Con risk management contenziosi in diminuzione e 3 cause su 4 danno ragione al medico

Ai nostri microfoni, il Professor Achille Lucio Gaspari, Direttore della Cattedra di Chirurgia Generale all’Università di Roma Tor Vergata, interviene su Legge Gelli-Bianco e rischio clinico: «Aspettiamo i decreti attuativi per chiarire alcuni punti complessi, come quello sulle linee guida»

Il 70-80 % di quelli che vengono definiti “episodi di malpractice” sono falsi. O meglio, il contenzioso tra medici e pazienti che si consuma nei tribunali, per la stragrande maggioranza (per l’appunto, circa 3 casi su 4) finisce con l’assoluzione del medico, e dunque da «il medico ha causato dei danni ad un paziente» si passa a «il paziente riteneva di aver subito un danno, ma il medico non ha commesso errori».

Il dato lo fornisce ai nostri microfoni il Professor Achille Lucio Gaspari, Direttore della Cattedra di Chirurgia Generale all’Università di Roma Tor Vergata, intervenendo su Legge Gelli-Bianco e rischio clinico.

Professore, proviamo a parlare di dati a pochi mesi di distanza dall’approvazione della Legge sulla responsabilità professionale. In particolare, parliamo dei risultati di un’ottimale gestione del rischio clinico. Può farci qualche esempio?

«La Legge Gelli è della primavera 2017, ma al momento sono stati comunicati e sono disponibili i dati di due regioni, che sono Lombardia e Toscana, per quanto riguarda i contenziosi del 2015 e 2016. Questi contenziosi sono in diminuzione dal 2015 e hanno continuato a decrescere anche nel 2016, e quindi prima dell’approvazione della “Legge Gelli”. Si tratta di due regioni dove l’attenzione al rischio clinico nelle aziende ospedaliere è molto elevata, e quindi si ritiene che questa specificità potrebbe essere una delle cause della diminuzione del numero di contenziosi».

Possiamo dunque dire che una maggiore attenzione alla formazione in tema di Risk Management è effettivamente utile e dirimente per un calo dei casi di malpractice?

«Dunque, il contenzioso a cui mi riferivo non riguarda la malpractice, ma come il paziente ritiene di essere stato trattato: oltre il 70-80% delle cause tra medico e paziente si concludono con l’accertamento che la malpractice non c’è stata. Per questo, uno dei punti fondamentali da perseguire è quello di migliorare il dialogo tra istituzioni, strutture sanitarie, medici, i pazienti e i loro familiari, oltre che naturalmente ridurre il rischio».

Secondo lei esistono ancora degli aspetti da chiarire con i futuri decreti attuativi?

«Sicuramente. Ce ne sono alcuni, come quello sulle linee guida, che sono complessi. Quindi molto dell’attuazione della legge dipenderà proprio dalla qualità di questi decreti attuativi».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...