Lavoro 21 Dicembre 2020 12:04

Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»

Il vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Riformare il sistema formativo, dall’accesso a Medicina alle borse di specializzazione»

Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»

Cogliere l’opportunità della legge di Bilancio per chiudere definitivamente la partita degli ex specializzandi con una transazione. L’occasione è rappresentata dall’emendamento annunciato dal senatore Antonio Saccone (UDC); l’auspicio è di Stefano De Lillo, vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma e già senatore, veste nella quale si è impegnato per una soluzione politica alla vicenda.

«Spero che il Governo colga questa occasione per chiudere una vicenda che coinvolge da tanti anni quelle generazioni di specializzandi che, durante la scuola di specializzazione, furono penalizzati dal mancato recepimento delle direttive europee», commenta De Lillo a Sanità Informazione.

«Sfruttare fondi europei»

I medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione tra il 1978 ed il 2006, infatti, non hanno ricevuto il trattamento economico previsto dall’Europa. E adesso, secondo De Lillo, proprio i fondi europei messi a disposizione degli Stati Membri per affrontare le conseguenze della pandemia da Covid-19 potrebbero rappresentare una soluzione al problema. «Forse – spiega – proprio i fondi che stanno arrivando dall’Europa possono dare la copertura economica necessaria ad una transazione tra Stato ed ex specializzandi che negli anni potrebbe far risparmiare molti soldi alla collettività e, al contempo, risarcire i medici di quanto gli spetta».

«OMCeO Roma al fianco degli ex specializzandi»

Una soluzione che l’Ordine dei Medici di Roma, il più grande in Italia, ha da tempo sostenuto: «L’OMCeO – commenta il vicepresidente – si è sempre schierato al fianco dei medici e delle loro giuste rivendicazioni in tema di risarcimenti. L’Ordine non può intervenire direttamente sulla vicenda, ma i colleghi devono sapere che siamo al loro fianco».

La riforma del sistema formativo

De Lillo, poi, rivolge un pensiero anche a chi quelle scuole di specializzazione le sta frequentando oggi. O, meglio, vorrebbe iniziare a frequentarle: «Vorrei che il governo migliorasse i criteri di programmazione attutati finora, sia in tema di accesso alle Facoltà di Medicina che di borse di specializzazione e di formazione in Medicina Generale».

Una riforma a tutto tondo del sistema formativo, quindi, necessaria per De Lillo per «colmare le carenze di personale che si sono manifestate in modo importante soprattutto in questi mesi di emergenza sanitaria».

«Per quanto riguarda l’accesso universitario – spiega De Lillo – è necessario superare l’attuale metodo di selezione che ha completamente fallito; in merito alla formazione post-laurea, poi, bisogna aumentare le borse di specializzazione in rapporto sia al numero dei medici laureati che alle esigenze del Sistema sanitario nazionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dal Recovery Plan alle malattie rare, la crisi di governo mette in bilico alcune riforme chiave per la sanità
Il ritorno alle urne, per quanto improbabile, resta sullo sfondo di una crisi di governo dall’esito imprevedibile. Rischiano di saltare riforme chiave della sanità: dalla medicina territoriale all'infermiere di comunità
Vaccino anti SARS-CoV-2. Magi: «Bene l’iniziativa del Lazio di vaccinare anche tutti i sanitari non operanti nelle strutture del SSR»
Tutti gli operatori sanitari in attività nel territorio della Regione Lazio, che non lavorano nelle strutture del SSR, saranno coinvolti nelle prossime settimane nella campagna vaccinale anti SARS-CoV-2. Lo prevede una lettera della Regione inviata a tutti i presidenti di Ordini professionali che operano nella sanità
Vertenza medici ex specializzandi: emendamenti e ODG in Legge di Bilancio
Nel caso venga posta la fiducia, in Aula si chiederà la trasformazione del testo in un Ordine del Giorno arrivando dunque ad un impegno formale del Governo sul tema
Ex specializzandi, 2020 da record. Consulcesi: «31 milioni di euro rimborsati, vittorie raddoppiate rispetto al 2019»
Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Soddisfatti di aver restituito somme dovute ai nostri medici, soprattutto in questo momento difficile. Ma la questione va risolta con accordo transattivo»
Risorse per la sanità, Magi (OMCeO Roma): «Così non andiamo da nessuna parte»
L'endorsement del Presidente dell'Ordine dei Medici di Roma alla transazione per gli ex specializzandi: «Il governo si sieda intorno a un tavolo con i medici e trovi una soluzione a questa vicenda una volta per tutte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...