Lavoro 4 Marzo 2019

Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»

Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»

Immagine articolo

«Il processo penale di un medico viene celebrato prima di quello di uno spacciatore e dopo quello di uno stupratore. L’onta subita da chi attraversa un contenzioso civile ovviamente è diversa, ma il trauma psicologico è comunque importante, e le conseguenze possono essere anche peggiori del penale». Maurizio Maggiorotti, chirurgo ortopedico e presidente di Amami (Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente), da quasi 20 anni è al fianco dei medici che subiscono cause e contenziosi. Processi che, come ci ha raccontato in una lunga chiacchierata, hanno un impatto importante sulla carriera e la psicologia dei camici bianchi.

«Da uno studio che abbiamo condotto insieme all’università Cattolica di Roma – spiega Maggiorotti -, risulta che solo l’1% dei medici che subiscono un processo penale poi viene condannato. Quindi il rischio di finire in galera è bassissimo, ma ovviamente sotto il profilo psicologico il processo è devastante. Ho conosciuto una collega ginecologa che dopo una denuncia ha smesso di indossare il camice, si è messa a studiare giurisprudenza e ha provato ad entrare in polizia. Un collega di Bologna, dopo che era stato rinviato a giudizio, si è suicidato. È ovvio che finire alla sbarra tra gli omicidi, perché di questo parliamo, è drammatico per un professionista che fa di tutto per salvare una vita».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, BARTOLAZZI (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE INTERVENTO LEGISLATIVO, ALTRIMENTI È FAR WEST»

E poi quelle relative ai presunti casi di malasanità sono notizie che finiscono sempre tra le pagine di cronaca. Nell’era in cui prima di prendere appuntamento con qualsiasi medico si cercano sempre informazioni su Internet, leggere articoli e accuse di danni gravi o omicidio non possono che mettere in allerta il paziente, anche se poi il processo si conclude con un nulla di fatto. «I medici non vogliono raccontare esperienze di questo tipo perché le vivono drammaticamente, ma anche per non allertare i propri pazienti. Per questo viviamo questo squilibrio informativo tutto a favore di chi accusa».

«Il problema – continua – è che solo in Italia, in Messico e in Polonia continua ad esistere la responsabilità penale dei medici, e troppo spesso dopo il decesso dei pazienti vengono portati in tribunale tutti coloro che sono intervenuti. È un risvolto drammatico, perché occupandosi di persone malate purtroppo è possibile che non guariscano. Per questo poi non c’è quasi mai una responsabilità e i medici non vengono quasi mai portati dietro le sbarre».

In ambito civile, invece, l’impatto più importante dei contenziosi ricade sulle assicurazioni: «Un chirurgo ortopedico come me paga ogni anno 12-15mila euro per la polizza assicurativa – spiega Maggiorotti -; ma se negli ultimi 10 anni riceve una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito e dalla fondatezza del caso, quella cifra può anche raddoppiare o, peggio, il medico non riesce più a trovare una copertura assicurativa. Quindi se un professionista riceve due o tre richieste di risarcimento, è possibile che debba smettere di lavorare».

Fatto che si aggiunge alle conseguenze economiche del risarcimento, «che viene quasi sempre riconosciuto perché in dubio pro misero – prosegue Maggiorotti -. Ed è così che è stato scoperchiato il vaso di Pandora dei contenziosi. Sono nati gli studi legali che cercano i clienti e siamo arrivati agli spot che a Natale hanno scatenato tante polemiche. Non dico che in sanità non ci siano errori, per carità, ma su questo tema è stata montata una festa a colori e sono stati dati numeri non veritieri, che confondono cose palesemente diverse come le lamentele dei cittadini e i sinistri. C’è un disegno ben preciso dietro a tutta questa situazione».

Una situazione su cui è intervenuta la Legge Gelli sulla responsabilità professionale, «Legge perfetta e rivoluzionaria, anche solo per il fatto che è destinata ad una categoria di professionisti», a detta di Maurizio Maggiorotti. «Ovviamente i margini di miglioramento ci sono e mancano i decreti attuativi – conclude -. Soprattutto quello sulle assicurazioni. E non penso proprio sia un caso».

LEGGI ANCHE: ARBITRATO DELLA SALUTE, LA TORRE (COLLEGIO CHIRURGHI): «LEGGE GELLI NON STA FUNZIONANDO, POSITIVA IDEA DI UNA CAMERA DI COMPENSAZIONE»

Articoli correlati
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
Premio Sham 2019, 6mila euro per progetti che migliorano la gestione del rischio e aumentano la qualità delle cure
Ci sarà tempo fino a settembre 2019 per partecipare alla 4a edizione del Premio Sham per la prevenzione dei rischi, un’iniziativa unica in Italia che raccoglie, confronta e promuove i progetti di prevenzione messi in atto dalle strutture sanitarie su tutto il territorio nazionale. Una speciale commissione di Risk Manager deciderà i vincitori a novembre […]
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
Responsabilità, Mangiacavalli (FNOPI): «Per infermieri polizza facoltativa per sentirsi tranquilli»
La Presidente della Federazione degli Ordini delle professioni infermieristiche sottolinea il cambiamento “culturale” portato dalla legge 24 del 2017. Poi spiega quanto fatto sul tema: «Abbiamo firmato un protocollo d’intesa con il Csm per l’attività consulenziale e peritale e lavorato con le nostre società scientifiche per entrare nell'elenco del Ministero»
Sanità, novità in arrivo dalla Cassazione. Il magistrato Vincenti: «Presto una serie di udienze tematiche affronteranno i temi della responsabilità medica»
L’intervento della Suprema Corte si chiama “Progetto Sanità” e punta a garantire un’interpretazione quanto più uniforme e condivisa di alcune questioni di fondamentale importanza. «La Cassazione ha preso atto della giurisprudenza di merito che si sta formando in tema di responsabilità medica e intende arrivare in tempi stretti a costruire il diritto vivente», ha sottolineato Vincenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...