei medici: «Ora salto culturale che veda la sicurezza, a 360 gradi, come un diritto degli operatori sanitari e medico come alleato»
Fibrosi cistica e Covid-19, l’esperto: «Pochi casi in tutto il mondo, ma non bisogna abbassare la guardia»
La Senatrice Binetti definisce tre strade da seguire per rispondere alle esigenze dei malati, chiarisce le potenzialità del nuovo farmaco e chiede a gran voce l’approvazione della Legge sulle malattie rare e del Piano nazionale
Giornata Fibrosi Cistica, Puppo Fornaro (Lifc): «Presto terapie per tutti. Ancora disparità regionali nell’applicazione della 548/93»
Rischio Covid-19 e prevenzione, novità terapeutiche, nuovi farmaci e vaccini. Questi i temi affrontati nella conferenza stampa organizzata dalla Lega Italiana Fibrosi Cistica in collaborazione con l'Osservatorio Malattie Rare. Presentata Martina, nuovo peluche-mascotte di LIFC realizzato da Trudi
Vaccini antinfluenzali in farmacia. FNOMCeO dice no
La proposta di Federfarma, Fofi e Assofarm non piace alla Federazione degli Ordini dei Medici: « Un’idea che, a legislazione vigente, non può essere messa in pratica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»