Lavoro 22 marzo 2018

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso

Immagine articolo

«Ho ricevuto una telefonata durante la reperibilità notturna e sono partita per la visita a domicilio. Mai avrei pensato di essere sequestrata per due ore in balia di una paziente tossicodipendente in preda ad una crisi di astinenza». È il racconto shock di Valentina Nava, giovane tirocinante di medicina generale impiegata come guardia medica nella zona del pavese.

«Quando sono stata contattata dalla centrale che smista le urgenze, nessuno mi ha riferito quale fosse la condizione della paziente, in realtà nessuno lo sapeva, sono andata allo sbaraglio». La vicenda della Dottoressa Nava è una delle tante che purtroppo si verificano ogni giorno (per una media di 3 al giorno in Italia secondo i dati NurSid) ai danni di personale sanitario. I Pronto Soccorso, gli ambulatori, le guardie mediche «sono diventati veri e propri campi di battaglia», racconta la Dottoressa, che aggiunge: «Oramai è il Far West, non possiamo continuare così».

«La paziente che mi ha sequestrata era tossicodipendente e aveva una brutta crisi di astinenza – prosegue -. Pretendeva di tenermi con sé tutta la notte e maneggiava un paio di forbici. Cosa potevo fare? Non avrei potuto scappare se non buttandola a terra, ma era troppo pericoloso per la mia e per la sua incolumità. Dunque ho intavolato una conversazione e con molta fatica sono riuscita a convincerla a chiamare un’amica. Fortunatamente questa persona l’ha fatta ragionare e sono riuscita ad andare via».

TUTTE LE TESTIMONIANZE ESCLUSIVE DI SANITÀ’ INFORMAZIONE:

«ENTRO’ IN OSPEDALE CON DEI SASSI E CI COLPI’…». LA TESTIMONIANZA DEL DIRETTORE DEL PS DI SANTA MARIA NUOVA A FIRENZE 

AGGRESSIONI AI MEDICI, LA TESTIMONIANZA: «QUELLA VOLTA CHE UNA COPPIA BLOCCO’ IL PS PER ORE…»

AGGRESSIONI IN AUMENTO ANCHE PER I VETERINARI, VACCA (FVM): «COLLEGHI COSTANTEMENTE INTIMIDITI, TRA AUTO IN FIAMME E COLPI DI PISTOLA»

In seguito a quell’episodio, l’ennesimo denunciato dal personale medico, il Sindacato Medici Italiani di Pavia (SNAMI) ha organizzato un corso di autodifesa rivolto a medici ed operatori sanitari – in particolare donne – per imparare a gestire una situazione pericolosa e all’occorrenza difendersi con armi ritenute legali (spray al peperoncino, coltellini e portachiavi). «Mi sono iscritta a questo corso perché è indispensabile imparare a difendersi soprattutto in questa condizione – racconta la Dottoressa Nava -. Certo, questo non basta per stare tranquilli, è chi si occupa della sicurezza che dovrebbe intervenire. Nel caso di Pavia è l’ Agenzia di Tutela della Salute (ATS) che dovrebbe intervenire e garantire la sicurezza al personale».

«Il problema principale per le visite a domicilio è che il medico deve andare da solo. Non è così per tutte le zone, infatti a Milano i medici per svolgere i turni notturni vengono accompagnati da un autista che entra in casa per verificare la situazione. Così diventa fattibile, non penso di chiedere troppo. Andando a domicilio da soli si è completamente in balia degli eventi».

«È ovvio che nella totalità dei pazienti è una minoranza quella che aggredisce e manca di rispetto – aggiunge la Dottoressa -. Il problema è che ne basta una di queste situazioni per creare il caso, non c’è bisogno ce ne siano tante. Abbiamo sentito ultimamente fatti di cronaca gravissimi: una collega stuprata in Sicilia, colleghe ammazzate, persecuzioni all’ordine del giorno; insomma è una guerra, ma d’altronde la Guardia medica è un servizio importante, non si può pensare di lasciare la cittadinanza scoperta nella notte e nei festivi, ma anche il personale sanitario ha bisogno di essere salvaguardato».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Aggressioni ai medici, a Boscotrecase parenti di una donna deceduta ‘assaltano’ Medicina d’urgenza: macchinari distrutti e operatori feriti
Giornata di follia al nosocomio in provincia di Napoli: i Carabinieri intervenuti hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania, e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici
Spot risarcimenti, Rostan (LeU): «Peggiora rapporto medico-paziente». Appello al Ministro Grillo su aggressioni: «Serve equiparazione medico-pubblico ufficiale»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali di Montecitorio lancia l’idea di «un patto territoriale fra i medici di base e le aziende ospedaliere per ridurre il ricorso ai Pronto soccorso e di conseguenza gli atti di violenza». E sul ddl anti-violenza rilancia: «Pronti a ritirare nostre firme se può servire a dar seguito alla legge: occorre restituire dignità al lavoro dei medici e degli operatori sanitari consentendo la procedibilità d’ufficio»
Giovane dottoressa aggredita a Bagheria si sfoga su Facebook: «Siamo soli, quel posto è un ring». Maio (FIMMG CA): «Subito legge per procedibilità d’ufficio»
L'episodio avvenuto nella guardia medica della località vicino Palermo: 15 giorni di prognosi. Sui social tutta la sua amarezza. «Nelle sue parole ci riconosciamo tutti, fino a quando potremo andare avanti così?», sottolinea Tommasa Maio, responsabile FIMMG Continuità assistenziale
Ddl aggressioni, continuano le audizioni in Senato. Sumai: «Asl denuncino d’ufficio». SIVeMP: «Veterinari operino in equipe»
Si studiano le misure per fronteggiare l’ondata di violenze contro gli operatori sanitari. Il segretario Sumai Antonio Magi: «Il più delle volte infatti, il medico aggredito non denuncia per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura». Il Fimeuc (Emrgenza – Urgenza): «Serve formare personale per gestire situazioni»
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...