Lavoro 22 Marzo 2018

Judo, polizia e psicologia: ecco alcuni consigli pratici per difendersi dalle aggressioni

Arriva il corso di autodifesa con lo Snami di Pavia. Il Segretario Salvatore Santacroce: «I medici che vengono aggrediti devono sapere individuare le zone vitali da colpire per poi scappare»

Se un medico viene aggredito, deve sapere come difendersi e come riuscire a scappare. A fronte di un aumento delle violenze subite dagli operatori sanitari, lo SNAMI di Pavia si è mobilitato organizzando un corso di autodifesa. Sono quattro pomeriggi di lezioni pratiche e teoriche tenute da un istruttore di judo jujitsu, una psicologa ed un ispettore di polizia.

«L’obiettivo del corso – spiega Salvatore Santacroce, Segretario provinciale dello Snami (Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) di Pavia – è fornire ai medici di continuità assistenziale, ed in particolare alle dottoresse che sono maggiormente esposte al rischio di subire molestie sessuali, uno strumento utile a divincolarsi da situazioni pericolose». Ovviamente non si pretende che il medico sia in condizione di «mettere al tappeto energumeni che possano attaccarli», specifica Santacroce, ma che sappia «individuare le zone vitali da colpire per poi scappare». È questo ciò che l’istruttore di judo insegna ai numerosi medici, soprattutto donne, che hanno partecipato al corso: «La cosa fondamentale è trovare il modo di riuscire a scappare e di sottrarsi all’insulto».

LEGGI ANCHE: «ENTRÒ IN OSPEDALE CON DEI SASSI E CI COLPÌ…». LA TESTIMONIANZA DEL DIRETTORE DEL PS DI SANTA MARIA NUOVA A FIRENZE

«La psicologa – prosegue il segretario – fa vedere come utilizzare la paura, un sentimento positivo che allerta l’organismo e lo mette in condizione di prendere decisioni rapidamente, ed evitare l’ansia, che al contrario paralizza ed impedisce di restare lucidi. L’ispettore di polizia, invece, illustra come individuare situazioni potenzialmente pericolose e come cercare di sfuggirvi. Inoltre spiega anche quali sono le armi che si possono lecitamente portare, come ad esempio uno spray al peperoncino, un portachiavi o un coltellino da utilizzare per difendersi da un’eventuale aggressione».

La necessità di un corso di autodifesa nasce dalla «recrudescenza degli episodi di aggressione, diventati ormai una cosa all’ordine del giorno, o quantomeno se ne ha più notizia». Saper difendersi è però necessario ma non sufficiente: «Non è possibile far fare ai colleghi una guardia di notte in condizioni tale da non essere sicuri di tornare a casa sani e salvi – denuncia Santacroce -. Noi stiamo combattendo con i nostri mezzi contro questa situazione, ma poi veniamo a sapere che c’è l’intenzione, in Lombardia, di ridurre le postazioni di assistenza territoriale e di spostare quelle che rimarrebbero da luoghi presidiati a luoghi non presidiati e isolati. Esattamente il contrario di quello che prevede la normativa».

Intanto anche molti Ordini dei medici e provider di corsi di formazione si stanno mobilitando offrendo validi strumenti per individuare le situazioni di rischio, prevenire le aggressioni e affrontare la violenza. Tra questi, figura il corso FAD “Rischio aggressioni nei luoghi di lavoro”, tenuto dall’ingegner Gian Piero Trasolini e offerto dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione in collaborazione con Consulcesi Club.

ANCHE LA FIMMG PROPONE UN CORSO DI AUTODIFESA. GUARDA L’INTERVISTA A TOMMASA MAIO, SEGRETARIO CONTINUITA’ ASSISTENZIALE FIMMG:

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ddl aggressioni, Mautone (M5S): «Aumentano dove SSN funziona peggio. Asl e Ospedali siano al fianco dei medici nei contenziosi»
Il medico e senatore Cinque Stelle sottolinea: «Fondamentale migliorare l’assistenza e ridurre le liste d’attesa negli ospedali, che sono i primi fattori di contrasto tra pazienti e operatori sanitari». Il termine per presentare gli emendamenti al disegno di legge scade lunedì 29 aprile alle 12
Formazione MMG, Autunnali (SNAMI): «Discriminazione economica rispetto a specializzandi pesa tantissimo»
Il Vicesegretario del Sindacato autonomo dei medici italiani spiega ai nostri microfoni quali sono le priorità su cui lavorare per diminuire le incertezze dei giovani medici, a partire dalla necessità di aumentare le borse di studio
Carenza Medici di famiglia, Angelo Testa: «Lavoriamo affinché ‘camici grigi’ possano completare formazione»
Il Sindacato Autonomo interviene sul tema sempre più attuale della carenza di Medici di Medicina Generale. «Da anni puntualmente denunciamo inascoltati – dice Angelo Testa, presidente nazionale dello Snami – la politica scellerata dei governi che nel tempo hanno sempre procrastinato una adeguata programmazione del fabbisogno di borse di studio per il corso di formazione […]
Aggressioni ai medici, a Boscotrecase parenti di una donna deceduta ‘assaltano’ Medicina d’urgenza: macchinari distrutti e operatori feriti
Giornata di follia al nosocomio in provincia di Napoli: i Carabinieri intervenuti hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania, e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici
Spot risarcimenti, Rostan (LeU): «Peggiora rapporto medico-paziente». Appello al Ministro Grillo su aggressioni: «Serve equiparazione medico-pubblico ufficiale»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali di Montecitorio lancia l’idea di «un patto territoriale fra i medici di base e le aziende ospedaliere per ridurre il ricorso ai Pronto soccorso e di conseguenza gli atti di violenza». E sul ddl anti-violenza rilancia: «Pronti a ritirare nostre firme se può servire a dar seguito alla legge: occorre restituire dignità al lavoro dei medici e degli operatori sanitari consentendo la procedibilità d’ufficio»