Lavoro 4 Marzo 2019

Medici sotto processo, Maggiorotti (Amami): «Impatto psicologico devastante. Ma forse il civile è anche peggio…»

Il presidente dell’Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente: «La polizza assicurativa di un chirurgo costa circa 12-15mila euro l’anno, ma se negli ultimi 10 anni ha ricevuto una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito, la cifra può raddoppiare o, peggio, il medico può avere difficoltà a trovare una copertura assicurativa, e deve quindi smettere di lavorare»

Immagine articolo

«Il processo penale di un medico viene celebrato prima di quello di uno spacciatore e dopo quello di uno stupratore. L’onta subita da chi attraversa un contenzioso civile ovviamente è diversa, ma il trauma psicologico è comunque importante, e le conseguenze possono essere anche peggiori del penale». Maurizio Maggiorotti, chirurgo ortopedico e presidente di Amami (Associazione per i medici accusati di malpractice ingiustamente), da quasi 20 anni è al fianco dei medici che subiscono cause e contenziosi. Processi che, come ci ha raccontato in una lunga chiacchierata, hanno un impatto importante sulla carriera e la psicologia dei camici bianchi.

«Da uno studio che abbiamo condotto insieme all’università Cattolica di Roma – spiega Maggiorotti -, risulta che solo l’1% dei medici che subiscono un processo penale poi viene condannato. Quindi il rischio di finire in galera è bassissimo, ma ovviamente sotto il profilo psicologico il processo è devastante. Ho conosciuto una collega ginecologa che dopo una denuncia ha smesso di indossare il camice, si è messa a studiare giurisprudenza e ha provato ad entrare in polizia. Un collega di Bologna, dopo che era stato rinviato a giudizio, si è suicidato. È ovvio che finire alla sbarra tra gli omicidi, perché di questo parliamo, è drammatico per un professionista che fa di tutto per salvare una vita».

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSI SANITARI, BARTOLAZZI (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE INTERVENTO LEGISLATIVO, ALTRIMENTI È FAR WEST»

E poi quelle relative ai presunti casi di malasanità sono notizie che finiscono sempre tra le pagine di cronaca. Nell’era in cui prima di prendere appuntamento con qualsiasi medico si cercano sempre informazioni su Internet, leggere articoli e accuse di danni gravi o omicidio non possono che mettere in allerta il paziente, anche se poi il processo si conclude con un nulla di fatto. «I medici non vogliono raccontare esperienze di questo tipo perché le vivono drammaticamente, ma anche per non allertare i propri pazienti. Per questo viviamo questo squilibrio informativo tutto a favore di chi accusa».

«Il problema – continua – è che solo in Italia, in Messico e in Polonia continua ad esistere la responsabilità penale dei medici, e troppo spesso dopo il decesso dei pazienti vengono portati in tribunale tutti coloro che sono intervenuti. È un risvolto drammatico, perché occupandosi di persone malate purtroppo è possibile che non guariscano. Per questo poi non c’è quasi mai una responsabilità e i medici non vengono quasi mai portati dietro le sbarre».

In ambito civile, invece, l’impatto più importante dei contenziosi ricade sulle assicurazioni: «Un chirurgo ortopedico come me paga ogni anno 12-15mila euro per la polizza assicurativa – spiega Maggiorotti -; ma se negli ultimi 10 anni riceve una richiesta di risarcimento, a prescindere dall’esito e dalla fondatezza del caso, quella cifra può anche raddoppiare o, peggio, il medico non riesce più a trovare una copertura assicurativa. Quindi se un professionista riceve due o tre richieste di risarcimento, è possibile che debba smettere di lavorare».

Fatto che si aggiunge alle conseguenze economiche del risarcimento, «che viene quasi sempre riconosciuto perché in dubio pro misero – prosegue Maggiorotti -. Ed è così che è stato scoperchiato il vaso di Pandora dei contenziosi. Sono nati gli studi legali che cercano i clienti e siamo arrivati agli spot che a Natale hanno scatenato tante polemiche. Non dico che in sanità non ci siano errori, per carità, ma su questo tema è stata montata una festa a colori e sono stati dati numeri non veritieri, che confondono cose palesemente diverse come le lamentele dei cittadini e i sinistri. C’è un disegno ben preciso dietro a tutta questa situazione».

Una situazione su cui è intervenuta la Legge Gelli sulla responsabilità professionale, «Legge perfetta e rivoluzionaria, anche solo per il fatto che è destinata ad una categoria di professionisti», a detta di Maurizio Maggiorotti. «Ovviamente i margini di miglioramento ci sono e mancano i decreti attuativi – conclude -. Soprattutto quello sulle assicurazioni. E non penso proprio sia un caso».

LEGGI ANCHE: ARBITRATO DELLA SALUTE, LA TORRE (COLLEGIO CHIRURGHI): «LEGGE GELLI NON STA FUNZIONANDO, POSITIVA IDEA DI UNA CAMERA DI COMPENSAZIONE»

Articoli correlati
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Medici e Avvocati di Roma insieme contro i contenziosi temerari per “malasanità”
È la prima volta che i Consigli di due Ordini professionali si riuniscono per affrontare sinergicamente problematiche comuni
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente
Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell'unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...