Lavoro 27 Giugno 2022 10:25

Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?

La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro

Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?

Quanto incide il lavoro sulla psiche dell’uomo? A domandarselo sono in molti, in particolare dopo l’effetto pandemia che ha cambiato modalità e regole. La conferma arriva da uno studio realizzato da ricercatori dell’Università di Trieste, di Torino e di Milano Bicocca in collaborazione con il King’s College di Londra e pubblicato sulla rivista Labor Economics. Gli studiosi hanno dimostrato, per la prima volta, su una platea di 26 mila lavoratori, come la qualità del lavoro e le condizioni lavorative incidano sulla salute mentale, in particolare delle donne.

Ciò che è emerso è che il fenomeno reso evidente a seguito del Covid, in realtà era in atto da tempo come dimostrano i dati raccolti che riguardano un arco temporale che va dal 2010 al 2015, ma che gli effetti prima mitigati sono emersi in maniera evidente proprio con la pandemia. La conferma arriva da un secondo lavoro, questa volta tutto italiano, realizzato dall’istituto superiore di Sanità basato sul sistema di sorveglianza tra il 2017 e il 2022 secondo cui almeno il 6 % degli italiani sotto i 70 anni abbia sintomi depressivi e che la depressione colpisca le donne da 2 a 3 volte più degli uomini.

Chi è al comando è meno depresso

La depressione però risulta essere inversamente proporzionale alla responsabilità, un elemento questo che conferma Michela Belloni, docente di Economia Politica all’Università di Torino che ha preso parte allo studio. «La salute mentale delle lavoratrici in particolare di coloro che hanno meno di 35 anni, è migliore in situazioni in cui le donne possano esprimere una maggiore libertà d’azione in termini di responsabilità e programmi formativi. Al contrario, tra le over 50 la depressione è avvertita meno in chi fa un lavoro creativo, in un bell’ambiente e con orari di lavoro flessibili». Responsabilizzare di più le lavoratrici non solo riduce il rischio di depressione del 26% in tutte le età, ma accresce l’autostima del 28% tra le under 35 e del 45% tra le lavoratrici più anziane.

Più autonomia riduce l’ansia

Secondo gli studi fatti un miglioramento dell’autonomia sugli orari di lavoro porta anche ad un miglioramento dei livelli di ansia del 11 percento e di autostima del 24%. Sempre dando uno sguardo ai risultati ottenuti è evidente che l’esposizione ai rischi fisici nel lavoro accresca l’ansia in particolare tra le lavoratrici più anziane, mentre è poco rilevante tra le più giovani.

I costi della depressione

La depressione oltre ad incidere direttamente sulla qualità del lavoro prodotto ha un impatto non trascurabile sui costi della sanità, un fattore questo spesso trascurato, ma che invece incide in maniera considerevole sull’economia di un Paese. Nel Regno Unito, ad esempio, la Mental Health Foundation ha recentemente stimato che i problemi di salute mentale costano al sistema economico britannico almeno 118 miliardi di sterline l’anno, ovvero il 5% di tutto il PIL del Regno Unito a causa della minor produttività dei lavoratori. L’Italia non si discosta molto come evidenziato da uno studio realizzato dalla SiHTA (società italiana di Health Technology Assesment) secondo cui i costi del disturbo depressivo ammontano a un miliardo e 250 milioni ogni anno, a cui vanno aggiunti i costi indiretti legati alla perdita di produttività che rappresentano il 70 percento dei costi del disturbo.

Flessibilità e autonomia per superare la depressione, in una parola Smart working

Autonomia e flessibilità sono diventate le parole d’ordine e dopo i due anni di pandemia e di lavoro da remoto la soluzione potrebbe essere proprio in quella parola inglese ormai entrata nelle case di tutti: Smart working. La conferma arriva da più parti: dove è stato ripristinato il lavoro in presenza molti hanno abbandonato, in particolare tra i giovani, tanto da dare inizio al fenomeno delle grandi dimissioni, che ha portato un numero incredibile di persone alla ricerca di nuovi stimoli e lavori più appaganti. Non è una questione di soldi, ma di benessere per conciliare i tempi casa-lavoro, per gestire la famiglia e non rimanere imprigionati in un luogo ma poter vivere al meglio allontanando il rischio della depressione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Bonus psicologo, al via alle domande online
Sul sito dell'Inps è possibile inviare la domanda per accedere al bonus psicologo. Bisogna fare presto. La precedenza sarà data a chi ha Isee più basso
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale