Lavoro 22 marzo 2018

Judo, polizia e psicologia: ecco alcuni consigli pratici per difendersi dalle aggressioni

Arriva il corso di autodifesa con lo Snami di Pavia. Il Segretario Salvatore Santacroce: «I medici che vengono aggrediti devono sapere individuare le zone vitali da colpire per poi scappare»

Se un medico viene aggredito, deve sapere come difendersi e come riuscire a scappare. A fronte di un aumento delle violenze subite dagli operatori sanitari, lo SNAMI di Pavia si è mobilitato organizzando un corso di autodifesa. Sono quattro pomeriggi di lezioni pratiche e teoriche tenute da un istruttore di judo jujitsu, una psicologa ed un ispettore di polizia.

«L’obiettivo del corso – spiega Salvatore Santacroce, Segretario provinciale dello Snami (Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani) di Pavia – è fornire ai medici di continuità assistenziale, ed in particolare alle dottoresse che sono maggiormente esposte al rischio di subire molestie sessuali, uno strumento utile a divincolarsi da situazioni pericolose». Ovviamente non si pretende che il medico sia in condizione di «mettere al tappeto energumeni che possano attaccarli», specifica Santacroce, ma che sappia «individuare le zone vitali da colpire per poi scappare». È questo ciò che l’istruttore di judo insegna ai numerosi medici, soprattutto donne, che hanno partecipato al corso: «La cosa fondamentale è trovare il modo di riuscire a scappare e di sottrarsi all’insulto».

LEGGI ANCHE: «ENTRÒ IN OSPEDALE CON DEI SASSI E CI COLPÌ…». LA TESTIMONIANZA DEL DIRETTORE DEL PS DI SANTA MARIA NUOVA A FIRENZE

«La psicologa – prosegue il segretario – fa vedere come utilizzare la paura, un sentimento positivo che allerta l’organismo e lo mette in condizione di prendere decisioni rapidamente, ed evitare l’ansia, che al contrario paralizza ed impedisce di restare lucidi. L’ispettore di polizia, invece, illustra come individuare situazioni potenzialmente pericolose e come cercare di sfuggirvi. Inoltre spiega anche quali sono le armi che si possono lecitamente portare, come ad esempio uno spray al peperoncino, un portachiavi o un coltellino da utilizzare per difendersi da un’eventuale aggressione».

La necessità di un corso di autodifesa nasce dalla «recrudescenza degli episodi di aggressione, diventati ormai una cosa all’ordine del giorno, o quantomeno se ne ha più notizia». Saper difendersi è però necessario ma non sufficiente: «Non è possibile far fare ai colleghi una guardia di notte in condizioni tale da non essere sicuri di tornare a casa sani e salvi – denuncia Santacroce -. Noi stiamo combattendo con i nostri mezzi contro questa situazione, ma poi veniamo a sapere che c’è l’intenzione, in Lombardia, di ridurre le postazioni di assistenza territoriale e di spostare quelle che rimarrebbero da luoghi presidiati a luoghi non presidiati e isolati. Esattamente il contrario di quello che prevede la normativa».

Intanto anche molti Ordini dei medici e provider di corsi di formazione si stanno mobilitando offrendo validi strumenti per individuare le situazioni di rischio, prevenire le aggressioni e affrontare la violenza. Tra questi, figura il corso FAD “Rischio aggressioni nei luoghi di lavoro”, tenuto dall’ingegner Gian Piero Trasolini e offerto dal provider ECM 2506 Sanità in-Formazione in collaborazione con Consulcesi Club.

ANCHE LA FIMMG PROPONE UN CORSO DI AUTODIFESA. GUARDA L’INTERVISTA A TOMMASA MAIO, SEGRETARIO CONTINUITA’ ASSISTENZIALE FIMMG:

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggressioni a medici, Dieni (M5S): «Aperti a contributi di operatori e opposizioni. Presto legge per tutelare chi salva vite»
La vicecapogruppo dei Cinque Stelle alla Camera assicura l’impegno del Movimento sul tema e apre a modifiche sul Ddl governativo. «Anche sblocco del turn over più aiutare a risolvere problema, stiamo lavorando in questa direzione»
Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»
Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»
Formazione MMG, Angelo Testa (SNAMI): «Chiediamo da tempo di recuperare precari MMG, proposta governo è un buon inizio»
Tra i temi del XXXVII Congresso del Sindacato Nazionale Autonomo dei Medici Italiani che si svolge a Sorrento anche quello della carenza dei medici. «Chiediamo che quando un medico si iscrive a Medicina abbia poi la certezza di potersi specializzare», sottolinea Testa
Aggressioni ai medici, Frittelli: 76,6% delle strutture ha programma di prevenzione specifico
Il 76,67% delle strutture sanitarie ha elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni, mentre il 50% ha avviato accordi con Forze dell’ordine pubblico o altri soggetti (Polizia, Comune Polizia Municipale/Provinciale, Prefettura ecc.) in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte ad eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari. Sono […]
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...