Lavoro 18 Dicembre 2020 11:37

Risorse per la sanità, Magi (OMCeO Roma): «Così non andiamo da nessuna parte»

L’endorsement del Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma alla transazione per gli ex specializzandi: «Il governo si sieda intorno a un tavolo con i medici e trovi una soluzione a questa vicenda una volta per tutte»

Risorse per la sanità, Magi (OMCeO Roma): «Così non andiamo da nessuna parte»

Rabbia, delusione e preoccupazione. Sono questi i sentimenti che emergono dalle parole di Antonio Magi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, quando commenta le risorse destinate alla sanità dai progetti di legge di Bilancio e Recovery Plan. «Noi dobbiamo rivedere e riorganizzare completamente la sanità, ma così non abbiamo da nessuna parte. Servono 9 miliardi l’anno per 5-6 anni per cercare di migliorare qualcosa, invece stiamo ricommettendo gli errori del passato», si sfoga a Sanità Informazione.

Gli interventi necessari

Lungo l’elenco degli interventi necessari per «il cambio di passo della sanità italiana». Interventi che devono necessariamente, a detta di Magi, riguardare sia la medicina del territorio che l’ospedalità. «Se non funziona l’ospedale il territorio va in crisi; se non funziona il territorio va in crisi l’ospedale. La sanità è unica, nonostante si continui a spezzettarla. Quindi – riassume il Presidente dell’OMCeO Roma – bisogna potenziare le assunzioni, creare le equipe sul territorio che possano gestire cronicità e problemi di salute che non necessitano di ricovero. Stanno nascendo nuove malattie croniche, che includono anche le conseguenze a lungo termine del Covid: alcuni pazienti guariti, infatti, presentano esiti importanti di tipo polmonare e cardiologico. Insomma, c’è tanto su cui lavorare, ma con queste risorse non andiamo da nessuna parte».

Antonio Magi ha quindi già dato il via ad un serie di incontri con il Ministero della Salute e i responsabili della sanità dei partiti, e spera di «arrivare ad una sintesi che vada incontro ai bisogni veri dei pazienti e del Servizio Sanitario Nazionale». E parlando del binomio salute-economia di cui tanto si discute in questi giorni di pandemia natalizia, aggiunge: «Serve una decisione importante che stronchi questa emergenza sanitaria, altrimenti nemmeno l’economia riuscirà a ripartire».

Una transazione per gli ex specializzandi

Ma un altro tema che verrà affrontato dalla discussione sulla legge di Bilancio è quello degli ex specializzandi. Il senatore Antonio Saccone (UDC) ha infatti annunciato la presentazione di un emendamento che prevede un accordo transattivo per riconoscere un risarcimento forfettario agli specialisti penalizzati dal mancato recepimento di alcune direttive europee da parte dell’Italia.

«Sediamoci intorno a un tavolo e vediamo come si può risolvere questa vicenda, ma una soluzione va trovata – il commento di Magi -. Non si può andare avanti così, sono decine e decine di anni che aspettiamo: anche io sono un ex specializzando e tra poco vado in pensione. L’Italia non ha rispettato la normativa europea, quindi deve risarcire i colleghi che hanno frequentato le scuole di specializzazione tra il 1978 ed il 2006. Facciamo una transazione e chiudiamo una volta per tutte questa vicenda».

Giovani medici e percorso formativo

E passando dagli ex specializzandi ai giovani medici oggi in formazione, l’appello di Magi è ancora una volta chiaro: «In questo Paese non devono più esserci camici grigi o imbuti formativi. Chi si laurea in Medicina deve avere davanti a sé un percorso di studi e di carriera. Serve, quindi, una programmazione valida che vada dall’accesso all’università ai posti di lavoro. Altrimenti i nostri giovani andranno all’estero, dove li aspettano strutture all’avanguardia e stipendi molto più alti. Se non invertiamo la rotta – l’amara conclusione – in Italia non resterà più nessuno a curarci».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ex specializzandi, Consulcesi: «Segno inequivocabile da ministra Messa su risarcimenti»
Sulla questione ex specializzandi, dopo le novità, il presidente Consulcesi ribadisce: «Noi continueremo a sostenere nei tribunali, ed in tutte le altre sedi possibili, questa battaglia di giustizia»
Sbrollini (Italia Viva): «Chiederei scusa agli ex specializzandi per i ritardi. Ora tocca ai tribunali»
Subito dopo il question time in Senato, abbiamo incontrato la senatrice Daniela Sbrollini di Italia Viva, che ha posto alla ministra Maria Cristina Messa il quesito sull'ingiustizia subita dai medici specializzandi dall'83 al 91
Ex specializzandi. La ministra Messa: «Ci impegneremo a porre rimedio con ogni utile iniziativa»
Durante il question time in Senato, di fronte alla domanda della senatrice Sbrollini, la ministra Messa ha confermato di essere a conoscenza della recente sentenza della Corte di giustizia europea e rimarcato l'intenzione di porre fine all'ingiustizia
Ex specializzandi, Pagano: «Interessi e rivalutazione monetaria, il Parlamento ne tenga conto»
Il Senatore: «È opportuno che la politica e le istituzioni si facciano carico di un’esigenza e facciano capire che l’Italia rispetto a questo provvedimento non sia un paese di serie B, visto che siamo uno dei paesi fondatori dell’UE»
Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio
Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ricorrenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 agosto, sono 585.421.147 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.420.315 i decessi. Ad oggi, oltre 12,01 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale