Lavoro 4 Febbraio 2022 15:35

MMG, Cricelli (SIMG) su accordo Salute-Regioni: «Qualità professionale al primo posto, poi inquadramento»

Per il presidente SIMG le Regioni si preparano per un’evoluzione della Medicina generale, ma indipendentemente dall’inquadramento giuridico si dovrà agire nel rispetto dei cittadini, dando ai professionisti l’accesso a tutte le risorse

MMG, Cricelli (SIMG) su accordo Salute-Regioni: «Qualità professionale al primo posto, poi inquadramento»

«L’accordo tra le Regioni e il Ministero rappresenta una proposta che parte da concetti generici e pertanto deve essere ancora sviluppata. Indipendentemente dal metodo di pagamento dei medici di famiglia sarà fondamentale assicurare la qualità professionale degli operatori del settore». Questo il pensiero di Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale (Simg), in relazione all’accordo Salute-Regioni, un dibattito in corso che muove da una serie di ripensamenti e innovazioni sul ruolo dei medici di base.

«Le Regioni – aggiunge Cricelli – si stanno preparando per un’evoluzione della medicina generale, che richiede l’introduzione di nuove forme giuridiche. Siamo assolutamente favorevoli a un miglioramento del sistema sanitario, anzi, lo chiediamo da anni. È tuttavia necessario che i vantaggi raggiunti negli ultimi decenni non vadano perduti. In primis, bisogna garantire il rispetto degli interessi dei cittadini, che hanno bisogno di un punto di riferimento a cui rivolgersi, vicino, competente e affidabile. I medici di famiglia devono quindi avere accesso a tutte le risorse e al personale necessari per poter fornire un servizio sul territorio puntuale, attendibile e valido. Credo che qualunque soluzione in grado di rispettare questi punti fondamentali vada presa in considerazione e discussa adeguatamente».

«L’interesse dei cittadini deve costituire la priorità di qualunque sistema – conclude Cricelli – non mi preoccupo di come i medici di base verranno inquadrati giuridicamente, né del diretto responsabile fiscale della categoria, che si assume una notevole responsabilità nel selezionare i medici del territorio. Credo che il perno di un ragionamento del genere non possa prescindere dalla garanzia della qualità professionale degli operatori sanitari. I medici di base rappresentano spesso il primo e il meno compreso punto di riferimento della popolazione e la competenza di questa categoria è imprescindibile per un servizio ottimale. Credo che la proposta attuale possa essere un punto di partenza interessante, ma dobbiamo ancora sviluppare strategie adeguate alle necessità della medicina di base».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medicina territoriale, Cavicchi: «DM71 è una controriforma, non si può spaccare il medico di famiglia a metà»
Il professore di Sociologia delle organizzazioni sanitarie contesta la riforma dell’assistenza sanitaria territoriale in atto e mette in guardia dal rischio privatizzazione: «L’obiettivo è quello di mandare in pensione il medico di medicina generale pubblico e di sostituirlo con delle agenzie private, tremo all’idea»
di Francesco Torre
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
Farmacie: dal 5 luglio attivo il servizio per scegliere medico di famiglia e pediatra di libera scelta
Letizia Moratti (Vicepresidente di Regione Lombardia) «Grazie a questo servizio si potranno abbattere i tempi di attesa». Annarosa Racca (Federfarma Lombardia) «Un servizio che i cittadini ci chiedevano da tempo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...