Salute 25 Maggio 2022 10:32

Salute mentale, la grande esclusa dal PNRR. L’idea di istituire un’agenzia nazionale dedicata

Istituzioni e società scientifiche a confronto durante il congresso organizzato dalla SINPF

Salute mentale, la grande esclusa dal PNRR. L’idea di istituire un’agenzia nazionale dedicata

La salute mentale è destinata a rimanere la Cenerentola della sanità? Alla luce delle nuove esigenze della popolazione emerse in quest’ambito anche come effetto collaterale della pandemia, come sarà opportuno riorganizzare i servizi territoriali ed allocare le risorse necessarie? Su questo e molto altro si sono confrontate ieri le società scientifiche e le istituzioni riunite a Roma in un incontro organizzato dalla Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia (SINPF).

Salute mentale: cambiare tutto per non cambiare niente. Il nodo del PNRR

La fotografia scattata in sede di convegno restituisce l’impossibilità di garantire i servizi minimi in un settore in ginocchio già ben prima della pandemia, con assenza di investimenti, una carenza drammatica di personale medico e ora alle prese anche con un aumento del 30% di diagnosi tra depressione e altre patologie psichiche causate da due anni di Covid, soprattutto tra giovani e studenti: la cosiddetta la Next Generation. Gli investimenti, che sarebbero dovuti crescere almeno fino al 5% del fondo sanitario nazionale, per raggiungere l’obiettivo del 10% indicato in sede comunitaria per i Paesi ad alto reddito, sono tracollati dal già misero 3,5% del 2018 a 2,75% del 2020. Cui è seguito un crescente numero di diagnosi post pandemia. A tutto questo si aggiunge la fuga del personale, sia medico che infermieristico, da dipartimenti già sottorganico da anni. Il problema è che non si vede, tra le (ingenti) risorse destinate dal PNRR alla salute, un solo euro destinato alla Salute Mentale.

L’idea di istituire una Agenzia Nazionale per la Salute Mentale

Da qui l’appello delle società scientifiche del settore per istituire una Agenzia Nazionale per la Salute Mentale, che dovrà ripartire da zero per mettere l’Italia in condizioni di pareggiare i conti con l’Europa e di ridare dignità a chi soffre e a chi lavora in questo settore così strategico per la società e l’economia italiana. «Nonostante la nostra branca abbia conosciuto, nel corso dei decenni, le riforme più all’avanguardia a livello europeo, nessuna riforma pare oggi finanziare i servizi territoriali, su cui si fonda la salute mentale- afferma Claudio Mencacci, co-presidente SINPF -. L’Agenzia Nazionale per la Salute Mentale che intendiamo portare avanti sarà basata su una rete di cooperazione a livello regionale e istituzionale, che garantisca standard uniformi di assistenza e che promuova salute mentale con fondi a favore della prevenzione a partire dalle scuole. Questo – fa eco Matteo Balestrieri, co-presidente SINPF – in modo tale da riorganizzare i servizi, calcolare correttamente le reali necessità di finanziamento, studiare la allocazione razionale di queste risorse e in modo omogeneo sul territorio, facendo in modo di garantire livelli di cura e assistenza di provata efficacia, fondate su evidenze che assicurino concreti risultati».

Gli obiettivi da raggiungere e i mezzi necessari

«Serve quindi – aggiungono i presidenti SINPF – un coordinamento tra le Regioni, la definizione di PDTA condivisi e integrati con piani di trattamento individuale, progetti terapeutico riabilitativi personalizzati, maggior coinvolgimento delle farmacie ospedaliere territoriali nel monitoraggio di farmacovigilanza e dell’aderenza terapeutica, sviluppo e supporto in tutte le Regioni di alternative alle strutture psichiatriche, stanziamento di fondi per la ricerca, la ricostruzione di un tavolo di lavoro interministeriale e interregionale. Tutto questo con l’unico vero obiettivo finale di una Agenzia Nazionale per la Salute Mentale: il recupero delle persone che soffrono».

La carenza di risorse per la Salute Mentale nel PNRR

«Purtroppo, le misure sinora adottate, pur segnando un’apprezzabile inversione di tendenza, non sono in grado di recuperare l’impoverimento di mezzi e personale che i Servizi per la Salute Mentale hanno subìto per anni – precisa Fabrizio Starace, presidente SIEP (Società Italiana Epidemiologia Psichiatrica) –. Ciò impone un immediato sforzo per raccordare tutti i livelli istituzionali verso un deciso cambio di passo: uno ‘straordinario’ investimento ordinario, che giunga gradualmente a due punti percentuali del Fondo Sanitario Nazionale e riporti allo standard minimo del 5% la spesa per la Salute Mentale. Un investimento organico, con una vision di sistema ma orientato al perseguimento di un numero definito di azioni prioritarie. La tenuta del ‘sistema Salute Mentale’ non è riconducibile alla somma di iniziative frammentarie, tantomeno se frutto di spinte lobbistiche o corporative. Purtroppo, non ci sembra di poter individuare, nelle pur significative risorse destinate dal PNRR alla Missione Salute, capitoli destinati alla salute mentale. Va inoltre immediatamente colmata l’assenza nel DM 71 di chiare indicazioni su standard organizzativi e di personale che consentano l’accesso a cure di qualità indipendentemente dalla Regione di residenza».

Ripartire dai giovani e dalla prevenzione

«Questo impoverimento dei servizi pubblici, ormai sotto la soglia della sopravvivenza, fa sì che si riducano anche le capacità e le possibilità di intervento precoce, mettendo in seria difficoltà le attività di prevenzione, tassello fondamentale per evitare di precipitare nel buio – aggiunge Massimo di Giannantonio, presidente SIP (Società Italiana di Psichiatria) –. In particolare, il riconoscimento precoce del problema negli studenti, che ci aiuta ad avere una conoscenza vera del fenomeno. Ecco, quindi, l’importanza di svolgere attività di osservazione e survey nelle scuole, così come è fondamentale sviluppare la conoscenza di farmaci e sostanze».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
PNRR, l’allarme: «Con vincoli ad assunzioni rischio che Case di Comunità non abbiano sufficiente personale»
Il Presidente della Commissione Sanità del Consiglio del Regionale del Lazio, Rodolfo Lena, spiega: «Dobbiamo dare gambe importanti al PNRR». E aggiunge: «C’è carenza di alcuni professionisti: al San Giovanni a un concorso per il Pronto soccorso si sono presentati solo 65 medici per 169 posti. Serve l’abolizione del numero chiuso»
Psichiatri: Rems «svuota-carceri», rischio ritorno a manicomi criminali
Le Rems, strutture di cura che hanno preso il posto dei manicomi giudiziari, create per curare e accogliere gli autori di reato giudicati infermi o seminfermi di mente, rischiano di trasformarsi in nuovi manicomi criminali. La denuncia della Società italiana di psichiatria
Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia
Nata nel secolo scorso negli Stati Uniti è oggi una pratica diffusa in tutto il mondo. In Italia la SIMont crea una rete di psichiatri che lavorano in sinergia con guide alpine. Brega (direttore psichiatria Feltre): «Camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo e superare la paura di non farcela»
Oscar sanità: oltre 200 candidature, a novembre i vincitori
Partecipazione record alla quinta edizione del Lean Healthcare Award, gli Oscar della sanità italiana. Più di 200 candidature da oltre 90 strutture pubbliche e private distribuite in tutte le regioni italiane. I vincitori saranno proclamati il prossimo 10 novembre
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni