Lavoro 8 Luglio 2019 18:47

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici (Cimo-Fesmed): «Le risorse saranno date dai medici in un rapporto 5 a 1». Vergallo: (Aaroi-Emac): «Paventiamo rischio concreto di appiattimento tra le professioni»

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

La questione del rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria si fa sempre più complessa. Ora, a dividere Aran e sindacati è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Un’unione prevista da una Legge adottata dall’ex ministro Renato Brunetta, ma la cui attuazione è diventata il nuovo ostacolo da superare per arrivare, a contratto già scaduto e dopo 10 anni di attesa, alla firma del nuovo testo.

Secondo Carlo Palermo, segretario nazionale di Anaao-Assomed, i veri beneficiari dell’unificazione «non possono che essere i medici, perché il valore medio della loro posizione è inferiore a quello dei dirigenti sanitari non medici». Per spiegare perché, ci elenca alcuni esempi tratti dai dati Aran 2016 relativi agli stipendi lordi dei professionisti: «La media della parte relativa alla posizione dei dirigenti sanitari non medici risulta essere di 8333 euro pro capite, mentre quella dei medici è di 8007 euro; la media della parte relativa al risultato dei dirigenti sanitari non medici è di 5362 euro pro capite, mentre quella dei medici è di 3934 euro. Mi risulta difficile capire perché, con l’unificazione dei fondi e l’armonizzazione dei valori, il medico dovrebbe perderci».

«Quello che contestiamo, al di là di chi ci guadagna o di chi ci perde – risponde Alessandro Vergallo, presidente del sindacato degli anestesisti-rianimatori Aaroi-Emac – è l’interpretazione stessa dell’armonizzazione dei fondi di cui parla la Legge. Secondo noi, l’armonizzazione non equivaleva all’unico calderone che ci ha proposto l’Aran. Ricordiamo infatti che i medici rappresentano la grande maggioranza dei dirigenti di area sanitaria. Quello che non condividiamo e non riusciamo ad accettare, quindi, è l’assenza di un meccanismo di suddivisione percentualmente paritetico tra le varie categorie professionali. In questo modo, è l’intera organizzazione del lavoro dei medici a decadere; è un rischio concreto di appiattimento tra le professioni che temiamo».

Anche la Federazione CIMO-FESMED, che insieme all’Aaroi-Emac ha lasciato il tavolo delle trattative, esprime forti perplessità, elencate in una lettera indirizzata a Sanità Informazione, sull’andamento delle trattative, che «intendono livellare le competenze professionali e le retribuzioni dei medici nel sistema pubblico». In particolare, per quanto riguarda l’unificazione dei fondi, il presidente Guido Quici evidenzia che «gran parte delle risorse le daranno i medici in un rapporto almeno di 5 a 1, dunque tutti avranno risorse per le loro carriere attraverso risorse che provengono prevalentemente dai medici».

«Bisognerà sicuramente mettere dei paletti – specifica Palermo – ed evitare variabilità eccessive a livello periferico tali che, ad esempio, nessun medico abbia un valore di posizione globale inferiore a quello in essere con l’attuale contratto».

Anche Vergallo parla di meccanismi di garanzia che tutelino i medici, che l’Aaroi-Emac ha chiesto informalmente all’Aran: «Stiamo studiando una possibile soluzione che preveda una ripartizione per quota capitaria dei soldi che finiscono nel fondo. Si tratterebbe di un meccanismo per il quale ogni dirigente mette un’uguale quota capitaria e poi gli incarichi dirigenziali vengono pagati in ragione di quanto portato da ciascuna categoria. Un meccanismo che impedirebbe la riduzione dei primariati medici a fronte dell’aumento di quelli non medici, cui abbiamo assistito di frequente negli ultimi anni e continuiamo ad assistere. La nuova bozza Aran dovrebbe accogliere parte delle nostre proposte. Una volta letto il testo, valuteremo se e come proseguire la nostra attività».

Articoli correlati
«Lavorare in ospedale? No, grazie». In 10 anni aumentati dell’81% i medici che si sono dimessi
Lo rivela uno studio condotto da Anaao Assomed: «La speranza è soprattutto di avere un lavoro meno burocratico, più autonomo, con orari più flessibili»
CIMO-FESMED: «Vergognoso sfruttare pandemia per un task shifting contro i medici»
CIMO-FESMED ribadisce la propria posizione in relazione a diversi interventi giudicati poco lungimiranti se non ostili alla categoria dei medici
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
Decreto Covid, la delusione di medici e professionisti sanitari. Anelli (FNOMCeO): «Tutela insufficiente»
Il Ministro Speranza esprime soddisfazione per il DL e ribadisce «l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza»
Chi soccorre il 118? Fotografia di un sistema a geometria variabile
Il racconto di Andrea Filippi (Fp Cgil Medici), Alessandro Vergallo (Aaroi-Emac), Cristina Girardet (Usb) e Maurizio Borgese (SMI)
di Peter D'Angelo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 maggio, sono 159.703.471 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.318.053 i decessi. Ad oggi, oltre 1,32 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...