Lavoro 6 Marzo 2018 11:46

Aggressioni, Scotti (Fimmg): «Medici siano pubblici ufficiali e la magistratura intervenga d’ufficio»

Il tema delle aggressioni al personale sanitario nelle sedi di continuità assistenziale rientra anche nei punti della pre-intesa firmata dai Sindacati con la Sisac. Affrontato anche il tema della carenza di medici di famiglia e l’insufficienza delle borse di studio

Non c’è solo il recupero degli arretrati dei medici di medicina generale nella pre-intesa firmata dai sindacati con la Sisac. Si è anche parlato della sicurezza dei medici che lavorano nelle sedi di continuità assistenziale (ex guardia medica). «Abbiamo voluto dare un primo segnale concreto su questa questione – ha dichiarato Silvestro Scotti, Segretario Nazionale della Federazione Italiana dei Medici di Famiglia FIMMG – prevedendo che la continuità assistenziale venga svolta solo in sedi idonee».

Quello delle aggressioni subite dai medici e dal personale sanitario nel corso della loro attività nei Pronto soccorso, sulle ambulanze o, appunto, nelle guardie mediche, è un tema molto caro a Silvestro Scotti, che da tempo propone una serie di misure volte al superamento di un problema sempre più grave e preoccupante: «Un medico nell’esercizio delle sue funzioni dovrebbe essere un pubblico ufficiale – afferma ai microfoni di Sanità Informazione -. L’aggravante dell’aggressione ad un pubblico ufficiale potrebbe rappresentare un deterrente significativo per chi si appresta a commettere questo reato. Inoltre – prosegue – sostengo l’attivazione di una procedura d’ufficio da parte della magistratura. Il paradosso oggi è che il medico aggredito deve fare querela di parte, cosa che molte volte non succede perché il medico ha anche paura delle conseguenze che possano nascere. Formalmente quindi molto delle aggressioni subite dai medici e dell’aggressività di qualche paziente rimane addirittura misconosciuto. Non venendo nemmeno segnalate, non si crea quel giusto profilo di allarme che può dar vita, con gli eventi sentinella, a meccanismi volti a comprendere cosa si può fare per evitarli sul piano pratico. Dobbiamo quindi partire dal recupero delle denunce, ma senza le procedure d’ufficio penso sia piuttosto difficile riuscirci».

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO, MAIO (FIMMG): «PRESTO UN TUTORIAL PER IMPARARE A DIFENDERSI»

Sindacati e Sisac hanno anche parlato di formazione dei giovani medici e della velocizzazione dell’accesso alla professione, costruendo le basi necessarie per affrontare una «emergenza non più rinviabile»: quella della carenza dei medici di famiglia. «Nei prossimi 4-5 anni – spiega Scotti – solo un cittadino italiano su tre avrà un medico di famiglia, vista l’attuale connotazione delle borse di studio». Un tema, questo, che «il nuovo governo dovrà affrontare, altrimenti dovrà abituarsi a dire ai cittadini che non troveranno un medico».

Fondamentale, allora, a detta della Fimmg, l’aumento del numero di borse di studio per il corso di formazione in medicina generale, anche per «risolvere la stessa esigenza delle Regioni di costruire l’area della Medicina Penitenziaria che condividiamo e su cui con le Regioni dovremmo rapidamente lavorare e trovare soluzione, augurandoci a sostegno un segnale forte anche da parte del Ministero, poiché non ci nascondiamo il problema rimangono le risorse. Noi anche – prosegue la Federazione – attraverso il nostro Ente previdenziale, l’ENPAM, siamo pronti a fare la nostra parte».

Il Comitato di Settore, che dovrà validare questi punti, è convocato per il 7 marzo, ma i segnali sono «incoraggianti». Alcune criticità «che appartengono solo al rispetto delle giuste procedure istituzionali ma che non offrono altri motivi di impedimento» potranno essere superate. «Su questo – conclude Scotti – voglio essere ottimista poiché con le Regioni e con gli uomini che le rappresentano si è ricreato a nostro avviso quel rapporto di fiducia che ci potrà permettere di migliorare i nostri risultati nel rispetto della sostenibilità del SSN come facciamo quotidianamente con i nostri pazienti».

Articoli correlati
Villa Marelli a Milano, modello di integrazione tra medicina ospedaliera e del territorio
Ribera (direttore Servizi territoriali ASST Niguarda): «Entro 72 ore siamo in grado fare la diagnosi e definire la cura del paziente Covid grazie alla collaborazione tra professionisti ospedalieri, medici di medicina generale e infermieri di comunità»
di Federica Bosco
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco