Lavoro 30 luglio 2018

Enpam, pensioni al sicuro. Il Presidente Oliveti: «Così resisteremo all’impatto dei cambiamenti demografici»

Dalla sostenibilità della Fondazione al suo piano di investimenti, passando per le iniziative rivolte ai più giovani, Alberto Oliveti racconta lo stato di salute della cassa dei camici bianchi. E all’invito ad intervenire nell’economia reale risponde: «Il compito delle casse è un altro»

Immagine articolo

Sono casse che godono di ottima salute, quelle della Fondazione Enpam. L’ente previdenziale dei medici vanta infatti una sostenibilità effettiva di 50 anni e, se «per una strana congiunzione astrale», da domani alla Fondazione non entrasse nemmeno un euro, avrebbe comunque la capacità di erogare prestazioni per 13 anni. A parlare dello stato dell’arte della Fondazione è il suo Presidente, Alberto Oliveti, che spiega in che modo gli investimenti debbano essere «prudenti e lungimiranti» e racconta le numerose iniziative intraprese e pensate non solo per i pensionati, ma anche per chi sta ancora lavorando o, addirittura, studiando. E quando commenta l’invito del Viceministro Castelli rivolto alle casse previdenziali perché intervengano nell’economia reale è chiarissimo: «Il compito delle casse è garantire la previdenza e l’assistenza ai professionisti, che sono stati riconosciuti, al pari delle piccole e medie imprese, come dei motori di sviluppo e di crescita per l’economia nazionale. I nostri investimenti hanno quindi già una ricaduta positiva sul Paese, ma il compito diretto di sostenerlo, il Paese, spetta alla componente fiscale».

Presidente, i dati demografici fanno preoccupare per il futuro del welfare. Com’è la situazione per i medici?

«Non è diversa dalla situazione di altre categorie professionali. La popolazione sta invecchiando, i colleghi che vanno verso il pensionamento non vengono rimpiazzati in misura sufficienti dai giovani professionisti, l’aspettativa di vita (fortunatamente) sta aumentando. Noi siamo però ben attrezzati per reggere all’impatto. Abbiamo una sostenibilità effettiva di 50 anni, stiamo dimostrando con i bilanci annuali di rispettare la tabella di marcia di questo percorso alla sostenibilità, abbiamo una riserva accumulata che ci permetterebbe di pagare le prestazioni erogate nell’ultimo anno per 13 anni anche qualora, per una strana congiunzione astrale, alla Fondazione Enpam non entrasse nemmeno un euro, né sotto forma di contributo né sotto forma di provento degli investimenti del nostro patrimonio. Quindi i numeri ci confortano, e questa sostenibilità si associa anche alla redditività soddisfacente del nostro patrimonio. Un patrimonio che viene investito in una logica prudente da un lato e lungimirante dall’altro, senza correre rischi e pagando costi commissionali molto ridotti, inferiori all’1%, come avevamo promesso. I nostri controllori, cioè la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, negli ultimi anni hanno testato una redditività netta di investimento superiore al 3,5%, quindi abbiamo dei dati di investimento patrimoniale buoni».

LEGGI ANCHE: L’ENPAM HA APPROVATO IL BILANCIO 2017: UTILE SUPERIORE A 1,16 MILIARDI DI EURO

Inoltre state pensando anche a chi è ancora lontano dalla pensione…

«Esattamente. Stiamo procedendo con l’erogazione di prodotti di welfare che possono garantire una tranquillità vitale e professionale a tutela non solo dei pensionati, ma anche di coloro che stanno lavorando o che lavoreranno. Senza dimenticare l’iniziativa di legge che è stata accettata dal Parlamento che permette l’iscrizione volontaria alla Fondazione Enpam degli studenti dell’ultimo biennio di medicina e odontoiatria, quindi quelli del quinto e sesto anno che, in attesa di raggiungere l’agognata laurea, possono fin da subito usufruire delle prestazioni sia previdenziali che assistenziali che la Fondazione eroga. Più di 3mila giovani hanno optato volontariamente per questa scelta a dimostrazione che è stata una buona iniziativa. E poi proponiamo una long term care che copre tutti i medici attivi iscritti alla Fondazione Enpam, l’erogazione di mutui per l’acquisto della casa o dello studio professionale e l’istituzione di un fondo sanitario integrativo con la funzione di integrare realmente quanto offerto dal Servizio Sanitario Nazionale».

LEGGI ANCHE: BLOCKCHAIN, OLIVETI (ENPAM): «CON QUESTA TECNOLOGIA GIUSTO RICONOSCIMENTO E REMUNERAZIONE (ANCHE PREVIDENZIALE)»

Per concludere, di recente è cambiato il governo: quali sono stati i suoi primi approcci con il Ministero della Salute e cosa pensa dell’invito che il Viceministro Castelli ha rivolto alle casse previdenziali perché intervengano nell’economia reale?

«Gli approcci con il Ministero sono ancora in fase di costruzione. Per quanto riguarda casse ed economia reale, mi piacerebbe mettere le cose per ordine. Le casse esistono perché utilizzano un salario differito dei professionisti di loro riferimento per garantire loro previdenza ed assistenza, ed esercitano al meglio la loro funzione se prevedono anche una ricaduta sui campi lavorativi dai quali hanno la redditività, il guadagno. Questo è il compito delle casse. Ed evidentemente questi professionisti sono fondamentali per l’economia, perché sono stati riconosciuti, al pari delle piccole e medie imprese, come dei motori di sviluppo e di crescita per l’economia nazionale. Quindi i nostri investimenti correttamente condotti nei riguardi dei professionisti e del loro lavoro hanno una ricaduta positiva sul Paese. Ma il compito diretto di sostenere il Paese spetta alla componente fiscale, alla quale peraltro tutte le casse sono assoggettate pur non potendone viceversa ricevere nessun tipo di trasferimento diretto o indiretto. Poi ci sono alcuni bias intellettuali: spesso veniamo definiti come investitori pazienti, ma non possiamo essere pazienti perché quella sostenibilità a 50 anni si sostanzia con il rispetto di una tabella di marcia annuale che deve essere centrata, altrimenti corriamo il rischio di essere richiamati da chi ci vigila, nell’interesse dei professionisti stessi. Quindi da questo punto di vista noi più che pazienti dobbiamo essere investitori prudenti e lungimiranti, e questo cerchiamo di fare, sostanziandolo in numeri e fatti che sono consequenziali agli atti amministrativi che prendiamo. In questo noi ci dichiariamo disponibili per poter esercitare una leva positiva sul Paese, purché ci facciano lavorare correttamente come professionisti liberali e permettere alle casse che hanno questo compito di poter esercitare correttamente la propria funzione».

LEGGI ANCHE: TASSE E CONTRIBUTI, COME NON SBAGLIARE LA DICHIARAZIONE. LA GUIDA COMPLETA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO D

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Bilancio 2019, Ufficio Parlamentare di Bilancio: «Rischio tagli sanità per sostituire clausole salvaguardia»
L’organo che ha il compito di valutare il rispetto delle regole di bilancio nazionali ed europee sottolinea: «Pensionamenti anticipati potrebbero far emergere ancora più drammaticamente l’insufficienza di risorse umane per il SSN». Spesa SSN in calo su PIL
Quota 100, l’analisi della Cosmed: «Ponderare bene la scelta valutando costi e benefici»
Chi aderirà al pensionamento anticipato riceverà la liquidazione a partire dai 68 anni e non potrà svolgere attività lavorativa dal momento del percepimento della pensione fino al raggiungimento dell'età prevista per la pensione di vecchiaia
MMG, ultimi giorni per aumentare la pensione. Ecco come fare
Fino alla fine del mese resta aperta la finestra annuale per i medici di medicina generale che vogliono richiedere alla propria Asl l’incremento o la modifica dell’aliquota modulare
Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino
Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, contribuendo quindi ad aggravare la carenza di specialisti. In Legge di Bilancio, poi, i tagli dal 15% al 40% alle pensioni più alte. Ma il vicepresidente dell’Enpam Giovanni Malagnino tranquillizza i medici…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...