Lavoro 22 Gennaio 2018

Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»

«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa

Immagine articolo

Prevenire e gestire il rischio clinico-sanitario, garantire qualità e sicurezza delle cure ai cittadini e ricostruire la relazione con le compagnie assicurative, fuggite dal mercato italiano per l’aumento esponenziale dei costi dei risarcimenti. Questi gli obiettivi della Legge Gelli 24/2017 che «ha disciplinato il contesto della responsabilità delle strutture e degli esercenti la professione sanitaria introducendo un sistema di copertura assicurativa obbligatoria a carico delle strutture e degli esercenti le professioni sanitarie per contrastare gli effetti della medicina difensiva». Con queste parole Giorgio Moroni, Responsabile della Specialty Professional Services di Aon, ne definisce prerogative e criticità alla luce dei nuovi obblighi assicurativi.

La legge Gelli ha ridisegnato la responsabilità sanitaria per tutelare professionisti e pazienti, introducendo importanti novità nel settore sanitario. Come le valutate?

«La legge ha disciplinato il perimetro della responsabilità sanitaria e i decreti attuativi ne definiranno la completa applicazione. Occorre distinguere, infatti, tra  “strutture” – pubbliche o private – ed  “esercenti” la professione sanitaria: mentre per le prime i decreti sono una condizione imprescindibile perché si possano configurare i termini dell’obbligo assicurativo – ad esempio: tra le strutture chi si assicura è tuttora svantaggiato, dovendo pagare il 22,25% di tasse e non essendo assoggettato ai vincoli IVASS nell’appostazione delle riserve, rispetto a chi invece sceglie di  autogestire il rischio – per i professionisti si possono già definire le condizioni dell’obbligo».

La Legge introduce l’obbligo della copertura assicurativa della responsabilità professionale per colpa grave a tutti i medici dipendenti pubblici e libero professionisti. E il mercato assicurativo ha cominciato ad attrezzarsi

«Sì, per questo Aon ha elaborato per i professionisti sanitari dipendenti di Enti Pubblici e Privati una soluzione all inclusive avvalendosi dei Lloyd’s, che prevede l’ultrattività e la retroattività decennale già automaticamente incluse senza costo aggiuntivo e una clausola di garanzia, la deeming clause, per garantire la continuità della copertura nel tempo anche se ci sono dei cambi di polizza».

LEGGI ANCHE: IL 50% DEI MAGISTRATI ANCORA NON APPLICA LEGGE GELLI SU NOMINA CONSULENTI

Uno dei problemi per molti specialisti è il costo alto dei premi. Con la nuova Legge si potrebbe prevedere un abbassamento delle tariffe?

«Per i dipendenti e per coloro che svolgono l’attività in strutture ospedaliere già c’è e continuerà ad esserci una diminuzione dei premi: la platea dei nuovi assicurati si allarga e i premi diminuiscono. Per i liberi professionisti non cambierà molto; sottolineo l’esistenza di una zona grigia per i dipendenti e per chi lavora in intramoenia ma svolge anche attività in uno studio privato. Se costoro suggeriscono ai pazienti di rivolgersi alla struttura in cui operano, qualche giudice potrebbe ritenere che il rapporto contrattuale non nasca nella struttura ospedaliera o nella clinica, ma già nello studio. A quel punto non sarebbe più sufficiente per il professionista la polizza per colpa grave in quanto ci si troverebbe in una situazione di piena responsabilità contrattuale coperta solo dalla polizza di RC professionale».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI, PARLA IL CHIRURGO: «VALUTARE CASO PER CASO, A VOLTE IL RISCHIO È NECESSARIO»

Le assicurazioni vogliono capire anche come è organizzata un’azienda dal punto di vista della gestione del rischio clinico e prevenzione degli errori; la quantificazione del premio è subordinata anche a questa valutazione preliminare?

«Questo è l’auspicio del legislatore e anche degli assicuratori: in Italia il mercato assicurativo delle strutture è fuggito per motivi tecnici legati alla calcolabilità del rischio. È necessario introdurre una cultura che abbia alla base un’apposizione corretta delle riserve, senza le quali nessun assicuratore è in grado di prevedere il rischio. La legge introduce tematiche di gestione del rischio clinico che agevoleranno il ritorno degli assicuratori in Italia, ma questo è fortemente legato all’approvazione di decreti attuativi che siano efficaci e soprattutto appropriati a quel contesto costituito dall’interesse del cittadino-paziente e dalla sua compatibilità con l’offerta internazionale del mercato assicurativo».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
Carenza medici, per Codici l’allarme è solo un bluff: «Piuttosto verificare aggiornamento professionale»
Altro tema caldo di questi giorni, il presunto attacco subito dai medici sul piano legale. «Si parla di eccessivo clamore dato ai casi di malasanità – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – Peccato, però, che ci si dimentichi di spiegare il perché si arriva a questi numeri»
Responsabilità medica, Macrì (Medicina Legale) «Importante sia tutelare i pazienti che garantire maggiore tranquillità ai professionisti»
«Dobbiamo pensare che la buona sanità è un interesse collettivo generale». E sui contenziosi medico-legali: «Si stanno imponendo meccanismi conciliativi e di mediazione, anche se avvocati e giudici sono ancora restii a soluzioni alternative»
ECM, l’annuncio del ministro Grillo: «Nuovo sistema di incentivi e premialità per la formazione dei professionisti sanitari»
Si è insediata al ministero la nuova Commissione nazionale per la formazione presieduta dal ministro della Salute, che ha commentato: «Da oggi cambio di rotta per il bene del nostro SSN: superare l’attuale sistema sanzionatorio e punitivo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...