Politica 11 Dicembre 2020 09:15

Ex specializzandi, Saccone (UDC): «Presenterò emendamento a legge di bilancio per sanare questa ferita»

Il testo prevede un rimborso forfettario erogato in contanti che va dai 17 mila ai 22 mila euro per ogni anno di specializzazione, compresivi di interesse compensativi e rivalutazione monetaria, cui possono accedere tutti coloro che abbiano presentato domanda giudiziale per il riconoscimento dell’adeguata remunerazione

La politica prova ancora una volta a sanare la vicenda degli ex specializzandi, e questa volta lo fa attraverso un emendamento alla legge di Bilancio. È il senatore dell’UDC Antonio Saccone, membro della Commissione Bilancio, ad annunciare ai nostri microfoni la volontà di presentare un testo per chiudere definitivamente quella che non esita a definire «una ferita annosa».

Parliamo, per chi non lo sapesse, di quei medici che hanno frequentato le scuole di specializzazione tra il 1978 e il 2006 senza ricevere il trattamento economico previsto dalle direttive europee, e che hanno aderito in massa ad azioni legali per vedersi riconosciuto il diritto al rimborso più volte confermato dai tribunali. Una vicenda che si trascina da decenni, che ha intasato il sistema giudiziario e che rischia di causare un esborso di denaro pubblico non indifferente.

Da qui, l’intenzione di risolvere la questione con un accordo transattivo tra Stato ed ex specializzandi che garantisca, al tempo stesso, il rimborso ai medici interessati e un risparmio per lo Stato, non solo sui risarcimenti ma anche sulle spese legate alle azioni pendenti.

Ex specializzandi, cosa prevede l’emendamento alla Legge di Bilancio del senatore Saccone

L’emendamento, che Sanità Informazione ha potuto leggere in anteprima, prevede un rimborso forfettario che va, in base alla situazione specifica del singolo medico, dai 17mila ai 22mila euro per ogni anno di specializzazione, compresivi di interesse compensativi e rivalutazione monetaria, cui possono accedere tutti coloro che abbiano presentato domanda giudiziale per il riconoscimento dell’adeguata remunerazione. Coloro che hanno ottenuto una sentenza favorevole che riconosce degli importi più alti avrà comunque diritto alla maggior somma assegnata in sede di giudizio.

Le somme, specifica l’emendamento, saranno erogate in contanti (escludendo quindi la contribuzione figurativa che era stata prevista dagli ultimi disegni di legge presentati sul tema) e non saranno soggette a tassazione. Le modalità di corresponsione delle somme saranno determinate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri entro 30 giorni dalla pubblicazione della Legge.

Saccone: «Recovery Plan e MES occasioni importanti per sanare ferita»

«Penso che questa sia un’occasione importante per sanare questa ferita – commenta ai nostri microfoni il senatore Saccone – perché per la prima volta ci sono tante risorse disponibili, che vengono anche dall’Unione Europea. Penso al Recovery Plan ma anche al MES, cui noi crediamo si debba aderire».

«Una vicenda imbarazzante per il legislatore»

«Non stiamo parlando di un privilegio – aggiunge – ma dell’applicazione di un diritto, riconosciuto e garantito anche dall’Unione Europea, che non abbiamo ancora applicato e che costringe i medici, definiti i nostri eroi, ad adire ai tribunali, intasandoli. È una vicenda annosa e imbarazzante per il legislatore».

«Intanto però – continua il senatore – il governo è costretto a richiamare in corsia molti di questi ex specializzandi chiedendo loro un ulteriore sacrificio. A questi appelli gli operatori sanitari hanno risposto con generosità, dimostrando rispetto per lo Stato; allora lo Stato deve rispettare questo diritto, riconoscendo il lavoro e la funzione che i medici hanno svolto, soprattutto in questo periodo, non solo a parole, ma anche in termini economici».

«Serve responsabilità per arrivare ad accordo transattivo»

«I medici ex specializzandi sono disponibili a trovare un accordo con il governo, ma bisogna avere la responsabilità di sedersi intorno a un tavolo e arrivare ad una transazione, anche per evitare che lo Stato, e quindi noi contribuenti, paghi una cifra spropositata. Questa è l’operazione che dobbiamo portare avanti», conclude Saccone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ex specializzandi, Consulcesi: «Con transazione risparmio di oltre 78 milioni per i costi delle cause»
Rappresentanti dei medici e politici fanno fronte comune per chiudere la vertenza. Richiamo anche da Bruxelles. Il Vicepresidente del Parlamento Ue, Castaldo: «Recovery fund e presupposti per trovare soluzione». Il senatore di maggioranza Pagano in pressing sul governo e pronto a nuovo Ddl. Forte appello a immediata risoluzione anche da Anelli (FNOMCeO), Oliveti (Enpam) e Magi (OMCeO Roma)
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
L’Ausl invita i medici a vaccinare gratis, il sindacato: «Scorretto. Dove sono i 100 mln stanziati in Legge di Bilancio?»
Succede in Friuli, la Fials: «A questo punto meglio andare in deroga dall’esclusività»
di Tommaso Caldarelli
La ricetta Anaao per fermare la fuga dagli ospedali: «Ora contratto di lavoro e retribuzioni adeguate»
Il Segretario Palermo: «Una sofferenza che viene da lontano, amplificata dalla pandemia, e che ha reso insostenibili intensità assistenziale e carichi di lavoro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...