Salute 4 Novembre 2021 14:27

Encefalopatie epilettiche, le sindromi rare dell’infanzia su cui c’è più bisogno di fare rete

La community “Bussola delle stelle” aiuta le famiglie a orientarsi nel difficile iter diagnostico e terapeutico

Encefalopatie epilettiche, le sindromi rare dell’infanzia su cui c’è più bisogno di fare rete

Le encefalopatie epilettiche complesse sono patologie gravi e rare, che vengono spesso diagnosticate nei primi mesi o nei primi anni di vita dei bambini scagliando letteralmente le famiglie dei piccoli pazienti in una tempesta. Tanti e diversi sono infatti i sentimenti che una famiglia si trova ad affrontare quando arriva, per il proprio bambino, una diagnosi di patologia grave e rara: paura, angoscia, stordimento, difficoltà nell’orientarsi fra informazioni differenti e faticose.

Bussola delle stelle” è la prima community pensata e voluta per diventare punto di riferimento e creare consapevolezza su queste sindromi, che nasce proprio per accompagnare i genitori nel percorso che va dalla diagnosi, talvolta lunga e complessa, fino all’ingresso nell’età adulta. Grazie a un sito, un blog e a diversi strumenti digitali, le famiglie e i caregiver avranno un luogo in cui confrontarsi, informarsi, fare rete e condividere le proprie esperienze, per aiutarsi a non perdere la rotta.

Sanità Informazione, insieme al dottor Maurizio Viri, Direttore Neuropsichiatria Infantile presso l’AOU Maggiore della Carità di Novara, ha approfondito il tema delle encefalopatie epilettiche e della loro presa in carico. «Si tratta di sindromi rare, che insorgono entro il primo anno di vita, talvolta entro il primo mese. L’encefalopatia è una condizione di sofferenza del cervello dovuta a cause diverse: una sofferenza al momento del parto, una sindrome metabolica, oppure – e questa è la causa più frequente – una mutazione genetica. Nel caso delle encefalopatie epilettiche la presenza delle crisi epilettiche in aggiunta ad una più o meno consistente alterazione delle attività cerebrali condiziona maggiormente il quadro clinico dell’encefalopatia di sviluppo».

Encefalopatie epilettiche, dal sintomo alla diagnosi

«In prima battuta – spiega Viri – ciò che porterà i genitori a rivolgersi a un pediatra per una diagnosi di primo livello sarà un ritardo nello sviluppo cognitivo e/o motorio. Dopodiché saranno indirizzati ad una valutazione neuropsichiatrica, in cui l’osservazione del sintomo, cioè la crisi epilettica nel suo fenomeno parossistico, va di pari passo con l’osservazione dell’attività cerebrale attraverso lo studio encefalografico. Questo ci permette di fare una diagnosi – prosegue – ma la parte più complessa è quella che riguarda l’individuazione delle cause, da cui poi dipende anche la scelta del trattamento: la risonanza magnetica, gli esami del sangue e delle urine aiutano a determinare una casa metabolica oppure genetica. È chiaro che l’esito di una risonanza è immediato, l’indagine metabolica richiede qualche giorno, ma quella genetica richiede settimane, addirittura mesi, allungando i termini per una diagnosi precisa».

Il trattamento e le terapie

«Rispetto all’epilessia non associata ad encefalopatia, che colpisce mezzo milione di persone in Italia e in cui il paziente ha uno sviluppo cognitivo e psichico nella norma – spiega Viri – le encefalopatie epilettiche sono sindromi che si associano nella stragrande maggioranza dei casi a disabilità intellettiva di grado variabile, a disturbi del comportamento, o anche, come nel caso della Sclerosi Tuberosa, a patologie multisistemiche che interessano vari organi. È chiaro quindi – osserva il neuropsichiatra – che l’iter terapeutico deve essere multidisciplinare sia in base agli organi interessati, sia per intervenire sui vari aspetti della disabilità: il trattamento del sintomo epilettico (che, ricordiamo, non può essere annullato ma solo mitigato dal momento che si tratta di epilessie farmacoresistenti) deve andare di pari passo con le attività quali logopedia, psicomotricità, fisioterapia, eccetera».

L’importanza di “fare rete”

«Il trattamento dei pazienti non si esaurisce nella prescrizione farmacologica – sottolinea Viri – ma coinvolge tutta una serie di aspetti emotivi e psicologici proprio per la delicatezza delle patologie in questione, della “doccia fredda” che rappresentano per le famiglie, e della necessità di mantenere il più alta possibile la qualità della vita di questi bambini. Le famiglie devono essere sostenute e guidate in tutto l’iter diagnostico e riabilitativo. Quello a cui invece troppo spesso ancora si assiste – osserva Viri – è un percorso in cui i pazienti e le loro famiglie sono lasciati a muoversi autonomamente. Viceversa – conclude – è importante che tutti i professionisti dell’età evolutiva facciano rete intorno a queste famiglie e possano lavorare in sinergia».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sindrome di Beckwith-Wiedemann, al via primo congresso internazionale
Famiglie e medici da tutto il mondo saranno a Cervia, dal 2 al 5 giugno, per confrontarsi sulla sindrome di Beckwith-Wiedemann (Bws), una malattia genetica rara che colpisce un bambino ogni 10 mila. Si tratta, in assoluto, del primo congresso internazionale dedicato a questa condizione
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
Congresso Sip, i progressi della Pediatria di precisione
Il Congresso Italiano di Pediatria torna nuovamente in presenza da mercoledì 18 a sabato 21 maggio presso l’Hilton Sorrento Palace di Sorrento. A presiederlo, per la prima volta dopo oltre 120 anni, una donna: la Presidente della SIP, Annamaria Staiano, eletta alla guida della Sip lo scorso maggio
Al via il Giro d’Italia delle cure palliative pediatriche. Le riceve solo il 5% dei bambini
Dal 15 maggio al 30 giugno, eventi di sensibilizzazione dal nord al sud della Penisola. A Sanità Informazione la storia di Lavinia, i genitori: «Le cure palliative ci hanno regalato gli anni migliori della nostra vita»
Osteopatia pediatrica. Petracca (ROI): «In uno studio gli effetti dei trattamenti per la plagiocefalia»
I risultati della ricerca saranno presentati ed ulteriormente approfondi in un workshop durante il 7° congresso nazionale ROI “Trent’anni di osteopatia in Italia: sviluppo, ricerca e identità” che si terrà il 24, 25 e 26 giugno a Napoli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi