Lavoro 6 marzo 2018

«Entrò in ospedale con dei sassi e ci colpì…». La testimonianza del Direttore del PS di Santa Maria Nuova a Firenze

ESCLUSIVA | «Aggressioni al personale e danni alle attrezzature che alla fine hanno conseguenze anche sul servizio che diamo ai pazienti. Serve più sicurezza, telecamere interne e personale qualificato che ci protegga» così Mauro Pratesi, Direttore dell’emergenza urgenza dell’ospedale più antico di Firenze

Immagine articolo

Lavorare in solitudine senza potersi difendere in caso di necessità. Questa è la situazione in cui si trovano molti operatori sanitari che durante i turni nei reparti, nei Pronto soccorso, negli ambulatori – specialmente di notte – sempre più frequentemente incappano in violenze, molestie o reazioni incontrollate da parte di utenti mal disposti, cittadini esasperati per le lunghe attese dei loro familiari. Uno dei più gravi casi di molestie accaduto negli ultimi mesi, è stato lo stupro ai danni di una dottoressa che prestava servizio in guardia medica nel catanese, episodio che ha suscitato ulteriore rabbia e indignazione da parte del personale sanitario e non solo. Ma qui raccontiamo in esclusiva la testimonianza in prima persona di un medico aggredito, addirittura, in corsia da una violenta sassaiola.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, SCOTTI (FIMMG): «MEDICI SIANO PUBBLICI UFFICIALI E LA MAGISTRATURA INTERVENGA D’UFFICIO»

«Tutto questo è molto preoccupante» denuncia Mauro Pratesi, Direttore del Pronto soccorso dell’Ospedale Santa Maria Nuova di Firenze che ai microfoni di Sanità Informazione ha raccontato la sua esperienza sul campo. «In Pronto soccorso, sia di notte che di giorno, c’è la presenza di persone in grave difficoltà sociale e abitativa che frequentemente si rivolgono alla struttura. Molti di questi purtroppo fanno uso di alcolici o altre sostanze stupefacenti che rendono difficile oltremodo poter interloquire.  D’altronde il nostro compito è di cercare sempre al meglio di soddisfare i bisogni assistenziali di tutta la popolazione, di fatto dobbiamo anche salvaguardare il Pronto soccorso e noi stessi, questo non è sempre possibile».

«Il Pronto soccorso non può essere terreno di risposta sociale per i non fissa dimora – spiega il Dottor Pratesi – dunque a volte siamo costretti a prendere anche posizioni ferme per salvaguardarci e lavorare in sicurezza. Nella nostra realtà di Pronto soccorso esiste l’unità operativa aziendale della nostra Asl che si interessa proprio al clima di lavoro. Nell’ultimo anno abbiamo fatto degli incontri con psicologi e psichiatri, sicuramente soluzioni molto utili ma che non risolvono il problema. Serve più sicurezza, occorrono telecamere interne e cartelli che ne segnalino la presenza perché siano deterrenti per coloro che sono intenzionati ad aggredire».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, LA TESTIMONIANZA: «QUELLA VOLTA CHE UNA COPPIA BLOCCÒ IL PS PER ORE…»

Le aggressioni infatti non sono solo reazioni incontrollate dovute alla rabbia del momento, racconta il dottore, a volte sono addirittura azioni premeditate come dei veri e propri atti criminosi. «Voglio raccontare una mia esperienza – prosegue –: tempo fa un uomo entrò al Pronto soccorso e cominciò a lanciare violentemente sassi contro il personale sanitario e contro le attrezzature mediche. Oltre a mettere in pericolo medici, infermieri e pazienti, danneggiò gravemente computer e strumenti medici procurando all’ospedale un notevole danno economico».

«Negli ospedali è previsto soltanto un presidio per la guardia giurata che tuttavia, di fatto, non può fare molto, non può ammanettare in caso di necessità e non può fare interventi d’ordine pubblico. Occorre personale qualificato – conclude – che possa intervenire in caso di urgenza. Ci sono state aggressioni armate avvenute in alcuni ospedali della Toscana. Pistole, coltelli, oggetti contundenti, in queste situazioni difendersi solo con le proprie mani diventa veramente difficile…».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, S.I.VE.M.P.: «AZIONI CONCRETE O PRONTI ALLO SCIOPERO»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
Spot risarcimenti, si schierano le istituzioni:  «Subito il Tribunale della Salute». E la petizione raggiunge le 10mila firme in poche ore
La petizione lanciata da Consulcesi è stata sottoscritta da istituzioni, sindacati e associazioni. Tra i firmatari anche il Presidente della Commissione Salute, il senatore Pierpaolo Sileri. Tortorella: «Basta contrapposizioni, operatori sanitari e pazienti chiedono di poter siglare un nuovo Patto della Salute superando aggressioni e denunce»
Aggressioni ai medici, la politica si muove. Foscolo (Lega): «Inasprimento pene e presidi forze dell’ordine negli ospedali»
Sono già diverse le proposte depositate in Parlamento volte a contrastare il fenomeno. «Sia noi della Lega che il Ministro Grillo – spiega ai nostri microfoni il membro della Commissione Affari Sociali della Camera – siamo molto sensibili all’argomento. Sono convinta che questo esecutivo riuscirà ad ottenere qualcosa di positivo»
di Arnaldo Iodice e Giovanni Cedrone
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
Liste d’attesa, Bologna (M5S): «Ora Dg saranno valutati anche per questo. Sanità più trasparente e funzionale ci aiuterà a prevenire anche le aggressioni»
In legge di Bilancio previsti 350 milioni di euro per contrastare le lunghe attese. La neurologa Cinque Stelle annuncia: «Con Dl Fiscale altri fondi per la digitalizzazione»
Aggressione Crotone, fuori pericolo dottoressa aggredita. Parla il Direttore dell’Ospedale San Giovanni di Dio: «Lavoriamo con la paura, è una costante»
Lucio Cosentino, Direttore del nosocomio calabrese, sottolinea: «La dottoressa sta bene dal punto di vista medico, ma è provata psicologicamente. C’era volontà di uccidere, decisivo l’intervento del migrante». Poi sottolinea: «Manca educazione civica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano