Lavoro 16 Aprile 2020 17:23

Ex specializzandi, Rizzotti (FI): «Presenterò Ddl per risolvere questione. Lo Stato ha moltissimo da farsi perdonare»

L’annuncio della vicepresidente dei senatori di Forza Italia a poche settimane dalla sentenza del Tribunale di Genova, che è stata accolta con entusiasmo dagli apicali della sanità. I commenti di Roberto Monaco (FNOMCeO), Alberto Oliveti (Enpam), Monica Puttini (OMCeO Genova) e Toti Amato (OMCeO Palermo)

Ex specializzandi, Rizzotti (FI): «Presenterò Ddl per risolvere questione. Lo Stato ha moltissimo da farsi perdonare»

Un Disegno di legge «che sani in via definitiva l’annosa questione» degli ex specializzandi, «affinché lo Stato faccia ammenda delle inadempienze del passato, dia un segnale concreto di sostegno ai medici e riconosca per legge i diritti sacrosanti di una categoria che per troppo tempo è stata vessata». Categoria, quella dei camici bianchi, che «in un momento drammatico come questo è in prima linea, e i medici vengono considerati giustamente eroi del quotidiano». Ad annunciare all’Ansa la presentazione del Ddl è Maria Rizzotti, vicepresidente dei senatori di Forza Italia.

Un annuncio che arriva a poche settimane dalla sentenza del Tribunale di Genova, che conferma il diritto al risarcimento di tutti i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola di specializzazione, indipendentemente dalla data di iscrizione al corso, spiegando inoltre le motivazioni per cui la prescrizione non sarebbe mai scattata e triplicando gli importi dei rimborsi, fino a 100mila euro per specializzazione. «La sentenza del Tribunale di Genova deve portare ad un’accelerazione per una soluzione legislativa rapida ed efficace – aggiunge la senatrice Rizzotti -. Uno Stato che costringe i medici al contenzioso, negando lo stesso standard garantito ai colleghi europei, ha moltissimo da farsi perdonare. È arrivato il momento di cicatrizzare le conseguenze degli errori fatti e iniziare finalmente una fase nuova».

LEGGI ANCHE: EX SPECIALIZZANDI, SENTENZA STORICA A GENOVA. CONSULCESI: «RIMBORSI FINO A 100MILA EURO E LA PRESCRIZIONE NON È MAI INIZIATA»

Un intervento legislativo che nei giorni scorsi era stato auspicato anche dai rappresentanti dei medici. A partire da Roberto Monaco, segretario della FNOMCeO: «I medici hanno dimostrato di essere un valore nel nostro Paese. E credo che questa dimostrazione di impegno sociale, di impegno civico, debba essere riconosciuta ancora di più. Quindi noi auspichiamo che la politica faccia uno sforzo per fare in modo che certi diritti sacrosanti come questo vengano riconosciuti».

Sulla stessa lunghezza d’onda Monica Puttini, membro del consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici di Genova: «In questo momento storico lo Stato ci sta chiedendo tanto, troppo spesso senza neanche garantire quei dispositivi di protezione individuale necessari a tutelare la nostra salute. E molti di quei medici ‘al fronte’ sono proprio quegli ex specializzandi a cui lo Stato ha sempre voltato le spalle. Ora più che mai è quindi auspicabile un intervento per sanare la situazione e riconoscere, una volta per tutte, lo stesso standard garantito ai colleghi europei. E sono numerose le modalità che il Parlamento potrebbe trovare per assegnare un equo indennizzo ai medici, garantendo comunque un risparmio importante per le casse dello Stato».

Positivi ed entusiasti anche i commenti sulla sentenza del Tribunale di Genova. Se per Monaco si tratta di un dispositivo «ben fatto, molto approfondito, che sicuramente farà giurisprudenza» e che, «in un momento drammatico per i medici, può far intravedere la luce di un diritto che dovrebbe essere riconosciuto», la dottoressa Puttini si spinge ben oltre: «È una sentenza ottima, molto articolata, che compie un passo in avanti. Negli anni passati abbiamo vissuto diverse fasi, abbiamo assistito ad un iniziale scetticismo, poi sono arrivate le prime vittorie, tante accelerazioni ma anche qualche frenata. È stato un percorso ondivago, ma la tenacia ha portato ad un risultato notevole».

Anche per Toti Amato, presidente dell’Ordine dei Medici di Palermo, la sentenza è «un tassello fondamentale nella storia del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi, rappresentando un importante precedente per le Corti d’Appello e per la Cassazione». E anche secondo lui, «proprio ora che si parla di medici eroi», il Parlamento dovrebbe «riappropriarsi della sua competenza e normare in maniera definitiva l’annosa materia, riconoscendo perlomeno questo diritto di cui non si è mai voluto tenere conto».

L’auspicio che la sentenza del Tribunale di Genova lasci un segno, infine, è condiviso anche dal presidente dell’Enpam Alberto Oliveti: «Speriamo che questa sentenza modifichi la giurisprudenza – ha commentato –. Si tratta di una sentenza giusta e interessante, che finalmente ci riporta ad un livello europeo. Vogliamo essere europei non solo nei doveri, ma anche nei diritti. Credo che sia giusto che il diritto di ogni cittadino di aumentare il proprio livello di conoscenze e competenze da mettere al servizio della collettività sia riconosciuto come è avvenuto negli altri Paesi dell’Unione, anche se noi abbiamo dovuto aspettare un po’ di tempo», ha aggiunto sarcastico.

 

Articoli correlati
L’Enpam si illumina del Tricolore per ricordare medici e dentisti morti per Covid
Le iniziative dell'ente di previdenza dei medici e degli odontoiatri in occasione della Giornata del personale sanitario
Enpam, patrimonio raddoppiato in dieci anni. Oliveti: «E con fiscalità europea più vantaggi agli iscritti»
Il presidente dell’ente previdenziale di medici e dentisti racconta l’anno del Covid: «Adottate misure per 700 milioni di euro per aiutare gli iscritti danneggiati dall’epidemia, ma assicurata sostenibilità dell’ente a 30 anni»
Azione collettiva medici ex specializzandi. Stato condannato a pagare altri 7 milioni di euro
Il Tribunale di Roma (Sentenza n. 951/2021) accoglie il nuovo ricorso di Consulcesi: riconosciuto il diritto negato ad altri 259 medici per la violazione delle direttive Ue. Massimo Tortorella (presidente Consulcesi): «La pandemia non frena la giustizia. Andremo avanti finché ogni medico non riceverà ciò che gli spetta».
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 marzo, sono 114.759.938 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.549.457 i decessi. Ad oggi, oltre 249,26 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...