Lavoro 1 Marzo 2022 12:23

Ferie non godute dal medico, l’azienda non le assicura? Allora paga

L’azienda sanitaria è tenuta ad assicurarsi attivamente che i medici godano delle ferie maturate. In caso contrario l’operatorie sanitario ha diritto a un indennizzo

Ferie non godute dal medico, l’azienda non le assicura? Allora paga

L’azienda è tenuta ad assicurarsi, in piena trasparenza, che l’operatore sanitario fruisca effettivamente delle ferie, ponendolo in condizioni di farlo ed informandolo chiaramente dell’eventuale rischio di perdere il diritto in caso di mancata fruizione alla cessazione del rapporto. In caso di contenzioso l’operatore sanitario non è tenuto a dimostrare di aver fatto richiesta di ferie e che queste gli sono state negate. L’onere della prova è infatti in capo all’azienda. La giurisprudenza riguardo al problema del pagamento delle ferie non godute da parte dei medici è piuttosto chiara. Vengono infatti ribaditi i principi comunitari per cui l’operatore sanitario ha diritto alle ferie e, qualora non venisse messo in condizioni di goderne, hanno diritto a un risarcimento.

Una recente sentenza ha riconosciuto un’indennità per le ferie non godute a un medico in pensione

Di recente il Tribunale Ordinario di Modena si è espresso a favore di un medico in pensione che, in tanti anni di lavoro, ha accumulato un numero straordinario di ferie maturate e non godute: oltre 200 giorni che gli sono stati risarciti con un’indennità, grazie al supporto del network legale Consulcesi & Partners, che ogni giorno raccoglie lo sfogo di migliaia di medici che, per carenze di organico e problemi organizzativi aziendali, si vedono annullati i loro piani ferie e sono costretti a rinunciare ai giorni di riposo.

Il diritto alle ferie e all’indennità in assenza di fruizione è un principio sancito dalla Corte di Giustizia dell’Ue

In pratica, il dirigente sanitario pubblico ha comunque diritto a ricevere l’indennità delle ferie non godute sulla scorta dei principi comunitari affermati dalle recenti sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione Europea. Stando proprio alla normativa comunitaria (art. 7, par. 2 direttiva n. 2003/88), questa indennità pecuniaria è condizionata esclusivamente al verificarsi della cessazione del rapporto di lavoro ed al mancato godimento di giorni di ferie, senza alcun altro vincolo che, qualora imposto dalla normativa nazionale o dalla contrattualistica di settore, sarebbe ritenuto in contrasto con la disciplina dell’Unione Europea.

Anche il medito dirigente può richiedere l’indennità per le ferie non godute

Secondo la giurisprudenza in materia, neanche l’eventuale ruolo apicale dell’operatore sanitario, ad esempio un direttore di UOC, può incidere sul riconoscimento dell’indennità poiché, nel decidere di prendere le ferie, il dirigente deve comunque tener conto dell’organizzazione aziendale, peraltro mettendola al corrente in anticipo dell’intenzione di assentarsi. La linea scelta dai giudici sulla questione delle ferie non godute è talmente netta che, stando a quanto riferisce Consulcesi & Partners, le aziende sanitarie oggi sembrano preferire la strada della transazione anziché finire in tribunale. In sostanza agli operatori sanitari ricorrenti viene sempre più spesso riconosciuto un consistente importo economico, con conseguenti riflessi favorevoli anche sui futuri compensi previdenziali.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Mamme e future mamme in corsia, con l’indennità e i sussidi la gravidanza è più serena
Aiuti e agevolazioni previsti anche per le studentesse. E per le libere professioniste l’importo raddoppia
Ferie non godute, sentenze fino a 50mila euro. Avv. Croce (C&P): «Possibile chiedere monetizzazione degli ultimi 10 anni»
Cosa deve fare un medico o un professionista sanitario per ricevere l’indennità sostitutiva delle ferie? Intervista all’avvocato Marco Croce, che cura le cause per conto di Consulcesi & Partners
Tamponi nelle parafarmacie, indennità, consenso informato. Così i partiti vogliono cambiare il decreto sull’obbligo vaccinale
Centinaia gli emendamenti presentati al DL 1 del 2022 che introduce l’obbligo vaccinale per gli over 50. Coraggio Italia chiede di estendere l’obbligo agli over 18. Mentre il M5S chiede tamponi calmierati in base al reddito. Richiesta bipartisan per consentire anche a chi ha il Green pass base di fruire dei trasporti marittimi
di Francesco Torre
Tar Lazio boccia la “vigile attesa” del Ministero. L’esperto: «Riaffermata dignità del medico». Cosa cambia
L’Avvocato Marco Croce, della rete di Consulcesi & Partners, commenta una sentenza che ha impatto diretto sul lavoro (e sulla responsabilità professionale) dei camici bianchi
Infermieri senza bonus da un anno, Bottega (NurSind): «Sanare ingiustizia, tra i lavoratori c’è sconforto»
Dove sono finiti i 335 milioni stanziati in Legge di Bilancio per l'indennità di specificità riservata agli infermieri? Mentre i medici hanno ricevuto la loro con lo stipendio di gennaio 2021, i colleghi aspettano da quasi un anno. NurSind dice basta e minaccia ritorsioni se non ci sarà un emendamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali