Lavoro 25 Agosto 2020

Tavolo sulla Medicina Generale, le priorità secondo Fnomceo e Fimmg

Riorganizzare il Ssn anche con le disponibilità del Recovery Fund, la formazione dei Mmg e il ruolo della sanità convenzionata tra gli highlights del tavolo sulla medicina generale

Tavolo sulla Medicina Generale, le priorità secondo Fnomceo e Fimmg

“Lungimiranza”. È stata questa la parola d’ordine per il Tavolo ministeriale sulla Medicina Generale, avviato ieri tra ministro della Salute e sindacati. Proposte e vulnus per rinnovare una delle categorie più pesantemente colpite dall’emergenza coronavirus. Roberto Speranza ha affermato di volere ora preparare il terreno per una riforma del Servizio sanitario nazionale, che comprenda sia gli ospedali che il territorio.

FNOMCEO: «GOVERNO VUOLE TRASFORMARE CRISI IN OPPORTUNITÀ»

«Da parte nostra, noi medici non possiamo che rispondere al forte appello lanciato dal Ministro a tutelare la salute pubblica in questo delicato momento, rinnovando la nostra disponibilità, in ottemperanza all’articolo 9 del nostro Codice di Deontologia». Ha commentato così Filippo Anelli, presidente Fnomceo, in occasione della propria partecipazione.

«Il governo sta facendo di tutto per trasformare la crisi in un’opportunità, investendo risorse nel Ssn come mai era accaduto in passato», ha aggiunto. Anelli ha quindi aggiunto che la disponibilità del Recovery Fund segna un punto di svolta. «Assistenza che non può più essere in capo a un singolo medico – l’osservazione – il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di Libera Scelta, ma deve essere erogata da un team multidisciplinare, che metta a disposizione del cittadino, in uno stesso luogo e in modo sinergico, le diverse e peculiari competenze dei professionisti. In altre parole, un sistema che, per rispondere in modo appropriato alle domande di salute dei cittadini, metta, sul territorio, i professionisti al centro, e non più le aziende».

SODDISFAZIONE DI FIMMG

Soddisfazione è arrivata anche da Silvestro Scotti, segretario generale Fimmg, che ha lodato l’iniziativa del ministro. Tra le priorità: «Bisogna definire i protocolli operativi da attuare in eventuali nuove fasi di emergenza e che saranno utili anche in futuro per altre eventuali crisi, incasellando queste procedure in fattispecie previste in maniera chiara e stabile nell’Accordo collettivo nazionale», ha indicato.

Insieme anche la discussione sul ruolo della medicina convenzionata. «Un ruolo centrale – ha sottolineato Scotti – perché la convenzione è uno strumento che se usato bene offre risultati anche migliori di altre forme contrattuali, soprattutto sul territorio che ha bisogno della capacità di iniziativa e dell’adattamento del libero professionista convenzionato ben più delle gerarchie di processi che rispondono ad ordini di servizio».

SCOTTI: «FORMAZIONE MMG HA DIGNITÀ SPECIFICA»

Tra i temi affrontati anche quello della formazione in medicina generale, «troppo spesso gestita attraverso sanatorie o riformulazione di titoli per l’accesso ad un’area che merita invece di essere riconosciuta sia nel percorso pre-laurea che nel post laurea come disciplina a sé stante, con una sua dignità specifica e non surrogabile – si legge in una nota -. Non a caso è stato proprio il ministro Speranza, in occasione dell’apertura del tavolo, a sottolineare l’impegno dei medici di medicina generale anche nella fase più dura del lockdown».

SCOTTI: «NO A POLEMICHE, FIMMG DISPONIBILE PER TEST SU DOCENTI»

Fimmg ha approfittato di questo contesto collaborativo per ribadire la propria disponibilità a mettersi al servizio del Paese per la riapertura delle scuole e i test sierologici sul personale scolastico. «Non ha alcun senso né fondamento scientifico – ha concluso Scotti – affermare che i nostri studi non sono sicuri per questa attività che non richiede alcuna protezione in più di quelle che oggi vanno previste per il semplice accesso di qualunque paziente (Dpi, guanti e camici monouso). Così come incomprensibile appare la polemica sulla validità dei test confondendo uno screening di massa con esami più specificamente diagnostici, che nel progetto saranno comunque previsti per la parte che sarà individuata come positiva. Fimmg c’è e continuerà ad esserci per garantire ai cittadini la migliore assistenza possibile di una medicina generale pubblica nel suo senso di appartenenza al Ssn, ancor più in un momento di grande difficoltà per il Paese».

Articoli correlati
Riforma medicina territoriale, Scotti (Fimmg): «Microteam e contratti legati al raggiungimento di obiettivi»
In Senato le audizioni di SIMG e FIMMG per riscrivere l’assistenza territoriale del futuro
Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»
Quattro regioni restano in zona rossa, due in zona arancione. L'ordinanza di Speranza anticipa i dati di oggi. Sui vaccini si vede la luce in fondo al tunnel
Covid, l’annuncio di Fnomceo: «Medici morti oltre soglia 200»
Si aggiungono due professionisti da Foggia e uno da Isernia. Anelli (Fnomceo): «La sicurezza è un diritto dei lavoratori»
Tar Lazio: «Visite domiciliari a malati Covid compito esclusivo delle Usca». Le reazioni
La sentenza accoglie in parte il ricorso di Smi: le visite domiciliari ai malati Covid non dovrebbero essere compito dei medici di famiglia. Appoggio anche da FNOMCeO, che ricorda i morti per mancanza di protezioni. Contraria l'Unità di Crisi Lazio
Elezioni Ordini delle professioni sanitarie: tra sospensioni e proroghe, regna il caos. Le reazioni delle Federazioni
Ordini di medici, infermieri, ostetriche, veterinari e tecnici sanitari stanno affrontando in modo diverso la raccomandazione arrivata dal Ministero della Salute di sospendere i procedimenti elettorali o di garantirli per via telematica. Ecco cosa sta succedendo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli