Lavoro 4 Marzo 2019

Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»

Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»

Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»

«Il processo penale di un medico viene celebrato prima di quello di uno spacciatore e dopo quello di uno stupratore. L’onta subita da chi attraversa un contenzioso civile ovviamente è diversa, ma il trauma psicologico è comunque importante, e le conseguenze possono essere anche peggiori del penale». Maurizio Maggiorotti, chirurgo ortopedico e presidente di Amami (Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente), da quasi 20 anni è al fianco dei medici che subiscono cause e contenziosi. Processi che, come ci ha raccontato in una lunga chiacchierata, hanno un impatto importante sulla carriera e la psicologia dei camici bianchi.

«Da uno studio che abbiamo condotto insieme all’università Cattolica di Roma – spiega Maggiorotti -, risulta che solo l’1% dei medici che subiscono un processo penale poi viene condannato. Quindi il rischio di finire in galera è bassissimo, ma ovviamente sotto il profilo psicologico il processo è devastante. Ho conosciuto una collega ginecologa che dopo una denuncia ha smesso di indossare il camice, si è messa a studiare giurisprudenza e ha provato ad entrare in polizia. Un collega di Bologna, dopo che era stato rinviato a giudizio, si è suicidato. È ovvio che finire alla sbarra tra gli omicidi, perché di questo parliamo, è drammatico per un professionista che fa di tutto per salvare una vita».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, BARTOLAZZI (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE INTERVENTO LEGISLATIVO, ALTRIMENTI È FAR WEST»

E poi quelle relative ai presunti casi di malasanità sono notizie che finiscono sempre tra le pagine di cronaca. Nell’era in cui prima di prendere appuntamento con qualsiasi medico si cercano sempre informazioni su Internet, leggere articoli e accuse di danni gravi o omicidio non possono che mettere in allerta il paziente, anche se poi il processo si conclude con un nulla di fatto. «I medici non vogliono raccontare esperienze di questo tipo perché le vivono drammaticamente, ma anche per non allertare i propri pazienti. Per questo viviamo questo squilibrio informativo tutto a favore di chi accusa».

«Il problema – continua – è che solo in Italia, in Messico e in Polonia continua ad esistere la responsabilità penale dei medici, e troppo spesso dopo il decesso dei pazienti vengono portati in tribunale tutti coloro che sono intervenuti. È un risvolto drammatico, perché occupandosi di persone malate purtroppo è possibile che non guariscano. Per questo poi non c’è quasi mai una responsabilità e i medici non vengono quasi mai portati dietro le sbarre».

In ambito civile, invece, l’impatto più importante dei contenziosi ricade sulle assicurazioni: «Un chirurgo ortopedico come me paga ogni anno 12-15mila euro per la polizza assicurativa – spiega Maggiorotti -; ma se negli ultimi 10 anni riceve una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito e dalla fondatezza del caso, quella cifra può anche raddoppiare o, peggio, il medico non riesce più a trovare una copertura assicurativa. Quindi se un professionista riceve due o tre richieste di risarcimento, è possibile che debba smettere di lavorare».

Fatto che si aggiunge alle conseguenze economiche del risarcimento, «che viene quasi sempre riconosciuto perché in dubio pro misero – prosegue Maggiorotti -. Ed è così che è stato scoperchiato il vaso di Pandora dei contenziosi. Sono nati gli studi legali che cercano i clienti e siamo arrivati agli spot che a Natale hanno scatenato tante polemiche. Non dico che in sanità non ci siano errori, per carità, ma su questo tema è stata montata una festa a colori e sono stati dati numeri non veritieri, che confondono cose palesemente diverse come le lamentele dei cittadini e i sinistri. C’è un disegno ben preciso dietro a tutta questa situazione».

Una situazione su cui è intervenuta la Legge Gelli sulla responsabilità professionale, «Legge perfetta e rivoluzionaria, anche solo per il fatto che è destinata ad una categoria di professionisti», a detta di Maurizio Maggiorotti. «Ovviamente i margini di miglioramento ci sono e mancano i decreti attuativi – conclude -. Soprattutto quello sulle assicurazioni. E non penso proprio sia un caso».

LEGGI ANCHE: ARBITRATO DELLA SALUTE, LA TORRE (COLLEGIO CHIRURGHI): «LEGGE GELLI NON STA FUNZIONANDO, POSITIVA IDEA DI UNA CAMERA DI COMPENSAZIONE»

Articoli correlati
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
Covid, Consulcesi & Partners: «Boom di denunce contro i medici, via a task force per difesa categoria»
Secondo il procuratore aggiunto di Roma, sono cresciute le denunce di pazienti e familiari su presunta responsabilità medica per aver contratto il Covid-19. Da Consulcesi & Partners un aiuto per tutelare le ragioni degli operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 dicembre, sono 63.254.854 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.468.322 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre:...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli