Contributi e Opinioni 5 Luglio 2019

«Ecco la verità sulle proposte Aran e i motivi per cui non ci sono prospettive di accordo»

di Guido Quici, Presidente Federazione CIMO-FESMED

di Guido Quici, Presidente Federazione CIMO-FESMED

Gentile Direttore,

credo importante che si dica la verità sulle proposte di rinnovo del contratto dei medici in discussione da oltre 15 mesi. Vorrei che fosse chiaro che quello che CIMO-FESMED non può far passare è l’impostazione politica della strategia in atto da parte delle istituzioni, che intende livellare le competenze professionali e le retribuzioni dei medici nel sistema pubblico, costringendoli a fuggire verso il privato o in pensione e svalutando ogni prospettiva per i giovani medici.

Quello sul tavolo, ancora oggi:

  • È un contratto che delega alla contrattazione decentrata gran parte degli accordi lasciando poi ampia discrezionalità ai direttori generali delle aziende sanitarie.
  • È un contratto che ignora le prospettive dei giovani medici ed affossa la professione medica, livellandone il riconoscimento verso il basso.
  • È un contratto che riduce sempre di più le prerogative sindacali abolendo l’istituto della concertazione che sarebbe sostituito dal confronto, a vantaggio delle amministrazioni.
  • È un contratto che, pur mantenendo nominalmente tre fondi (di posizione, di risultato e di disagio) fa sì che le risorse di ciascuno sia la sommatoria tra quelli di tutte le professioni (medici, veterinari, sanitari e professioni sanitarie) dove gran parte delle risorse le daranno i medici in un rapporto almeno di 5 a 1; dunque tutti avranno risorse per le loro carriere attraverso risorse che provengono prevalentemente dei medici.
  • È un contratto nel quale si prevede, in caso di incapienza del fondo di posizione, di ricorrere al fondo di risultato. Il tutto, senza aggiungere un euro per le carriere e attingendo sempre agli stessi fondi aziendali del personale: in pratica, un autofinanziamento.
  • È un contratto che quindi finanzia solo il tabellare e il disagio. Per la retribuzione di posizione ci sarà chi ci guadagnerà e chi ci perderà (molti medici), vanificando il proprio incremento contrattuale.

Per CIMO-FESMED dunque le pregiudiziali nei confronti della proposta di Aran, in questi termini, rimangono valide e per il momento, in questi termini, non vediamo dietro l’angolo chiare prospettive di accordo. Quindi nessun clima sereno, ma da parte nostra vigile attenzione, soprattutto ora che la Controparte si è impegnata ad inviare un nuovo testo al termine della prossima settimana, con l’obiettivo di chiudere entro fine mese attraverso una discussione limitata in soli 3-4 giorni.

A raccontare la verità sarà però la stessa busta paga, in cui alcune voci potranno sembrare maggiorate mentre altre saranno nel lungo termine penalizzate. Nei prossimi anni si vedranno gli effetti di proposte contrattuali di questo tipo, ma chi le vuole firmare oggi sarà probabilmente già in pensione.

Guido Quici – Presidente Federazione CIMO-FESMED

Articoli correlati
Anaao contro il ‘riposo spezzatino’. Costantino: «Corte UE dica se deroga a direttiva è lecita. Per noi non lo è»
Il sindacato promette di dar battaglia per assicurare il riposo sufficientemente lungo e continuo previsto dalle direttive europee anche ai medici in pronta disponibilità. Il sindacalista: «Non prospettiamo il muro contro muro, ma credo che le Leggi vadano rispettate da tutti»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
Pronta reperibilità, Anaao – Assomed non ci sta e ricorre alla Corte di Giustizia europea
In base alle normative attuali la chiamata in servizio durante la pronta disponibilità “sospende” il riposo e non lo “interrompe”. Interpretazione contestata dal sindacato guidato da Carlo Palermo che ora punta a un chiarimento definitivo
Affari Sociali, un anno di Commissione con Marialucia Lorefice: «Con la Lega stessa visione sulla sanità, ma attenzione ad autonomia differenziata»
«In sanità stiamo investendo a differenza di quanto si è fatto rispetto al passato. È finito il tempo dei tagli lineari e indiscriminati» sottolinea la Presidente di Commissione in un colloquio di bilancio in esclusiva con Sanità Informazione. Poi rivendica il provvedimento sulla sanità trasparente e rilancia la sua mozione per staccare il Fondo sanitario dall’andamento del Pil: «Assegnare fondi certi, la salute è un investimento, non un costo». E dice la sua sul contratto della dirigenza medica che l’ha vista impegnata in prima persona…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone