Salute 16 Gennaio 2018

Legge Gelli, parla il chirurgo: «Valutare caso per caso, a volte il rischio è necessario»

In attesa dei decreti attuativi, il punto di vista del professor Valentino Valentini, chirurgo Maxillo-Facciale: «Quello che viene definito ‘errore’, spesso è un tentativo di salvare la vita del paziente»

Ricercare la qualità e la sicurezza delle cure è un diritto dei cittadini e un dovere dei professionisti sanitari. Il rispetto delle linee guida, la prevenzione degli errori ed il contenimento dei loro possibili effetti, costituiscono il sistema di gestione del rischio clinico per garantire la qualità delle prestazioni. Il sistema sanitario, tuttavia, è un sistema complesso  in cui il “l’errore umano” è possibile. Infatti, nonostante siano state individuate specifiche modalità di controllo del rischio clinico, i risultati non sempre sono ottimali né prevedibili. Dunque è fondamentale che il medico metta in pratica tutto ciò che è in suo possesso per evitare errori ma deve anche essere messo in condizione di poter lavorare sereno con un unico obiettivo: fare il meglio per tutelare il paziente. Ne abbiamo parlato con il professor Valentino Valentini, esperto in Chirurgia Maxillo-Facciale e Odontostomatologia alla Sapienza di Roma.

Professore, la legge Gelli ha introdotto importanti novità in ambito sanitario: cosa cambia per il chirurgo maxillo-facciale?

«La legge è apprezzabile perché rappresenta un segnale di cambiamento o almeno un tentativo. Stabilire cosa cambierà realmente per le singole specialità non è semplicissimo; l’importante è individuare bene le società scientifiche che avranno il compito di elaborare le linee guida cui gli esercenti le professioni sanitarie si devono attenere nell’esecuzione delle prestazioni sanitarie. Sarà importante anche scegliere periti “competenti”: giudicare medici e chirurghi che stanno sul campo dalla mattina alla sera non è semplice ed è giusto valutare attentamente. La legge Gelli è una legge migliorativa, che speriamo venga confermata e rafforzata dai decreti attuativi; è una legge che, a mio modo di vedere, è nell’interesse di tutti: infatti il medico potrà lavorare in maniera più serena e obiettiva senza pensare che il paziente può trasformarsi in un potenziale nemico».

I decreti attuativi definiranno la legge anche dal punto di vista delle assicurazioni. Si può pensare ed è auspicabile un abbassamento delle tariffe per alcuni specialisti?

«È assolutamente auspicabile e credo che, a questo punto, sia quasi obbligatorio perché si restringe il campo della punibilità: il medico è una persona che vuole aiutare il prossimo. Non si può assimilare un’attività chirurgica a una persona che passa con il rosso o che guida in stato di ebbrezza, sono due cose completamente differenti. Non parlo solo del chirurgo maxillo-facciale, ma di tutti gli esercenti la professione sanitaria. Talvolta si sente dire da qualche pubblico ministero: “Se una persona recide un’arteria durante un intervento addominale o sul collo sicuramente è colpevole perché è un errore macroscopico”. Attenzione a fare queste equazioni così freddamente astratte. A volte ci si può trovare di fronte a delle masse neoplastiche che vanno ad infiltrare ed interessare dei vasi importanti per cui il chirurgo si può trovare costretto ad intervenire per cercare di salvare la vita del paziente, ma non sempre ci riesce. È necessario valutare la specificità del caso: è fondamentale seguire le linee guida ma ancora di più analizzare il singolo caso e valutare se il chirurgo si è trovato costretto a rischiare per risolvere la malattia. Non si può “influenzare” la scelta del medico che deve essere libero di poter intervenire: ad esempio, se un chirurgo maxillo-facciale deve fare i conti con una neoplasia che è strettamente vincolata alla carotide interna – un vaso fondamentale per la vascolarizzazione cerebrale – non deve pensare: “Non ci provo neanche a toglierla perché c’è il rischio che il paziente muoia”. È vero c’è il rischio, ma magari togliendola c’è possibilità di salvare una vita. Il chirurgo, in questo senso, non è punibile, perché agisce a fin di bene. Questo è il messaggio che deve passare».

LEGGI ANCHE: CON RISK MANAGEMENT CONTENZIOSI IN DIMINUZIONE E 3 CAUSE SU 4 DANNO RAGIONE AL MEDICO

 La professione medica comporta sicuramente dei rischi, ma il medico deve lavorare sereno. Come riuscirci?

«Noi medici lavoriamo sereni se il paziente è soddisfatto. Chi studia medicina, nella stragrande maggioranza dei casi, lo fa per questo. È la nostra mission, per cui è necessario lavorare sereni. Così come è giusto che lavori sereno un giudice o un magistrato al momento di emettere una sentenza importante, è giusto che lo sia anche chi deve decidere cosa è meglio fare nell’arco di pochi minuti. Il paziente deve essere un nostro amico e si deve poter fidare per riuscire a collaborare nell’interesse di tutti».

Articoli correlati
Covid e operatori sanitari denunciati, Gelli: «Parlamento consideri nostro emendamento per maggiori tutele»
Il relatore della Legge 24/2017 sulla responsabilità professionale: «Decreti attuativi nella fase finale di approvazione»
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
Distrofia muscolare di Duchenne: una nuova possibile terapia
Dallo studio della lunga storia clinica di un paziente asintomatico arriva la scoperta di un meccanismo genetico ereditato dalla madre in grado di migliorare le condizioni dei pazienti. Il lavoro, coordinato dalla Sapienza, è stato pubblicato sulla rivista EMBO Molecular Medicine
Responsabilità professionale e Covid-19, come proteggere medici e operatori? Reazioni e proposte dal mondo della sanità
Tutti d’accordo sull'attenuazione della responsabilità per i professionisti, ma divide l’estensione del provvedimento ai vertici amministrativi. Magi (OMCeO Roma): «No a colpi di spugna». Quici (CIMO-FESMED): «Ecco perché sarebbe incostituzionale». Vergallo (AAROI-EMAC): «Non possiamo pagare per responsabilità altrui»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 settembre, sono 33.081.725 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 997.777 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...