Lavoro 6 Settembre 2021 16:23

Covid-19, l’80% dei sanitari non vaccinati ancora lavora. Anelli (FNOMCeO): «Esercizio abusivo della professione»

Sono solo venti gli Ordini dei Medici che hanno ricevuto dalle Asl gli elenchi dei non immunizzati. Il presidente della Federazione nazionale: «La legge è chiara, oggi chi lavora senza la vaccinazione commette un reato e la magistratura deve intervenire»

Covid-19, l’80% dei sanitari non vaccinati ancora lavora. Anelli (FNOMCeO): «Esercizio abusivo della professione»

I sanitari non vaccinati e sospesi dall’Albo professionale non possono concretamente esercitare. Ma l’80% di loro continua a farlo «perché la legge non è applicata». Lo riferisce all’Adnkronos Salute Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici Chirurghi e degli odontoiatri.

Sanitari non vaccinati, solo ventuno Ordini hanno ricevuto gli elenchi

La legge stabilisce che individuare gli iscritti che non si sono immunizzati non spetta agli Ordini professionali ma alle Asl. Ma ad oggi, secondo il monitoraggio FNOMCeO, gli Ordini dei medici che hanno ricevuto elenchi parziali dei non immunizzati e hanno proceduto con la sospensione dall’Albo sono solo una ventina. «In Italia abbiamo 106 Ordini in Italia – precisa Anelli –. Per questo, almeno teoricamente, possiamo dire che l’80% degli operatori sanitari che dovevano essere sospesi perché non vaccinati sono ancora attivi».

Si tratta di una stima incerta ma che denota «una situazione grave che ha molte conseguenze spiacevoli – prosegue Anelli -. La mancata applicazione della legge sta determinando una non credibilità dell’istituzione. Le norme vanno applicate – continua il presidente FNOMCeO -. Posso capire che ci siano problemi di tenuta del sistema se si escludono dal lavoro operatori necessari, ma la legge deve essere o applicata o cancellata, non c’è una terza via».

«Abbiamo difficoltà a garantire ciò che il nostro ruolo richiede»

Anelli denuncia la difficoltà degli Ordini «a garantire delle liste chiare» di professionisti sanitari abilitati a lavorare. «Un medico che risulta iscritto all’Albo può esercitare – ricorda – ma se non ha i requisiti previsti dalla legge e questo non ci viene segnalato dalle Asl c’è una difficoltà da parte nostra nel garantire ciò che il nostro ruolo richiede e la possibilità dei cittadini di essere informati».

Anelli: «Ci sono Asl che chiudono gli occhi, ma la legge è questa, va rispettata»

Il fatto è che non ci sono controlli per verificare la corretta applicazione della legge. «Se non si riesce a far rispettare questa norma la si elimini – evidenzia Anelli -. Ci sono Asl che chiudono gli occhi – denuncia – e non solo per i medici: infermieri, psicologi, terapisti, tecnici di laboratorio. Tutti devono essere vaccinati per poter lavorare. La legge è questa, va rispettata».

Anelli: «Esercizio abusivo della professione. Intervenga la magistratura»

La legge parla chiaro: la vaccinazione è un requisito fondamentale per poter esercitare la professione sanitaria. I medici sospesi per non aver fatto il vaccino anti-Covid possono essere utilizzati «per compiti che non siano da medico» sottolinea Anelli aggiungendo che «oggi chi lavora senza la vaccinazione commette un esercizio abusivo della professione. Si tratta di un reato e deve intervenire la magistratura» conclude Anelli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaiolo delle scimmie, al via la campagna vaccinale in Italia
Da oggi, vaccini allo Spallanzani di Roma, in settimana a Milano. Le dosi attualmente disponibili, 16 mila, saranno suddivise tra le Regioni con il più alto numero di casi segnalati: Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna e Veneto. Personale di laboratorio con possibile esposizione diretta a orthopoxvirus, persone gay, transgender, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) tra i primi a ricevere la vaccinazione
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Rischio CBRN, Biselli (medico militare): «Addestrare il personale sanitario con esercitazioni pratiche periodiche»
Il medico è responsabile scientifico di un corso FAD sul Rischio CBRN rivolto ai professionisti sanitari per prepararli a gestire le emergenze da un punto di vista clinico e operativo
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale