Lavoro 8 Luglio 2019

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici (Cimo-Fesmed): «Le risorse saranno date dai medici in un rapporto 5 a 1». Vergallo: (Aaroi-Emac): «Paventiamo rischio concreto di appiattimento tra le professioni»

Immagine articolo

La questione del rinnovo del contratto della dirigenza medica e sanitaria si fa sempre più complessa. Ora, a dividere Aran e sindacati è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Un’unione prevista da una Legge adottata dall’ex ministro Renato Brunetta, ma la cui attuazione è diventata il nuovo ostacolo da superare per arrivare, a contratto già scaduto e dopo 10 anni di attesa, alla firma del nuovo testo.

Secondo Carlo Palermo, segretario nazionale di Anaao-Assomed, i veri beneficiari dell’unificazione «non possono che essere i medici, perché il valore medio della loro posizione è inferiore a quello dei dirigenti sanitari non medici». Per spiegare perché, ci elenca alcuni esempi tratti dai dati Aran 2016 relativi agli stipendi lordi dei professionisti: «La media della parte relativa alla posizione dei dirigenti sanitari non medici risulta essere di 8333 euro pro capite, mentre quella dei medici è di 8007 euro; la media della parte relativa al risultato dei dirigenti sanitari non medici è di 5362 euro pro capite, mentre quella dei medici è di 3934 euro. Mi risulta difficile capire perché, con l’unificazione dei fondi e l’armonizzazione dei valori, il medico dovrebbe perderci».

«Quello che contestiamo, al di là di chi ci guadagna o di chi ci perde – risponde Alessandro Vergallo, presidente del sindacato degli anestesisti-rianimatori Aaroi-Emac – è l’interpretazione stessa dell’armonizzazione dei fondi di cui parla la Legge. Secondo noi, l’armonizzazione non equivaleva all’unico calderone che ci ha proposto l’Aran. Ricordiamo infatti che i medici rappresentano la grande maggioranza dei dirigenti di area sanitaria. Quello che non condividiamo e non riusciamo ad accettare, quindi, è l’assenza di un meccanismo di suddivisione percentualmente paritetico tra le varie categorie professionali. In questo modo, è l’intera organizzazione del lavoro dei medici a decadere; è un rischio concreto di appiattimento tra le professioni che temiamo».

Anche la Federazione CIMO-FESMED, che insieme all’Aaroi-Emac ha lasciato il tavolo delle trattative, esprime forti perplessità, elencate in una lettera indirizzata a Sanità Informazione, sull’andamento delle trattative, che «intendono livellare le competenze professionali e le retribuzioni dei medici nel sistema pubblico». In particolare, per quanto riguarda l’unificazione dei fondi, il presidente Guido Quici evidenzia che «gran parte delle risorse le daranno i medici in un rapporto almeno di 5 a 1, dunque tutti avranno risorse per le loro carriere attraverso risorse che provengono prevalentemente dai medici».

«Bisognerà sicuramente mettere dei paletti – specifica Palermo – ed evitare variabilità eccessive a livello periferico tali che, ad esempio, nessun medico abbia un valore di posizione globale inferiore a quello in essere con l’attuale contratto».

Anche Vergallo parla di meccanismi di garanzia che tutelino i medici, che l’Aaroi-Emac ha chiesto informalmente all’Aran: «Stiamo studiando una possibile soluzione che preveda una ripartizione per quota capitaria dei soldi che finiscono nel fondo. Si tratterebbe di un meccanismo per il quale ogni dirigente mette un’uguale quota capitaria e poi gli incarichi dirigenziali vengono pagati in ragione di quanto portato da ciascuna categoria. Un meccanismo che impedirebbe la riduzione dei primariati medici a fronte dell’aumento di quelli non medici, cui abbiamo assistito di frequente negli ultimi anni e continuiamo ad assistere. La nuova bozza Aran dovrebbe accogliere parte delle nostre proposte. Una volta letto il testo, valuteremo se e come proseguire la nostra attività».

Articoli correlati
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
Vergallo (AAROI-EMAC): «Senza pianificazione, programmazione e organizzazione investimenti rischiano di rimanere sulla carta»
Il contributo del Presidente dell'Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani – Emergenza Area Critica Alessandro Vergallo
di Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC
Premialità Covid-19, Anaao: «Assegnata in modo indistinto a Dirigenza e Comparto. Così si oltraggia la dignità di medici e dirigenti sanitari»
«Un vero e proprio schiaffo a quei volti che abbiamo visto su tutti i media segnati dalla stanchezza e dalla sofferenza – dichiara il Segretario Palermo -. La tanto sbandierata riconoscenza per la nostra generosità, lo spirito di servizio e l’abnegazione, passata l’emergenza, cede il posto, come nella Regione Veneto, a più vili e prosaiche esigenze di consenso politico e propaganda elettorale»
Decreto rilancio, Anaao Assomed: «Bene iniezione di risorse, ma lavoriamo per superare criticità»
«Prima il DL “Cura Italia” con 1,410 mld e ora il DL “Rilancio” con un ulteriore incremento di 3,250 mld del finanziamento del sistema sanitario, affrontano le problematiche emerse dalla pandemia. Ora è fondamentale vigilare per la sua conversione in legge e superare le criticità ancora persistenti con giuste proposte emendative» precisa il segretario Palermo
Violenza medici, trend in aumento: il 55% degli operatori vittima di aggressioni. L’indagine Anaao Assomed
Gli psichiatri i camici bianchi più colpiti, seguiti dai colleghi del pronto soccorso. Ma l'80% delle aggressioni non viene denunciato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...