Salute 29 Settembre 2021 16:51

La Federazione Logopedisti Italiani compie 32 anni e diventa Associazione Tecnico Scientifica

Rossetto (FLI): «La nostra priorità è dialogare con le Istituzioni per adeguare il numero di logopedisti impiegati nel SSN ai bisogni di salute dei cittadini»

di Isabella Faggiano

«La Federazione Logopedisti Italiani (FLI) ha ottenuto un altro successo: l’inserimento nell’elenco delle Associazioni Tecnico-Scientifiche del Ministero della Salute». Ad annunciarlo è la presidente Tiziana Rossetto in occasione del 32esimo anniversario della stessa Federazione, istituita il 29 settembre del 1989.

Il prossimo traguardo

Adeguare il numero di logopedisti che opera nel Sistema Sanitario Nazionale ai bisogni di salute degli italiani è il primo impegno in agenda per la neonata Associazione Tecnico Scientifica. «Era il 1964 quando i servizi socio-sanitari delle Province e dei Comuni hanno organizzato il primo corso per non udenti. Dopo 10 anni i logopedisti hanno ottenuto il riconoscimento del proprio profilo professionale e nel 1999 quello di Professione Sanitaria che opera in autonomia (con responsabilità conseguente). E nonostante questa lunga storia che abbiamo alle spalle – racconta Rossetto -, la nostra presenza sul territorio non è ancora adeguata alle esigenze. Si stima che in Italia ci siano circa 15mila logopedisti, per un rapporto di 16 professionisti ogni 100mila abitanti, meno della metà della Francia (un Paese simile all’Italia per popolazione) dove il rapporto è di 40:100.000».

E i pazienti ne pagano le conseguenze

Che il numero di professionisti in logopedia sia del tutto inadeguato lo dimostrano le lunghe liste di attesa: «Per accedere ad una prestazione logopedica – assicura Rossetto – si attende fino ad un anno». Una carenza di personale che non riguarda una fascia circoscritta di persone: «La logopedia è adeguata a tutte le fasi della vita da 0 a 100 anni. Dai neonati disfagici, ai bambini con difficoltà di linguaggio, fino agli anziani con problematiche sia di linguaggio, che di deglutizione. Per questo – aggiunge la presidente – la FLI sarà in prima linea per dialogare con le Istituzioni affinché questa carenza venga adeguatamente colmata».

Un sostegno alla ricerca

La FLI, come Associazione Tecnico Scientifica, potrà contribuire alla ricerca scientifica ed all’implementazione delle collaborazioni multidisciplinari. «Avere dei dati scientifici a supporto delle nostre attività significa dimostrarne l’efficacia, ma anche poter migliorare le prestazioni e colmare eventuali carenze, offrendo metodologie e percorsi terapeutici sempre più affidabili», commenta Rossetto.

Progetti importanti che oggi possono essere realizzati grazie al contributo offerto in questi trent’anni dai logopedisti italiani. «Questo ultimo successo, come i passati, lo dobbiamo alle persone che si sono sempre impegnate all’interno dell’Associazione su tutto il territorio nazionale, creando importanti collegamenti con professionisti di tutta l’Europa e del mondo. Logopedisti che con impegno e dedizione – conclude la presidente – continueranno a fare crescere la Federazione e la nostra professione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Per la logopedia ogni età è quella giusta
Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»
di Isabella Faggiano
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
Logopedia neonatale: così si passa dall’alimentazione artificiale alla naturale
Panizzolo (logopedista): «Imparare ad alimentarsi per via orale è uno dei criteri raccomandati per le dimissioni dalla Tin. Durante i follow-up periodici necessario il controllo logopedico per monitorare l’evoluzione cognitiva, comunicativa e linguistica del bambino»
di Isabella Faggiano
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Terapie intensive Covid. Reverberi (logopedista): «Tra i nuovi pazienti diminuiscono i casi di disfagia»
I risultati della fase 2. La logopedista: «I pazienti con disfagia sono riusciti rapidamente a riprendere l’alimentazione per bocca. Meno incoraggianti, invece, i risultati per coloro che non hanno contratto il virus, ma che hanno dovuto interrompere cure e percorsi riabilitativi a causa del lockdown»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?