Professioni Sanitarie 18 Maggio 2021 12:02

Per la logopedia ogni età è quella giusta

Rossetto (CNDA): «Grazie alle numerose evidenze scientifiche raccolte in materia, i nostri interventi sono sempre più mirati ed efficaci: promuoviamo la suzione non nutritiva tra i neonati, trattiamo i disturbi del linguaggio dell’età evolutiva e della terza età. In prima linea anche nel trattamento degli effetti del Long Covid»

di Isabella Faggiano

Neonati che non hanno il naturale riflesso della suzione, bambini e adolescenti che non pronunciano correttamente le parole, anziani che non riescono più a deglutire in modo corretto. Sono solo alcuni esempi di pazienti per i quali è indicato, così come dimostrato da numerose evidenze scientifiche, un intervento logopedico. «Il Logopedista – spiega Tiziana Rossetto, presidente della Commissione Nazionale d’Albo dei Logopedisti -, è una figura professionale che opera a 360°, in modo trasversale, in tutte le fasi della vita»

Logopedia neonatale

L’allattamento al seno è raccomandato dall’OMS e dall’UNICEF, ma è una pratica ancora troppo poco diffusa in Italia, soprattutto tra i bambini ricoverati. Per questo, è stato realizzato un gruppo multidisciplinare per l’allattamento al seno, coordinato dalla FNO, che coinvolge diversi professionisti sanitari, tra i quali spicca la figura del logopedista. «Le nostre competenze professionali – sottolinea Rossetto – ci permettono di valutare i disordini oro alimentari che colpiscono i neonati prematuri e i neonati critici della terapia intensiva neonatale. Il logopedista, con il suo intervento, promuove la suzione non nutritiva, condizione di base per avviare il neonato alla suzione nutritiva».

Logopedia dell’età evolutiva

I bambini nati prematuri o affetti da patologie fin dalla tenerissima età, dunque, saranno presi in carico dal logopedista già in epoca neonatale, per poi essere monitorati durante tutte le fasi di crescita. «Tuttavia – dice la presidente della CNDA Logopedisti -, nell’età evolutiva possono comparire disturbi primari del linguaggio, che impediscono al bambino di avere una comunicazione aderente agli standard della sua età, pur in assenza di altre problematiche. In questo caso, il logopedista attua degli interventi specifici che consentiranno al bambino di sviluppare un’interazione adeguata. Ritardi o alterazioni del linguaggio possono presentarsi anche come conseguenza di disturbi neurologici o cognitivi. Nel “linguaggio” sono incluse anche la lettura e la scrittura, in quanto questi bambini sono più a rischio di sviluppare disturbi specifici dell’apprendimento (DSA)».

Logopedia e Covid-19

In questo periodo di pandemia i logopedisti hanno lavorato in prima linea, accanto ai pazienti sottoposti a ventilazione invasiva. «A seguito dell’estubazione è frequente che si presentino problemi di disfagia. Ma se in una prima fase della pandemia i logopedisti sono stati impegnati soprattutto con i pazienti dimessi dalla terapia intensiva – aggiunge Rossetto -, oggi siamo molto concentrati pure sugli effetti del Long Covid. Tra i vari sintomi descritti sono emerse difficoltà nella comunicazione, disorientamento, disturbi della memoria e anomie. Problematiche per le quali è richiesto anche l’intervento del logopedista».

Logopedia nella terza età

L’Italia è un Paese longevo: ma quando si vive più a lungo è molto probabile che ci si ammali di più. «Alzheimer, Parkinson, decadimento cognitivo, demenze sono tra le problematiche più diffuse nella terza età. E numerosi dati hanno dimostrato che l’intervento logopedico è in grado di migliorare la qualità della vita di questi pazienti. In particolare – sottolinea la presidente della CNDA – per il trattamento dei malati di Parkinson abbiamo tradotto le linee guida olandesi, grazie alle quali prendiamo in carico il paziente fin dall’inizio della malattia, lavorando sia sulla fonazione che sulla capacità di gestire l’alimentazione. Numerose Regioni stanno promuovendo percorsi terapeutici che agevolano il nostro intervento: di recente, il Veneto ha creato una mappa delle demenze, delineando la tempestività con cui il logopedista deve prendere in carico questi pazienti. Un lavoro reso ogni giorno più efficace dalle numerose ricerche ed evidenze scientifiche raccolte in materia che aiutano il professionista ad ottimizzare il suo lavoro ma, soprattutto – conclude Rossetto -, assicurano al cittadino le migliori cure».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ha ancora senso vaccinare i bambini?
La Società italiana di pediatra continua a raccomandare la vaccinazione anti-Covid, soprattutto in considerazione dell'aumento dei contagi nella fascia di popolazione in età scolare
Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva
Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
Un italiano su tre è analfabeta funzionale. L’allarme dei logopedisti
Rossetto (FLI): «Necessario un intervento logopedico preventivo tra le persone che vivono in una condizione di svantaggio socio-economico: la maggior parte dei minori che commettono reato sono analfabeti funzionali»
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola