Salute 4 Novembre 2021 14:27

Encefalopatie epilettiche, le sindromi rare dell’infanzia su cui c’è più bisogno di fare rete

La community “Bussola delle stelle” aiuta le famiglie a orientarsi nel difficile iter diagnostico e terapeutico

Encefalopatie epilettiche, le sindromi rare dell’infanzia su cui c’è più bisogno di fare rete

Le encefalopatie epilettiche complesse sono patologie gravi e rare, che vengono spesso diagnosticate nei primi mesi o nei primi anni di vita dei bambini scagliando letteralmente le famiglie dei piccoli pazienti in una tempesta. Tanti e diversi sono infatti i sentimenti che una famiglia si trova ad affrontare quando arriva, per il proprio bambino, una diagnosi di patologia grave e rara: paura, angoscia, stordimento, difficoltà nell’orientarsi fra informazioni differenti e faticose.

Bussola delle stelle” è la prima community pensata e voluta per diventare punto di riferimento e creare consapevolezza su queste sindromi, che nasce proprio per accompagnare i genitori nel percorso che va dalla diagnosi, talvolta lunga e complessa, fino all’ingresso nell’età adulta. Grazie a un sito, un blog e a diversi strumenti digitali, le famiglie e i caregiver avranno un luogo in cui confrontarsi, informarsi, fare rete e condividere le proprie esperienze, per aiutarsi a non perdere la rotta.

Sanità Informazione, insieme al dottor Maurizio Viri, Direttore Neuropsichiatria Infantile presso l’AOU Maggiore della Carità di Novara, ha approfondito il tema delle encefalopatie epilettiche e della loro presa in carico. «Si tratta di sindromi rare, che insorgono entro il primo anno di vita, talvolta entro il primo mese. L’encefalopatia è una condizione di sofferenza del cervello dovuta a cause diverse: una sofferenza al momento del parto, una sindrome metabolica, oppure – e questa è la causa più frequente – una mutazione genetica. Nel caso delle encefalopatie epilettiche la presenza delle crisi epilettiche in aggiunta ad una più o meno consistente alterazione delle attività cerebrali condiziona maggiormente il quadro clinico dell’encefalopatia di sviluppo».

Encefalopatie epilettiche, dal sintomo alla diagnosi

«In prima battuta – spiega Viri – ciò che porterà i genitori a rivolgersi a un pediatra per una diagnosi di primo livello sarà un ritardo nello sviluppo cognitivo e/o motorio. Dopodiché saranno indirizzati ad una valutazione neuropsichiatrica, in cui l’osservazione del sintomo, cioè la crisi epilettica nel suo fenomeno parossistico, va di pari passo con l’osservazione dell’attività cerebrale attraverso lo studio encefalografico. Questo ci permette di fare una diagnosi – prosegue – ma la parte più complessa è quella che riguarda l’individuazione delle cause, da cui poi dipende anche la scelta del trattamento: la risonanza magnetica, gli esami del sangue e delle urine aiutano a determinare una casa metabolica oppure genetica. È chiaro che l’esito di una risonanza è immediato, l’indagine metabolica richiede qualche giorno, ma quella genetica richiede settimane, addirittura mesi, allungando i termini per una diagnosi precisa».

Il trattamento e le terapie

«Rispetto all’epilessia non associata ad encefalopatia, che colpisce mezzo milione di persone in Italia e in cui il paziente ha uno sviluppo cognitivo e psichico nella norma – spiega Viri – le encefalopatie epilettiche sono sindromi che si associano nella stragrande maggioranza dei casi a disabilità intellettiva di grado variabile, a disturbi del comportamento, o anche, come nel caso della Sclerosi Tuberosa, a patologie multisistemiche che interessano vari organi. È chiaro quindi – osserva il neuropsichiatra – che l’iter terapeutico deve essere multidisciplinare sia in base agli organi interessati, sia per intervenire sui vari aspetti della disabilità: il trattamento del sintomo epilettico (che, ricordiamo, non può essere annullato ma solo mitigato dal momento che si tratta di epilessie farmacoresistenti) deve andare di pari passo con le attività quali logopedia, psicomotricità, fisioterapia, eccetera».

L’importanza di “fare rete”

«Il trattamento dei pazienti non si esaurisce nella prescrizione farmacologica – sottolinea Viri – ma coinvolge tutta una serie di aspetti emotivi e psicologici proprio per la delicatezza delle patologie in questione, della “doccia fredda” che rappresentano per le famiglie, e della necessità di mantenere il più alta possibile la qualità della vita di questi bambini. Le famiglie devono essere sostenute e guidate in tutto l’iter diagnostico e riabilitativo. Quello a cui invece troppo spesso ancora si assiste – osserva Viri – è un percorso in cui i pazienti e le loro famiglie sono lasciati a muoversi autonomamente. Viceversa – conclude – è importante che tutti i professionisti dell’età evolutiva facciano rete intorno a queste famiglie e possano lavorare in sinergia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Una TAC “in fondo al mare” per rasserenare i piccoli pazienti del Policlinico di Milano
Dono della Fondazione De Marchi, l’apparecchio di ultima generazione permette di eseguire esami di routine e biopsie guidate in un ambiente che riproduce i fondali marini con musiche rilassanti e l’ausilio di visori 3D
di Federica Bosco
AAA cercansi pediatri a Milano: «20 mila bambini rischiano di restare scoperti»
L'appello di un pediatra di Gratosoglio ad ATS e Regione Lombardia: «Per coprire le zone più carenti necessari bandi straordinari»
di Federica Bosco
Pediatria, ecco il progetto che inserisce la “gentilezza” tra le buone pratiche
Dalla Rete Nazionale Medici Pediatri per la Gentilezza un vero e proprio “ricettario” di consigli per i bambini e le famiglie
Minority Stress, lo stress delle minoranze “rifiutate” dalla società
Alfaro (pediatra): «Ne soffrono soprattutto i minori LGBT+ esposti ad alti tassi di discriminazione e maltrattamento già in famiglia ed a scuola». Tra i giovani dai 10 ai 24 anni appartenenti alla comunità LGBT+ i tentativi di suicidio sono 4 volte maggiori
di Isabella Faggiano
Adolescenti Lgbt+, l’importanza del “Sex Orienteering” in pediatria
Gli esperti di Amigay aps: «Il pediatra non può dare per scontato l’identità e l’orientamento sessuale del paziente, potrebbe farlo sentire escluso, ignorato e abbandonato. Con il “Sex Orienteering” è possibile analizzare 4 parametri utili ad inquadrare la sessualità: corpo, mente, comportamento e affettività»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre