Lavoro 22 Luglio 2019

Contratto dirigenza: domani si chiude il pre-accordo, ma i sindacati del “Patto” potrebbero non firmare

«Se il testo non dovesse modificarsi significativamente, le organizzazioni sindacali aderenti al Patto per la professione medica – CIMO, FESMED e ANPO-ASCOTI-FIALS Medici – saranno costrette a non firmare il pre-accordo e dichiareranno lo stato di agitazione dei propri iscritti». Così Guido Quici, presidente del Patto

«Se il pre-accordo sul contratto dei medici non recepirà le nostre istanze, non lo firmeremo». È quanto annunciano in una nota i sindacati CIMO-FESMED e ANPO-ASCOTI-FIALS Medici. «L’ultima versione del testo – prosegue – verrà resa disponibile da Aran solo nel pomeriggio di lunedì 22, alla ripresa delle trattative, con una scadenza di chiusura entro la giornata di martedì, banalmente motivata dall’imminente scadenza dell’attuale presidente Aran, Sergio Gasparrini, in attesa del successore».

«Se il testo che ci verrà presentato non avrà accolto le nostre osservazioni, avremo un contratto non accettabile perché potrebbe confermarsi di fatto “il contratto dei non medici” o “contro i medici” – dichiara Guido Quici, Presidente del Patto per la Professione Medica, l’accordo di unità sindacale recentemente siglato tra CIMO, FESMED, CIMOP, ANPO-ASCOTI-FIALS Medici.

Secondo gli aderenti al Patto per la Professione Medica, la trattativa ha subito «un’improvvisa accelerazione anche per la preoccupazione che qualche sindacato potesse far “saltare il banco” con le sue critiche motivate e le pregiudiziali, vanificando quel progetto politico che vuole non armonizzare i fondi ma fonderli in un unico contenitore per favorire una carriera unica tra medico, sanitario non medico, veterinario e professioni sanitarie».

LEGGI ANCHE: UNIFICAZIONE FONDI, PALERMO (ANAAO-ASSOMED): «I VERI BENEFICIARI NON POSSONO CHE ESSERE I MEDICI» 

«Alcuni diranno che è un buon contratto, altri che è il miglior contratto possibile di questi tempi, altri che non si poteva ottenere di più e così via – avverte Quici -. Nel rispetto delle posizioni di ciascuna Organizzazione Sindacale, gli aderenti al Patto Federativo per la Professione Medica ritengono, invece, che i testi su cui si è discusso fino ad oggi siano inadeguati, anzi indecenti, perché danneggiano la professione medica in termini morali, professionali, economici e normativi. Riteniamo, inoltre, che sia un contratto politico voluto dalle regioni, e principalmente da una, con l’obiettivo di aprire una corsia preferenziale ad altre figure professionali sanitarie con i soldi accantonati dai medici».

«In questi mesi si è costantemente parlato di disagio medico, di carenza di medici, di fuga dal SSN pubblico, di demotivazione, di giovani medici senza futuro in Italia, di investimenti in competenze sprecati, di necessità di riorganizzare l’accesso alla professione. Eppure, non si dà oggi il tempo materiale di approfondire un nuovo testo pieno di insidie e trucchi, punitivo e irresponsabilmente vessatorio sui medici, e si impedisce al sindacato di trattare norme tese a garantire migliori condizioni di lavoro, tutela dei professionisti e dei pazienti».

«Se tra oggi e domani, come molto probabile, il testo definitivo proposto da Aran non dovesse modificarsi significativamente – dichiara Quici – le OO.SS. aderenti al Patto per la Professione Medica (CIMO, FESMED, ANPO-ASCOTI-FIALS Medici) saranno costrette a non firmare il pre-accordo per tutte le ragioni già in questi mesi ampiamente rese note, dichiareranno lo stato di agitazione dei propri iscritti e promuoveranno assemblee nei presidi sanitari e ospedalieri per denunciare le modalità con cui è avvenuta la trattativa nazionale e i contenuti del nuovo contratto. Il nostro ‘no’ al pre-accordo sarà innanzitutto un ‘no politico’ a difesa della professione medica ed è anche un ‘no tecnico’ rispetto alla presunta volontà di escludere dal testo, in questa fase finale, decine e decine di disapplicazioni di norme contrattuali pregresse, che di fatto condizioneranno pesantemente il futuro contratto», sottolinea il Presidente del Patto per la Professione Medica.

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, NUOVA BOZZA ARAN SUL TAVOLO. MA IL FRONTE SINDACALE RESTA DIVISO

Per il Patto, esiste inoltre «il concreto rischio che questo contratto possa creare sperequazioni tra medici attraverso meccanismi di travasi tra fondi o tra medici e altri dirigenti sanitari ingenerando conflitti interni alle professioni. In tal modo, si spingeranno ulteriormente i professionisti qualificati a cercare una uscita anticipata dal SSN e disincentiva l’ingresso dei giovani medici».

«Appena il Patto per la Professione Medica avrà conclusa la disamina del testo finale che verrà consegnato da Aran nelle prossime ore, renderà noti nel dettaglio i principali motivi che potrebbero spingere a non firmare l’accordo, evidenziando i ‘no’ contro un “contratto truffa”, che nessuna manipolazione propagandistica potrà smentire e che nei fatti nuoce solo ai medici», conclude la nota.

Articoli correlati
Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»
Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
Contratto, Quici (CIMO-Fesmed): «Firmiamo e poi disdiciamo». E sulle risorse alla sanità: «2 miliardi insufficienti, serve shock»
Il presidente della Federazione CIMO-Fesmed fa il bilancio dell’anno che sta per concludersi: «Un anno faticoso e importante, che ha posto le basi di un’aggregazione sindacale che rappresenterà 19mila medici»
Contratto, sindacati guardano già al 2019-2021. Grasselli (Cosmed): «Premiare medici che lavorano in aree marginali»
Al Convegno “Quale futuro per contratti e pensioni” organizzato dalla Confederazione Sindacale Medici e Dirigenti si è parlato molto di come incrementare le parti variabili del salario: «È necessario abrogare il comma 2 articolo 23 della Legge Madia: non ha più alcuna utilità, non ha generato alcun risparmio perché di fatto provoca distorsioni applicative in tutti i territori» sottolinea il segretario aggiunto Cosmed Aldo Grasselli
Patto per la salute, CIMO – FESMED: «Senza una vera visione strategica. Servono risorse certe e revisione della gestione finanziaria»
Secondo la federazione sindacale guidata da Guido Quici l'incremento di 2 miliardi di euro appare del tutto insufficiente ad affrontare alcune operazioni: dall’abolizione del superticket agli incrementi contrattuali del personale dirigente sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...