Lavoro 25 Agosto 2020 12:35

Tavolo sulla Medicina Generale, le priorità secondo Fnomceo e Fimmg

Riorganizzare il Ssn anche con le disponibilità del Recovery Fund, la formazione dei Mmg e il ruolo della sanità convenzionata tra gli highlights del tavolo sulla medicina generale

Tavolo sulla Medicina Generale, le priorità secondo Fnomceo e Fimmg

“Lungimiranza”. È stata questa la parola d’ordine per il Tavolo ministeriale sulla Medicina Generale, avviato ieri tra ministro della Salute e sindacati. Proposte e vulnus per rinnovare una delle categorie più pesantemente colpite dall’emergenza coronavirus. Roberto Speranza ha affermato di volere ora preparare il terreno per una riforma del Servizio sanitario nazionale, che comprenda sia gli ospedali che il territorio.

FNOMCEO: «GOVERNO VUOLE TRASFORMARE CRISI IN OPPORTUNITÀ»

«Da parte nostra, noi medici non possiamo che rispondere al forte appello lanciato dal Ministro a tutelare la salute pubblica in questo delicato momento, rinnovando la nostra disponibilità, in ottemperanza all’articolo 9 del nostro Codice di Deontologia». Ha commentato così Filippo Anelli, presidente Fnomceo, in occasione della propria partecipazione.

«Il governo sta facendo di tutto per trasformare la crisi in un’opportunità, investendo risorse nel Ssn come mai era accaduto in passato», ha aggiunto. Anelli ha quindi aggiunto che la disponibilità del Recovery Fund segna un punto di svolta. «Assistenza che non può più essere in capo a un singolo medico – l’osservazione – il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di Libera Scelta, ma deve essere erogata da un team multidisciplinare, che metta a disposizione del cittadino, in uno stesso luogo e in modo sinergico, le diverse e peculiari competenze dei professionisti. In altre parole, un sistema che, per rispondere in modo appropriato alle domande di salute dei cittadini, metta, sul territorio, i professionisti al centro, e non più le aziende».

SODDISFAZIONE DI FIMMG

Soddisfazione è arrivata anche da Silvestro Scotti, segretario generale Fimmg, che ha lodato l’iniziativa del ministro. Tra le priorità: «Bisogna definire i protocolli operativi da attuare in eventuali nuove fasi di emergenza e che saranno utili anche in futuro per altre eventuali crisi, incasellando queste procedure in fattispecie previste in maniera chiara e stabile nell’Accordo collettivo nazionale», ha indicato.

Insieme anche la discussione sul ruolo della medicina convenzionata. «Un ruolo centrale – ha sottolineato Scotti – perché la convenzione è uno strumento che se usato bene offre risultati anche migliori di altre forme contrattuali, soprattutto sul territorio che ha bisogno della capacità di iniziativa e dell’adattamento del libero professionista convenzionato ben più delle gerarchie di processi che rispondono ad ordini di servizio».

SCOTTI: «FORMAZIONE MMG HA DIGNITÀ SPECIFICA»

Tra i temi affrontati anche quello della formazione in medicina generale, «troppo spesso gestita attraverso sanatorie o riformulazione di titoli per l’accesso ad un’area che merita invece di essere riconosciuta sia nel percorso pre-laurea che nel post laurea come disciplina a sé stante, con una sua dignità specifica e non surrogabile – si legge in una nota -. Non a caso è stato proprio il ministro Speranza, in occasione dell’apertura del tavolo, a sottolineare l’impegno dei medici di medicina generale anche nella fase più dura del lockdown».

SCOTTI: «NO A POLEMICHE, FIMMG DISPONIBILE PER TEST SU DOCENTI»

Fimmg ha approfittato di questo contesto collaborativo per ribadire la propria disponibilità a mettersi al servizio del Paese per la riapertura delle scuole e i test sierologici sul personale scolastico. «Non ha alcun senso né fondamento scientifico – ha concluso Scotti – affermare che i nostri studi non sono sicuri per questa attività che non richiede alcuna protezione in più di quelle che oggi vanno previste per il semplice accesso di qualunque paziente (Dpi, guanti e camici monouso). Così come incomprensibile appare la polemica sulla validità dei test confondendo uno screening di massa con esami più specificamente diagnostici, che nel progetto saranno comunque previsti per la parte che sarà individuata come positiva. Fimmg c’è e continuerà ad esserci per garantire ai cittadini la migliore assistenza possibile di una medicina generale pubblica nel suo senso di appartenenza al Ssn, ancor più in un momento di grande difficoltà per il Paese».

Articoli correlati
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi