Lavoro 19 Luglio 2016 14:47

Garante Infanzia: «Norme in evoluzione, i medici devono aggiornarsi»

Ai microfoni di Sanità Informazione, la Dottoressa Albano spiega: «Realtà legislativa complessa, ben vengano eventi formativi che aggiornano i professionisti sulle novità»

Formazione essenziale e sinergia tra medici e avvocati necessaria. A parlare è la Dott.ssa Filomena Albano, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, intervenuta insieme a diversi altri esperti alla Giornata Nazionale sulla Famiglia, organizzata dal Centro Nazionale Studi e Ricerche sul diritto della famiglia e dei minori, in cui si è discusso di unioni civili, evoluzione della famiglia e tutela dei diritti dei minori. Perché quando si parla di famiglia, in particolare se questa ha problemi che possono sfociare in una separazione o, addirittura, in un divorzio, il pensiero corre subito ai bambini e a come questi possono reagire ad una situazione complessa. Sanità Informazione ne ha parlato con il Garante, che ha spiegato che ruolo hanno medici e avvocati in queste situazioni e cosa devono fare per seguire al meglio l’evoluzione delle normative sul tema.

Dottoressa Albano, oggi per la prima volta viene presentato un corso rivolto a medici e avvocati sulla legge Cirinnà e sulla evoluzione delle famiglie italiane. Quali i sui commenti?

«È una giornata importante, bella questa iniziativa che fa un focus sulla famiglia, anzi direi sulle famiglie, perché le tipologie oggi sono molto più diversificate rispetto al passato. La realtà oggi in Italia è più complessa, quindi ben vengano eventi formativi che fanno un approfondimento su questi argomenti e sulle novità in ambito legale».

L’incontro formativo di oggi coinvolge medici e avvocati sulle importanti novità introdotte dal disegno di legge n.76/2016. Ritiene opportuna questa nuova sinergia tra categorie professionali così diverse?  

«Ritengo la formazione di questi professionisti essenziale e in linea con le recenti e continue evoluzioni del mondo del diritto. Bella questa sinergia nuova tra medici e avvocati, tra il mondo del diritto e della medicina: significa unire risorse e competenze in vista di un obiettivo comune, ovvero la maggiore tutela delle famiglie italiane».

Articoli correlati
Sindrome di Beckwith-Wiedemann, al via primo congresso internazionale
Famiglie e medici da tutto il mondo saranno a Cervia, dal 2 al 5 giugno, per confrontarsi sulla sindrome di Beckwith-Wiedemann (Bws), una malattia genetica rara che colpisce un bambino ogni 10 mila. Si tratta, in assoluto, del primo congresso internazionale dedicato a questa condizione
Encefalopatie epilettiche, le sindromi rare dell’infanzia su cui c’è più bisogno di fare rete
La community “Bussola delle stelle” aiuta le famiglie a orientarsi nel difficile iter diagnostico e terapeutico
Minori stranieri non accompagnati tra vulnerabilità e resilienza. CISMAI presenta percorsi di accoglienza, presa in carico, tutela e cura
Il volume, ultima pubblicazione di una collana FrancoAngeli interamente curata da CISMAI, offre una panoramica sul tema dei minori stranieri che affrontano un viaggio pieno di aspettative e speranze, abbracciando la complessità del fenomeno dal punto di vista psicologico, normativo, socio-educativo e specialistico
Vaccini e minori, per i giudici non serve il consenso di entrambi i genitori
È quanto stabilito da un decreto emesso dal Tribunale di Ravenna lo scorso 30 agosto. La madre era favorevole e il padre contrario, ma la sua capacità genitoriale è stata momentaneamente “sospesa”
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali