Lavoro 2 luglio 2018

Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»

La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale

Immagine articolo

Tiziana Frittelli, Presidente di Federsanità ANCI, non si risparmia nel dare consigli al nuovo Ministro Grillo. Dal finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale al necessario superamento dell’organizzazione a silos, passando per la scelta dei direttori generali ed il ruolo dei medici di medicina generale fino ad arrivare alle aggressioni al personale sanitario e alla legge sulla responsabilità professionale. La Presidente spiega e commenta a Sanità Informazione le principali questioni che coinvolgono la sanità italiana. Che, ne è convinta, deve essere riformata.

Presidente, il governo ha ormai iniziato a lavorare. Secondo lei quali sono i temi sanitari che dovranno essere affrontati prioritariamente?

«Innanzitutto credo che ormai sia tempo di una nuova riforma del sistema sanitario. L’SSN compie 40 anni ed è un ottimo sistema, ma non possiamo lasciare le Regioni sole, perché abbiamo visto che ci sono Regioni di classe A e Regioni di classe B e non è giusto che i cittadini debbano subire queste differenze. È necessario revisionare l’organizzazione sanitaria perché quella attuale è ancora basata sui silos delle strutture, ma oggi è impensabile non lavorare per processi e PDTA (Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali): se non adeguiamo l’organizzazione sanitaria delle strutture a responsabilità che corrano lungo percorsi e non sulle singole strutture, ci troveremo sfasati di fronte a nuove esigenze. Credo che i punti nodali da affrontare siano una selezione rigidissima nella scelta dei direttori generali e una maggiore integrazione ospedale-territorio da declinare in maniera concreta. Su questo ovviamente sarà fondamentale l’assetto giuridico dei medici di medicina generale, che sono pronti ad acquisire maggiore consapevolezza e ad entrare in competizione proattiva con il mondo sanitario».

LEGGI ANCHE: MINISTRO GRILLO: «PRIORITÀ AL PERSONALE. ASSUNZIONI, BORSE PER SPECIALISTI E CONTRATTO PER CONTRASTARE LISTE D’ATTESA | VIDEO

Per quanto riguarda il finanziamento del sistema sanitario?

«A mio avviso va cambiato anche quello. Oggi c’è una grande discrasia tra remunerazione degli ospedali e del territorio: le Asl vengono remunerate per quota capitaria, quindi dove non esistono sistemi di controllo la quota capitaria viene erogata anche se un’attività non viene svolta; al contrario negli ospedali l’erogazione avviene solo dopo che si siano effettuate le prestazioni sanitarie. Quindi anche questo mi sembra un punto nodale che possa orientare il sistema».

Si parla spesso, purtroppo, di aggressioni al personale sanitario. Secondo lei qual è la strada da seguire per arginare questo fenomeno?

«Da un lato ovviamente le aziende devono fare il massimo per proteggere ed essere vicini agli operatori, mettendo in campo tutte le soluzioni possibili. Ma questa è soltanto una modalità di gestione del problema, mentre ci dobbiamo interrogare sul perché questo fenomeno sia nato. In Italia si è creata una frattura culturale enorme tra operatori sanitari e cittadini, nonostante il nostro sia uno dei sistemi migliori al mondo che garantisce un universalismo delle cure assoluto e assiste anche l’ultima persona arrivata in Italia e che non ha mai pagato un euro di tasse. Per risanare questa frattura, bisogna far rincontrare le parti: i cittadini devono capire la complessità del sistema sanitario, che, anche se a varie velocità, è sempre aperto a tutti, e l’importanza del ruolo degli operatori, che non possono essere toccati; dall’altra parte il personale sanitario deve capire che di fronte ha una persona e non un numero o una cartella clinica. Bisogna trovare un grande equilibrio e restituire agli operatori sanitari quel ruolo sacrale che avevano 50 anni fa, quando mia nonna vedeva nel medico di famiglia un punto di riferimento culturale importante nella sua vita. Poi ho ad esempio molto apprezzato l’intervento del Ministro Grillo sulla problematica delle liste d’attesa, perché anche questo contribuisce a creare un clima avvelenato».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, I DATI CHOC DEL SONDAGGIO ANAAO: DUE MEDICI SU TRE DENUNCIANO AGGRESSIONI 

A un anno dall’approvazione della legge sulla responsabilità professionale, qual è il punto della situazione?

«È in itinere, perché il precedente governo ha emanato tre decreti attuativi ma siamo piuttosto preoccupati per quelli che mancano. Speriamo che il Ministro Grillo stimoli l’avvio dei tavoli per l’importantissimo decreto attuativo in materia assicurativa che deve stabilire i requisiti minimi delle polizze e le modalità della costituzione dei fondi previsti in caso di auto ritenzione. Inoltre è fondamentale il decreto di attuazione della legge concorrenza sull’approvazione delle tabelle delle macro lesioni. È ovvio poi che l’impegno maggiore debba essere svolto sul profilo della prevenzione del rischio, e non illudiamoci che questa gestione possa essere isorisorse, come prevede la legge 24; anzi, le aziende devono fare un investimento importantissimo sulla prevenzione del rischio e sui percorsi di formazione degli operatori sanitari, su cui Federsanità è particolarmente impegnata. Quindi come operatori del settore siamo preoccupati perché la partita della responsabilità professionale sanitaria insiste su un fondo che ci auguriamo possa essere incrementato, compatibilmente con le esigenze del Paese».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, GELLI: «LA LEGGE 24/17 HA COSTRUITO UN PONTE TRA DIRITTO E SANITÀ» 

Articoli correlati
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Violenza in corsia, parla AMA la ‘FNOMCeO’ americana: «In 14 anni, nei nostri ospedali 200 sparatorie e 275 vittime»
L’American Medical Association a Sanità Informazione: «Le istituzioni federali devono agire per proteggere gli operatori sanitari, gli ospedali devono adottare piani di prevenzione e i medici devono seguire corsi di formazione per imparare a reagire nel modo corretto alle aggressioni»
Violenza in corsia, nasce il “Telefono Rosso” per i medici aggrediti
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Il caso della dottoressa di Crotone è solo l’ultimo di una lunga serie di violenze fisiche, verbali e anche sui social network. Con il nuovo servizio supporto umano e legale alle vittime: prossimo passo il Tribunale del Medico da affiancare a quello del Malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano