Lavoro 21 Dicembre 2020 12:04

Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»

Il vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Riformare il sistema formativo, dall’accesso a Medicina alle borse di specializzazione»

Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»

Cogliere l’opportunità della legge di Bilancio per chiudere definitivamente la partita degli ex specializzandi con una transazione. L’occasione è rappresentata dall’emendamento annunciato dal senatore Antonio Saccone (UDC); l’auspicio è di Stefano De Lillo, vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma e già senatore, veste nella quale si è impegnato per una soluzione politica alla vicenda.

«Spero che il Governo colga questa occasione per chiudere una vicenda che coinvolge da tanti anni quelle generazioni di specializzandi che, durante la scuola di specializzazione, furono penalizzati dal mancato recepimento delle direttive europee», commenta De Lillo a Sanità Informazione.

«Sfruttare fondi europei»

I medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione tra il 1978 ed il 2006, infatti, non hanno ricevuto il trattamento economico previsto dall’Europa. E adesso, secondo De Lillo, proprio i fondi europei messi a disposizione degli Stati Membri per affrontare le conseguenze della pandemia da Covid-19 potrebbero rappresentare una soluzione al problema. «Forse – spiega – proprio i fondi che stanno arrivando dall’Europa possono dare la copertura economica necessaria ad una transazione tra Stato ed ex specializzandi che negli anni potrebbe far risparmiare molti soldi alla collettività e, al contempo, risarcire i medici di quanto gli spetta».

«OMCeO Roma al fianco degli ex specializzandi»

Una soluzione che l’Ordine dei Medici di Roma, il più grande in Italia, ha da tempo sostenuto: «L’OMCeO – commenta il vicepresidente – si è sempre schierato al fianco dei medici e delle loro giuste rivendicazioni in tema di risarcimenti. L’Ordine non può intervenire direttamente sulla vicenda, ma i colleghi devono sapere che siamo al loro fianco».

La riforma del sistema formativo

De Lillo, poi, rivolge un pensiero anche a chi quelle scuole di specializzazione le sta frequentando oggi. O, meglio, vorrebbe iniziare a frequentarle: «Vorrei che il governo migliorasse i criteri di programmazione attutati finora, sia in tema di accesso alle Facoltà di Medicina che di borse di specializzazione e di formazione in Medicina Generale».

Una riforma a tutto tondo del sistema formativo, quindi, necessaria per De Lillo per «colmare le carenze di personale che si sono manifestate in modo importante soprattutto in questi mesi di emergenza sanitaria».

«Per quanto riguarda l’accesso universitario – spiega De Lillo – è necessario superare l’attuale metodo di selezione che ha completamente fallito; in merito alla formazione post-laurea, poi, bisogna aumentare le borse di specializzazione in rapporto sia al numero dei medici laureati che alle esigenze del Sistema sanitario nazionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
OMCeO Roma, Luisa Regimenti nominata presidente della Consulta medico-legale dell’Ordine
«Sarà un punto di riferimento per i professionisti del settore, che operano con grande attenzione e impegno nell’attuale complessità dell’emergenza pandemica» sottolinea Luisa Regimenti
Ex specializzandi, Consulcesi: «Con transazione risparmio di oltre 78 milioni per i costi delle cause»
Rappresentanti dei medici e politici fanno fronte comune per chiudere la vertenza. Richiamo anche da Bruxelles. Il Vicepresidente del Parlamento Ue, Castaldo: «Recovery fund e presupposti per trovare soluzione». Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e pronto a nuovo Ddl. Forte appello a immediata risoluzione anche da Anelli (FNOMCeO), Oliveti (Enpam) e Magi (OMCeO Roma)
Giornata personale sanitario, la cerimonia dell’Ordine dei Medici di Roma
Una targa con il Giuramento d'Ippocrate e un ulivo i simboli scelti per ricordare i medici deceduti a causa del Covid-19
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 aprile, sono 137.467.864 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.959.675 i decessi. Ad oggi, oltre 805,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...