Lavoro 4 Febbraio 2022 15:35

MMG, Cricelli (SIMG) su accordo Salute-Regioni: «Qualità professionale al primo posto, poi inquadramento»

Per il presidente SIMG le Regioni si preparano per un’evoluzione della Medicina generale, ma indipendentemente dall’inquadramento giuridico si dovrà agire nel rispetto dei cittadini, dando ai professionisti l’accesso a tutte le risorse

MMG, Cricelli (SIMG) su accordo Salute-Regioni: «Qualità professionale al primo posto, poi inquadramento»

«L’accordo tra le Regioni e il Ministero rappresenta una proposta che parte da concetti generici e pertanto deve essere ancora sviluppata. Indipendentemente dal metodo di pagamento dei medici di famiglia sarà fondamentale assicurare la qualità professionale degli operatori del settore». Questo il pensiero di Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale (Simg), in relazione all’accordo Salute-Regioni, un dibattito in corso che muove da una serie di ripensamenti e innovazioni sul ruolo dei medici di base.

«Le Regioni – aggiunge Cricelli – si stanno preparando per un’evoluzione della medicina generale, che richiede l’introduzione di nuove forme giuridiche. Siamo assolutamente favorevoli a un miglioramento del sistema sanitario, anzi, lo chiediamo da anni. È tuttavia necessario che i vantaggi raggiunti negli ultimi decenni non vadano perduti. In primis, bisogna garantire il rispetto degli interessi dei cittadini, che hanno bisogno di un punto di riferimento a cui rivolgersi, vicino, competente e affidabile. I medici di famiglia devono quindi avere accesso a tutte le risorse e al personale necessari per poter fornire un servizio sul territorio puntuale, attendibile e valido. Credo che qualunque soluzione in grado di rispettare questi punti fondamentali vada presa in considerazione e discussa adeguatamente».

«L’interesse dei cittadini deve costituire la priorità di qualunque sistema – conclude Cricelli – non mi preoccupo di come i medici di base verranno inquadrati giuridicamente, né del diretto responsabile fiscale della categoria, che si assume una notevole responsabilità nel selezionare i medici del territorio. Credo che il perno di un ragionamento del genere non possa prescindere dalla garanzia della qualità professionale degli operatori sanitari. I medici di base rappresentano spesso il primo e il meno compreso punto di riferimento della popolazione e la competenza di questa categoria è imprescindibile per un servizio ottimale. Credo che la proposta attuale possa essere un punto di partenza interessante, ma dobbiamo ancora sviluppare strategie adeguate alle necessità della medicina di base».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
Quanto guadagnano i medici di medicina generale?
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
di Francesco Pazienza, segretario generale SMI Puglia
Medicina generale, Bartoletti (FIMMG) ai pazienti: «Nessuno vi liquida, a ognuno il tempo che serve»
Con il vicepresidente FIMMG Bartoletti parliamo della specializzazione in medicina generale e della gestione dei pazienti, cosa rispondere a chi sostiene che il proprio medico non ha tempo?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.