Contributi e Opinioni 5 Luglio 2019

«Ecco la verità sulle proposte Aran e i motivi per cui non ci sono prospettive di accordo»

di Guido Quici, Presidente Federazione CIMO-FESMED

di Guido Quici, Presidente Federazione CIMO-FESMED

Gentile Direttore,

credo importante che si dica la verità sulle proposte di rinnovo del contratto dei medici in discussione da oltre 15 mesi. Vorrei che fosse chiaro che quello che CIMO-FESMED non può far passare è l’impostazione politica della strategia in atto da parte delle istituzioni, che intende livellare le competenze professionali e le retribuzioni dei medici nel sistema pubblico, costringendoli a fuggire verso il privato o in pensione e svalutando ogni prospettiva per i giovani medici.

Quello sul tavolo, ancora oggi:

  • È un contratto che delega alla contrattazione decentrata gran parte degli accordi lasciando poi ampia discrezionalità ai direttori generali delle aziende sanitarie.
  • È un contratto che ignora le prospettive dei giovani medici ed affossa la professione medica, livellandone il riconoscimento verso il basso.
  • È un contratto che riduce sempre di più le prerogative sindacali abolendo l’istituto della concertazione che sarebbe sostituito dal confronto, a vantaggio delle amministrazioni.
  • È un contratto che, pur mantenendo nominalmente tre fondi (di posizione, di risultato e di disagio) fa sì che le risorse di ciascuno sia la sommatoria tra quelli di tutte le professioni (medici, veterinari, sanitari e professioni sanitarie) dove gran parte delle risorse le daranno i medici in un rapporto almeno di 5 a 1; dunque tutti avranno risorse per le loro carriere attraverso risorse che provengono prevalentemente dei medici.
  • È un contratto nel quale si prevede, in caso di incapienza del fondo di posizione, di ricorrere al fondo di risultato. Il tutto, senza aggiungere un euro per le carriere e attingendo sempre agli stessi fondi aziendali del personale: in pratica, un autofinanziamento.
  • È un contratto che quindi finanzia solo il tabellare e il disagio. Per la retribuzione di posizione ci sarà chi ci guadagnerà e chi ci perderà (molti medici), vanificando il proprio incremento contrattuale.

Per CIMO-FESMED dunque le pregiudiziali nei confronti della proposta di Aran, in questi termini, rimangono valide e per il momento, in questi termini, non vediamo dietro l’angolo chiare prospettive di accordo. Quindi nessun clima sereno, ma da parte nostra vigile attenzione, soprattutto ora che la Controparte si è impegnata ad inviare un nuovo testo al termine della prossima settimana, con l’obiettivo di chiudere entro fine mese attraverso una discussione limitata in soli 3-4 giorni.

A raccontare la verità sarà però la stessa busta paga, in cui alcune voci potranno sembrare maggiorate mentre altre saranno nel lungo termine penalizzate. Nei prossimi anni si vedranno gli effetti di proposte contrattuali di questo tipo, ma chi le vuole firmare oggi sarà probabilmente già in pensione.

Guido Quici – Presidente Federazione CIMO-FESMED

Articoli correlati
Medici del privato in sciopero. De Rango (Cimop): «Non siamo camici bianchi di serie B»
La protesta dei medici dell'ospedalità privata contro il mancato rinnovo del contratto, che attendono da oltre 15 anni, e la solidarietà del Patto della Professione Medica
Quest’estate gli ospedalieri potrebbero non riuscire ad andare in ferie. Leoni (CIMO Veneto) spiega perché
Nuovo contratto, carenza di personale e recupero delle prestazioni rimandate per il Covid: la tempesta perfetta che rende le vacanze estive di chi lavora in ospedale un miraggio
Cimo-Fesmed: «Mes o non mes, il SSN si salva solo con una strategia nazionale»
Secondo la federazione dei medici ospedalieri, il dibattito sui fondi per la sanità deve partire da un piano che metta al primo posto riforma del lavoro e professionalità
Quici (Cimo-Fesmed): «Rivedere il finanziamento di SSN e LEA, riorganizzare la gestione regionalizzata e riformare al formazione»
Affrontare il sottofinanziamento del SSN in modo strutturale, rivedere il sistema di finanziamento dei LEA, riorganizzare le divisioni interne della sanità e la gestione regionalizzata, ridare centralità al Ministro della Salute, avviare una riforma della rappresentanza e della rappresentatività e, non ultimo, seria revisione del percorso formativo dei medici: questi i pilastri delle azioni per […]
di Guido Quici, Presidente Cimo-Fesmed
CIMO-FESMED al governatore Rossi: «Revochi delibera che punisce i medici negando la libera professione»
«Presidente Rossi basta con la demagogia. Chiediamo l’immediata revoca della Delibera 49 del 3 Maggio 2020. La Libera Professione è un diritto e negare i più elementari diritti contrattuali per perseguire una propria ideologia fatta solo di demagogia serve solo a rimarcare una gestione della sanità monocratica che, per l’ennesima volta, dimostra avversione alla professione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...