Lavoro 22 gennaio 2018

Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»

«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa

Immagine articolo

Prevenire e gestire il rischio clinico-sanitario, garantire qualità e sicurezza delle cure ai cittadini e ricostruire la relazione con le compagnie assicurative, fuggite dal mercato italiano per l’aumento esponenziale dei costi dei risarcimenti. Questi gli obiettivi della Legge Gelli 24/2017 che «ha disciplinato il contesto della responsabilità delle strutture e degli esercenti la professione sanitaria introducendo un sistema di copertura assicurativa obbligatoria a carico delle strutture e degli esercenti le professioni sanitarie per contrastare gli effetti della medicina difensiva». Con queste parole Giorgio Moroni, Responsabile della Specialty Professional Services di Aon, ne definisce prerogative e criticità alla luce dei nuovi obblighi assicurativi.

La legge Gelli ha ridisegnato la responsabilità sanitaria per tutelare professionisti e pazienti, introducendo importanti novità nel settore sanitario. Come le valutate?

«La legge ha disciplinato il perimetro della responsabilità sanitaria e i decreti attuativi ne definiranno la completa applicazione. Occorre distinguere, infatti, tra  “strutture” – pubbliche o private – ed  “esercenti” la professione sanitaria: mentre per le prime i decreti sono una condizione imprescindibile perché si possano configurare i termini dell’obbligo assicurativo – ad esempio: tra le strutture chi si assicura è tuttora svantaggiato, dovendo pagare il 22,25% di tasse e non essendo assoggettato ai vincoli IVASS nell’appostazione delle riserve, rispetto a chi invece sceglie di  autogestire il rischio – per i professionisti si possono già definire le condizioni dell’obbligo».

La Legge introduce l’obbligo della copertura assicurativa della responsabilità professionale per colpa grave a tutti i medici dipendenti pubblici e libero professionisti. E il mercato assicurativo ha cominciato ad attrezzarsi

«Sì, per questo Aon ha elaborato per i professionisti sanitari dipendenti di Enti Pubblici e Privati una soluzione all inclusive avvalendosi dei Lloyd’s, che prevede l’ultrattività e la retroattività decennale già automaticamente incluse senza costo aggiuntivo e una clausola di garanzia, la deeming clause, per garantire la continuità della copertura nel tempo anche se ci sono dei cambi di polizza».

LEGGI ANCHE: IL 50% DEI MAGISTRATI ANCORA NON APPLICA LEGGE GELLI SU NOMINA CONSULENTI

Uno dei problemi per molti specialisti è il costo alto dei premi. Con la nuova Legge si potrebbe prevedere un abbassamento delle tariffe?

«Per i dipendenti e per coloro che svolgono l’attività in strutture ospedaliere già c’è e continuerà ad esserci una diminuzione dei premi: la platea dei nuovi assicurati si allarga e i premi diminuiscono. Per i liberi professionisti non cambierà molto; sottolineo l’esistenza di una zona grigia per i dipendenti e per chi lavora in intramoenia ma svolge anche attività in uno studio privato. Se costoro suggeriscono ai pazienti di rivolgersi alla struttura in cui operano, qualche giudice potrebbe ritenere che il rapporto contrattuale non nasca nella struttura ospedaliera o nella clinica, ma già nello studio. A quel punto non sarebbe più sufficiente per il professionista la polizza per colpa grave in quanto ci si troverebbe in una situazione di piena responsabilità contrattuale coperta solo dalla polizza di RC professionale».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI, PARLA IL CHIRURGO: «VALUTARE CASO PER CASO, A VOLTE IL RISCHIO È NECESSARIO»

Le assicurazioni vogliono capire anche come è organizzata un’azienda dal punto di vista della gestione del rischio clinico e prevenzione degli errori; la quantificazione del premio è subordinata anche a questa valutazione preliminare?

«Questo è l’auspicio del legislatore e anche degli assicuratori: in Italia il mercato assicurativo delle strutture è fuggito per motivi tecnici legati alla calcolabilità del rischio. È necessario introdurre una cultura che abbia alla base un’apposizione corretta delle riserve, senza le quali nessun assicuratore è in grado di prevedere il rischio. La legge introduce tematiche di gestione del rischio clinico che agevoleranno il ritorno degli assicuratori in Italia, ma questo è fortemente legato all’approvazione di decreti attuativi che siano efficaci e soprattutto appropriati a quel contesto costituito dall’interesse del cittadino-paziente e dalla sua compatibilità con l’offerta internazionale del mercato assicurativo».

Articoli correlati
Massofisioterapisti, professione legittimata da Legge dello Stato. Luca De Martino (Simmas): «Provvedimento del Governo passo avanti importante, ma non basta»
L’intervista esclusiva al Presidente Simmas: «L’emendamento inserito in Manovra di Bilancio permetterà a 20.000 massofisioterapisti di continuare a lavorare. Chiediamo la possibilità di iscrizione agli elenchi speciali anche per gli attuali studenti e i diplomati che non hanno maturato 36 mesi di lavoro»
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Mense scolastiche, i Nas chiudono sette strutture. Grillo: «Non sono tollerati furbi e ‘cucine da incubo’»
«Cibi scaduti, gravi carenze igieniche, perfino topi e parassiti vari: un film dell’orrore - ha dichiarato il ministro della Salute, Giulia Grillo - . Come madre e come ministro mi indigna pensare che sulle tavole dei nostri figli, a scuola, possano finire escrementi, muffe o alimenti di dubbia origine. No ai furbi quando c'è in gioco la salute dei più piccoli»
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...